Motivi per cui Paul Meeks non vuole possedere azioni Intel

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 16, 2021
  • Intel Corp punta all'acquisizione da $30 miliardi di GlobalFoundries Inc.
  • Gli analisti soprannominano la mossa di Intel "disperata" su "The Exchange" della CNBC.
  • Paul Meeks di Independent Solutions dice che è un affare terribilmente costoso.

Il Wall Street Journal ha affermato in un rapporto di venerdì che Intel Corp (NASDAQ: INTC) vuole acquisire GlobalFoundries Inc in un accordo che valuta il produttore di semiconduttori con sede a Santa Clara a 30 miliardi di dollari. Le azioni Intel sono aumentate di oltre l’1% a mercato aperto, ma si sono ritirate in seguito.

Intel non ha ancora ufficialmente avviato discussioni con GlobalFoundries su una potenziale acquisizione e la prospettiva per quest’ultima di proseguire con l’IPO anticipata rimane sul tavolo, chiarisce il rapporto del WSJ.

Le osservazioni di Larry Cordisco su “The Exchange” della CNBC

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Larry Cordisco di Osterweis Capital Management e Paul Meeks di Independent Solutions Wealth Management, tuttavia, non hanno trovato la notizia entusiasmante e l’hanno definita una mossa “disperata” da parte di Intel. In “The Exchange” della CNBC, Cordisco ha dichiarato:

“La notizia è un riconoscimento quasi esplicito che Intel non pensa di riconquistare la leadership tecnologica nei semiconduttori. Stanno spendendo molti soldi in un’attività a margine inferiore e penso che punti a un perno significativo nella loro strategia aziendale che, ancora una volta, è un riconoscimento che ci sono un certo numero di altri giocatori là fuori che manterranno un vantaggio competitivo contro di loro per un periodo piuttosto lungo”.

Nello spazio dei semiconduttori, Intel deve affrontare la forte concorrenza di Advanced Micro Devices (AMD), Nvidia e IBM.

Paul Meeks dice che è un affare terribilmente costoso

Meeks ha fatto eco allo stesso modo in cui ha confermato che non avrebbe posseduto azioni Intel. Durante la stessa intervista, ha apprezzato il gigante della tecnologia per aver finalmente ammesso ciò che avrebbe dovuto fare molto tempo fa, ma ha avvertito che si trattava di un “affare terribilmente costoso”.

Le azioni Intel sono attualmente in calo di circa il 20% rispetto al massimo da inizio anno di 68 dollari ad aprile. La notizia arriva una settimana dopo che Intel si è offerta di distribuire 20 miliardi di dollari di investimenti in una fabbrica di chip in tutta l’Unione Europea per ottenere sostegno politico e finanziario dalla regione.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro