Il ministro delle finanze olandese si oppone al ban assoluto sulle criptovalute

By: Ali Raza
Ali Raza
Ali svolge un ruolo chiave nel team di notizie sulle criptovalute. Ama viaggiare nel tempo libero e gli piace… read more.
on Giu 14, 2021
  • Il ministro delle finanze olandese ha criticato Pieter Hasekamp riguardo il crypto ban.
  • Wopke Hoekstra ha affermato che una regolamentazione sulle criptovalute sarebbe più efficace.
  • Ha consigliato alle piattaforme di seguire le regole KYC per ridurre i rischi di riciclaggio di denaro.

Il ministro delle finanze olandese, Wopke Hoekstra, ha espresso la sua opinione sul crypto ban che è stato proposto nel Paese. Secondo lui, un regolamento normativo crypto sarebbe l’ideale per tutti, piuttosto che un divieto assoluto.

Il ban assoluto era stato suggerito da Pieter Hasekamp

Il ministro ha risposto al suggerimento del consigliere economico, Pieter Hasekamp, che ha dichiarato che il Paese dovrebbe vietare qualsiasi attività sulle criptovalute.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Mentre il ministro ha riconosciuto le preoccupazioni di Husekamp sulle criptovalute, ha affermato che un divieto completo non fornirebbe una soluzione migliore della regolamentazione delle attività legate alle criptovalute. Ha sottolineato:

Ritengo che ora la regolamentazione è più efficace di un divieto totale, nei Paesi Bassi.

Hoekstra afferma che l’obiettivo dovrebbe essere la fornitura di leggi che offriranno maggiore protezione a consumatori e investitori. Come passo in quella direzione, ha affermato di voler discutere con le società di carte di credito la necessità di istituire una protezione più forte per coloro che acquistano risorse crittografiche tramite carte di credito.

Hoekstra ha anche affermato di aver inizialmente dichiarato i pericoli nel trading di criptovalute nel 2017 quando ha sottolineato che gli investitori crypto dovrebbero sapere che le loro scommesse sulle criptovalute sono “interamente a proprie spese e rischio”.

Gli exchange dovrebbero rispettare le regole KYC

Hasekamp ha sostenuto all’inizio della scorsa settimana che il governo olandese dovrebbe vietare immediatamente le criptovalute. Ha citato le regolari attività di riciclaggio di denaro e gli elevati rischi di volatilità come ragioni sufficienti per prendere la decisione.

Sulla base delle proposte che ha raccomandato, i servizi crypto e le piattaforme di scambio dovrebbero registrarsi presso le autorità e seguire i requisiti Know-your-customer (KYC) per proteggere utenti e consumatori.

Nel novembre dello scorso anno, l’Autorità olandese per i mercati finanziari (AFM), che è la versione statunitense della SEC, ha dichiarato che il mercato delle ICO è un “cocktail pericoloso”. In risposta alla dichiarazione, Hoekstra ha proposto divieti che impedirebbero alle aziende di pubblicizzare prodotti finanziari ad alto rischio.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro