Oro al minimo di 14 settimane per il dollaro più forte: cosa succederà?

Di:
su Mag 17, 2022
Listen to this article
  • I prezzi dell'oro sono al minimo di 14 settimane mentre il dollaro si rafforza al massimo di 20 anni.
  • L'inflazione al consumo negli Stati Uniti dell'8,3% aumenta le aspettative di rialzi accelerati dei tassi.
  • I prezzi dell'oro in dollari crollano, restano forti in euro e sterline.

L’inflazione al consumo statunitense superiore al previsto, pari all’8,3%, e il primo rialzo di 50 punti base della Fed in 22 anni hanno provocato un bagno di sangue a Wall Street. Investitori e trader hanno ceduto le loro posizioni in quasi tutte le classi di asset. L’S&P 500 ha recuperato parte delle perdite dopo aver testato il livello di 3.800, ma è comunque in calo dell’1,1% negli ultimi cinque giorni. 

Le perdite sono andate oltre il mercato azionario e sembra che tutto ciò che ha un prezzo ha perso valore. Nonostante la reputazione di bene rifugio, anche i prezzi dell’oro sono stati duramente colpiti. 

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Selloff dell’oro

La saggezza popolare suggerirebbe che un ambiente recessivo, scontri geopolitici e pressioni inflazionistiche sarebbero positivi per i prezzi dell’oro. Tuttavia, la scorsa settimana, l’oro non è stato estraneo alle furiose pressioni di vendita causate dal valore del dollaro USA sempre più in alto.

I mercati globali si sono rivolti al biglietto verde, che ha guadagnato slancio grazie alle aspettative di un aumento accelerato dei tassi di interesse per sedare l’inflazione. Il DXY, l’indice della forza del dollaro USA rispetto a un paniere di valute di riserva, è salito da 96,2 di inizio anno a un massimo ventennale di 105,1 venerdì 13 marzo.

È chiaro che durante questi tempi caotici, la valuta di riserva mondiale, non l’oro, ha affermato la sua supremazia. La domanda è: questa tendenza può invertirsi? La recente azione commerciale suggerisce certamente che ciò non è prevedibile a breve termine.

Il metallo giallo è precipitato la scorsa settimana di quasi il 4% nella sua peggiore performance settimanale in 11 mesi, registrando un minimo di 14 settimane e la quarta settimana consecutiva di calo. Sebbene fosse al di sopra di $1.900 solo il 5 maggio, è crollato a $1.797,2 sulle aspettative di aumenti accelerati dei tassi, solo per aggrapparsi al livello di supporto di $1.800 e chiudere la settimana a $1.810 a seguito di rendimenti obbligazionari più deboli. Al momento della stesura, l’oro viene scambiato a $1.814.

I maestosi massimi raggiunti a metà marzo sono ormai un lontano ricordo, poiché i frenetici operatori del mercato hanno scaricato le loro posizioni, invertendo i guadagni da inizio anno, chiudendo appena lo 0,01% sopra i prezzi del 3 gennaio.

Importante da tenere a mente, la tanto decantata eredità dell’oro come antica riserva di valore viene fornita senza pagamenti di interessi. Naturalmente, questo è visto in modo sfavorevole quando i tassi di interesse vengono aumentati. Inoltre, il forte biglietto verde ha dissuaso gli acquisti di oro se pagati in dollari.

Soprattutto, i derivati dell’oro sono altamente liquidi. Mentre gli investitori si affrettavano a coprire le perdite in altre classi, riempire i pagamenti dei margini e modificare i portafogli a causa dell’inflazione, l’oro è stato scambiato a un ritmo furioso con l’onnipotente dollaro.

Divergenza del dollaro

Mentre il prezzo in dollari dell’oro ha visto un’inversione completa dei guadagni da inizio anno la scorsa settimana, è interessante notare che i prezzi erano superiori del 10,9% in sterline e dell’8,8% in euro a partire da venerdì 13 marzo.

Alla fine della settimana, i prezzi dell’euro e della sterlina hanno chiuso rispettivamente ai minimi relativamente favorevoli di 6 settimane e di una settimana.

I rendimenti da inizio anno tra le valute sono stati comparabili fino alla prima settimana di marzo, dopodiché si è verificata una pronunciata divergenza. Per quanto riguarda il dollaro USA, i rendimenti sono scesi dal 10% su base annua del 10 marzo allo 0,01% registrato alla chiusura di venerdì.

La maggiore volatilità dei mercati ha alimentato la domanda di beni rifugio nel dollaro, grazie alla quale il biglietto verde ha continuato a rafforzarsi.

Fonte: dati sui prezzi dell’oro da LBMA (a partire da venerdì 13 maggio 2022)

Acque fangose

A causa della possibile vendita eccessiva dell’oro la scorsa settimana, il metallo giallo probabilmente farà fatica a recuperare la sua posizione.

Nonostante la fiducia esteriore della Fed, la gestione monetaria è tutt’altro che una scienza esatta, specialmente in situazioni in rapida evoluzione. Se i rialzi dei tassi arrivano troppo velocemente o inaspettatamente, la Fed rischia di trasformare un rallentamento in una recessione, o anche peggio. Tuttavia, se i tassi non tengono il passo con l’inflazione, i prezzi potrebbero salire a livelli allarmanti mentre la credibilità della Fed viene offuscata.

Ciò è particolarmente problematico dato che gli Stati Uniti hanno una cultura del debito. Gran parte del consumo è guidato dai prestiti, comunemente con le carte di credito. Gli alti livelli di debito personale significano che i rimborsi diventano molto più difficili quando i tassi aumentano. Questa terza dimensione è forse la più complicata, poiché gli aumenti dei tassi sono accompagnati da dolore sociale.

I prezzi dell’oro probabilmente risentiranno del continuo aumento dei tassi. Ma sarà davvero sostenibile?

Durante il precedente ciclo di rialzo dei tassi, le difficoltà dovute all’aumento del rimborso del debito sono state una delle ragioni per cui la Fed è stata costretta a ritirarsi da un livello apparentemente basso del 2,5% nel 2019.

In altre parole, un ciclo di frequenza ottimale richiede anche un bel po’ di fortuna.

Sebbene il governatore Powell rimanga fermo nella sua posizione, non è chiaro se la Fed potrà continuare a parlare o se sarà costretta a invertire la rotta man mano che le condizioni cambiano.