I professionisti scelgono due azioni da comprare sulla scia della variante Delta

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 26, 2021
  • Cliff Hodge afferma che Visa è la scelta migliore sulla scia della variante Delta.
  • Mark Avallone di Potomac vede invece più potenziale in Netflix Inc.
  • Da inizio anno, le azioni Visa sono aumentate del 15%; Netflix è quasi piatto.

La nuova variante Delta continua ad essere un acceso dibattito, con gli investitori che si chiedono se ha il potenziale per provocare nuovamente un rallentamento economico, nonostante l’aumento del tasso di vaccinazione? E se lo fa, quali potrebbero essere alcuni dei titoli che potrebbero mostrare resilienza e offrire ritorni sostenibili sugli investimenti?

Cliff Hodge dice che Visa è un nome da considerare

Per Cliff Hodge di Cornerstone Wealth, Visa Inc (NYSE: V) è la scelta migliore in vista della pressione sull’economia legata al delta. Su “The Exchange” della CNBC, ha detto:

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Visa è un nome da considerare. Il rendimento del capitale qui è fenomenale. Stiamo parlando del 30%+ di ritorno sul capitale, 20% di ritorno sul capitale investito, fino al 70% di EBITDA o margine di cassa. L’anno prossimo è prevista una crescita di circa il 20%. È rimasto indietro rispetto all’S&P dell’11% nell’ultimo anno. Quindi, nei cali acquistabili che potremmo vedere nelle prossime settimane, Visa è un nome da considerare”.

Su base annuale, Visa è attualmente in crescita di circa il 15% nel mercato azionario.

Mark Avallone sceglie Netflix come il suo preferito

Mark Avallone di Potomac Wealth Advisor, d’altra parte, è più interessato a Netflix Inc (NASDAQ: NFLX) sulla scia della variante Delta, che è scesa di oltre il 10% dal suo massimo da inizio anno a fine gennaio. Durante la stessa intervista con CNBC, ha detto:

“Netflix è stato gravemente colpito dalla chiusura. All’inizio sembrava che ne avrebbe beneficiato perché c’era una crescita degli abbonati. Ma la realtà è che alla lunga il gasdotto si è prosciugato. Ma questo cambierà in inverno, che coinciderà con la stagione del raffreddore e dell’influenza. Anche se non abbiamo una diffusione di questa variante, le persone saranno preoccupate di essere nei cinema con persone che tossiscono su di loro, e quando ci sarà un brusio con le nuove uscite di Netflix, penso che gli investitori andranno a quel titolo.”

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro