L’indice DAX continua a essere scambiato vicino ai suoi massimi record

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Lug 14, 2021
  • Le borse europee hanno chiuso leggermente in ribasso questo mercoledì.
  • L'economia tedesca è in forte ripresa.
  • L'indice DAX rimane in un mercato rialzista.

Le azioni europee hanno chiuso in lieve calo questo mercoledì a seguito di un’inflazione superiore al previsto riportata dal Regno Unito, mentre l’indice DAX tedesco ha chiuso la giornata a meno di un punto in meno. L’ottimismo di riapertura ha spinto i mercati azionari nelle ultime settimane, ma l’inflazione annuale della Gran Bretagna per giugno ha superato l’obiettivo del 2% della Banca d’Inghilterra, che ha colpito la fiducia degli investitori.

L’indice DAX continua a essere scambiato in un mercato rialzista e finché il DAX è superiore a 15.500 punti, non vi è alcun rischio di inversione di tendenza positiva. La crescita del business dell’Eurozona è accelerata a giugno al ritmo più veloce degli ultimi 15 anni; tuttavia, il presidente della BCE, Christine Lagarde, ha affermato che la politica monetaria ultra-allentata rimarrà in vigore ed è troppo presto per discutere del tapering.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo le stime, gli utili societari dovrebbero registrare risultati eccellenti per il secondo trimestre del 2021 e Christian Stocker, stratega azionario di UniCredit Bank, ha affermato che le azioni europee potrebbero avanzare nelle prossime settimane. Il ministero dell’Economia tedesco ha annunciato questa settimana che la ripresa economica della Germania dalla pandemia è in pieno svolgimento e le prospettive per il settore rimangono positive.

“L’economia tedesca è in forte ripresa e dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi nel terzo trimestre. Le strozzature nell’offerta di prodotti intermedi… hanno un effetto frenante, ma non intaccano la dinamica positiva di fondo del economica”, ha riferito il ministero dell’Economia tedesco.

Il ministero dell’Economia tedesco ha avvertito che l’inflazione potrebbe superare il 3% nella seconda metà del 2021 a causa del programma di stimolo del governo, ma l’inflazione si attenuerà in modo significativo nel 2022. La banca centrale tedesca prevede che l’economia tedesca potrebbe crescere del 3,7% quest’anno e raggiungere i livelli pre-pandemia prima del terzo trimestre.

La variante Delta del cCoronavirus rappresenta ancora un problema, ma l’attenzione degli investitori si concentrerà sulla stagione degli utili del secondo trimestre.

Analisi tecnica: l’indice DAX potrebbe raggiungere i 16.000 punti

Fonte dati: tradingview.com

L’indice DAX continua a essere scambiato vicino ai suoi massimi storici e se il prezzo supera i 15.850 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere intorno a 15.900 o addirittura 16.000. È importante dire che 15.500 punti rappresentano l’attuale livello di supporto e finché il prezzo è al di sopra di questo supporto, non vi è alcuna indicazione di un’inversione di tendenza positiva.

In sintesi

L’indice DAX tedesco continua a essere scambiato vicino ai massimi storici nonostante i timori che la ripresa dell’economia tedesca possa essere colpita dalla variante Delta del Coronavirus in rapida diffusione. Delta è ora la variante dominante in Germania e rappresenta oltre il 50% dei campioni positivi al COVID-19, il che segnala che la battaglia contro il Coronavirus continua. L’attenzione degli investitori si concentrerà sulla stagione degli utili del secondo trimestre e, secondo le stime, gli utili societari europei dovrebbero essere più che raddoppiati. L’indice DAX viene scambiato solo 212 punti al di sotto della resistenza di 16.000 e, per ora, tutto indica che potrebbe raggiungere i 16.000 punti nei prossimi giorni o settimane.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro