L’indice DAX continua a essere scambiato vicino ai suoi massimi record

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Giu 13, 2021
Updated: Giu 14, 2021
  • La banca centrale tedesca prevede che l'economia della Germania possa crescere del 3,7% quest'anno.
  • L'indice dei prezzi al consumo in Germania è aumentato dello 0,50% a maggio.
  • Secondo Bundesbank, l'inflazione potrebbe aumentare più rapidamente di quanto attualmente previsto.

L’indice DAX tedesco continua a essere scambiato in un mercato rialzista e finché resta superiore a 15.000 punti, non vi è alcun rischio di inversione della sua tendenza positiva. La Banca Centrale Europea ha lasciato invariata la sua politica monetaria la scorsa settimana e ha rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita e inflazione per il 2021 e il 2022.

La previsione di crescita è stata rivista al 4,6% per quest’anno e al 4,7% per il prossimo, mentre Christine Lagarde ha affermato che è troppo presto per parlare di tapering. Il presidente della BCE, Christine Lagarde, ha affermato che l’economia dell’UE è ancora in ripresa e che la politica monetaria ultra-allentata rimarrebbe in vigore per evitare picchi nei costi di finanziamento.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

L’Unione Europea pubblicherà i dati sull’inflazione di maggio la prossima settimana ed è importante dire che la BCE non si aspetta che l’inflazione raggiunga presto il 2%.

“Le pressioni sui prezzi rimangono contenute in Europa. Nonostante le sue revisioni al rialzo delle previsioni di inflazione, la BCE non si aspetta che l’inflazione raggiunga il 2% entro il suo orizzonte di proiezione”, hanno scritto in una nota gli analisti di BCA Research.

L’ottimismo di riapertura ha anche spinto i mercati azionari e le azioni europee hanno esteso i guadagni per la sesta sessione di venerdì.

I dati tedeschi pubblicati nei giorni scorsi sono stati contrastanti e il ritmo di ripresa è ancora al di sotto dei livelli auspicati. La produzione industriale nel Paese è diminuita dell’1% ad aprile, gli ordini di fabbrica sono diminuiti dello 0,2%, ma Barclays prevede un rimbalzo per l’economia tedesca nel terzo trimestre del 2021.

L’indagine ZEW ha mostrato che il sentimento economico è sceso a 79,8 a giugno e la ragione principale di ciò è stata la terza ondata di coronavirus. Il sentimento economico si è contratto mentre un’altra ondata di coronavirus ha pesato sulle imprese locali mentre i politici ritengono che il peggio sia stato evitato.

L’indice dei prezzi al consumo in Germania è aumentato dello 0,50% a maggio e, secondo la Bundesbank, l’inflazione potrebbe aumentare più rapidamente di quanto attualmente previsto. La banca centrale tedesca prevede che l’economia tedesca potrebbe crescere del 3,7% quest’anno e raggiungere i livelli pre-pandemia prima del Q3.

“L’economia tedesca sta superando la crisi legata alla pandemia”, ha affermato il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann.

Analisi tecnica: 15.000 punti ora rappresentano un potente livello di supporto

Fonte dei dati: tradingview.com

L’indice DAX continua a essere scambiato vicino ai suoi massimi record e se il prezzo supera i 15.700 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno a 15.800 o addirittura 16.000. È importante dire che 15.000 punti ora rappresentano un potente livello di supporto e finché il prezzo è al di sopra di questo supporto, non vi è alcuna indicazione di un’inversione di tendenza positiva.

In sintesi

L’indice DAX tedesco continua a essere scambiato in un mercato rialzista supportato dalla notizia che la banca centrale tedesca si aspetta che l’economia possa crescere del 3,7% quest’anno. L’indice DAX è attualmente scambiato a meno di trecento punti al di sotto della resistenza di 16.000 punti e, finché il DAX è superiore a 15.000 punti, non vi è alcun rischio di inversione di tendenza positiva.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro