Recessione nel 2022? Minerd suggerisce che ci siamo già

Di:
su Giu 15, 2022
Aggiornato: Giu 16, 2022
  • L'economia USA potrebbe già essere in recessione, secondo Scott Minerd, CIO di Guggenheim.
  • Minerd dice su Bloomberg TV che "non è sicuro di quale sia il rimedio".
  • La Fed ha bisogno di "schiacciare" l'inflazione "il più velocemente possibile".

Il più grande aumento dei tassi dal 1994 è avvenuto mercoledì quando la Federal Reserve statunitense ha aumentato il suo tasso di interesse di riferimento di tre quarti di punto percentuale. Questo fa sorgere la domanda: ci sono somiglianze con l’aumento dei tassi di mercoledì rispetto a quando Alan Greenspan ha agito come presidente della Federal Reserve?

Greenspan ha operato durante un’era di “disinflazione opportunistica”

Il CIO di Guggenheim, Scott Minerd, ha dichiarato alla Bloomberg Television dopo l’annuncio dell’aumento dei tassi di mercoledì che Greenspan ha supervisionato la Fed durante un’era meglio descritta come “disinflazione opportunistica”.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ciò significa che quando l’economia si è “surriscaldata”, la Fed è in grado di aumentare temporaneamente i tassi, ha affermato Minerd. Questa azione è seguita da una mossa per riportare i tassi al ribasso non appena si osserva una debolezza dell’economia. Ha dichiarato:

“Non abbiamo questo tipo di scelte qui”, aggiungendo “Non sono sicuro di quale sia il rimedio, in questa fase”.

I numeri delle vendite al dettaglio sono “molto deboli”

In concomitanza con l’annuncio del rialzo dei tassi da parte della Fed, i dati del Dipartimento del Commercio hanno mostrato che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono diminuite dello 0,3% a maggio, mentre i dati di aprile sono stati rivisti da una crescita dello 0,9% allo 0,7%.

Commentando questi numeri, Minerd ha affermato che i dati di May sono “molto deboli” e segnala che è probabile che gli Stati Uniti siano già entrati in una recessione. Ha evidenziato:

Se siamo in una recessione o siamo vicini a una recessione e la Fed spinge di più su questo e poi scopriamo che all’improvviso abbiamo un calo dei prezzi delle attività come hanno fatto le azioni nell’87. Se la Fed si riserva ovviamente, sembreranno deboli sull’inflazione.

L’ultimo consiglio di Minerd alla Fed: serve “schiacciare” l’inflazione “il più velocemente possibile”.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money