Ad

Cosa significa l'unione di Ethereum? Un'analisi post-unione

Di:
su Sep 15, 2022
Listen
  • Un'analisi sul Merge: prezzo, offerta, sicurezza, decentramento, tassi di finanziamento e futuro
  • Il raggiungimento del successo di Merge è importante, scrive Ashmore
  • Tuttavia, è necessaria una visione obiettiva dei compromessi per analizzarli su base olistica

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Il mondo è stato invaso da cattive notizie di recente, quindi è piacevole riportare qualcosa di positivo.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Questa mattina si è probabilmente verificato il più grande evento nella storia recente della criptovaluta. Ethereum si è “fusa”, completando il suo aggiornamento a una blockchain Proof-of-Stake (PoS). Ed è stato un successo al 100%.

In questo articolo, analizzerò il significato di tutto ciò, come è emerso e l’azione dei prezzi sulla scia del grande evento. E perché non inserire alcuni pronostici proprio alla fine?

Perché è avvenuta la fusione?

Copy link to section

Allontanandosi dal “mining” ad alta intensità energetica utilizzato da Bitcoin, l’aggiornamento è pronto per ridurre il consumo energetico di Ethereum del 99,95%. Questa è una delle lamentele, se non la più grande, sulle criptovalute in generale: la sua eccessiva impronta di carbonio. Indipendentemente dal modo in cui la vuoi vedere, l’aggiornamento a Proof-of-Stake ora rende questo punto quasi controverso.

Complessivamente, Ethereum è responsabile tra il 20% e il 39% del consumo di energia della criptovaluta. Eliminarlo è una bella vittoria in un momento in cui ogni volta che accendiamo le nostre TV, vediamo un altro disastro climatico, statistiche terrificanti o altri segnali spaventosi che il nostro pianeta sta andando in rovina.

A lungo termine, si spera anche che la rete sia più scalabile. La principale speranza per questo è attraverso lo sharding, che essenzialmente divide la blockchain dell’intera rete in partizioni più piccole note come “shard”. I dettagli al di là di questo vanno oltre lo scopo di questo pezzo – non voglio che questo si trasformi in un romanzo – ma farò un’analisi profonda in futuro su questo e lo linkerò qui una volta terminato.

Offerta di Ethereum

Copy link to section

L’altro sviluppo intrigante qui è l’offerta. Forse non c’è parola più seducente nella criptovaluta di “deflazionistica”, e da quando Vitalik ha inventato Ethereum nel 2015, l’offerta è in aumento.

Anche se è troppo presto per dire che non sarà più inflazionistico, il tasso di inflazione rallenterà sicuramente, almeno.

La quantità di ETH emessa per ogni blocco scenderà tra l’85% e il 90%, secondo Lucas Outumoro di IntoTheBlock, a seguito della fusione. Curiosamente, questo equivale a circa tre Bitcoin Halvening che si verificano durante la notte (un Halvening è il fenomeno che si verifica in Bitcoin ogni 4 anni, in cui la ricompensa del blocco viene dimezzata).

La fornitura di Ethereum, mentre scrivo questo, è scesa di 191 ETH dalla fusione. È molto bello.

Tuttavia, va menzionato che la speculazione, il volume delle transazioni e le commissioni sono elevati subito dopo la fusione, e quindi più ETH viene bruciato di conseguenza: questo calo dell’offerta è quindi probabilmente esagerato rispetto a ciò che accadrà in futuro.

Outumoro stima inoltre che l’ETH finirà per diventare leggermente inflazionistico dopo la fusione, sebbene inferiore all’attuale 3,5%. Il grafico sottostante è un chiaro indicatore delle sue ultime stime: non proprio deflazionistiche, ma ben al di sotto dei livelli storici.

Questo apre tutti i tipi di diversi effetti sui prezzi. E questo vale non solo per ETH, ma per il settore nel suo insieme. Il mese scorso ho scritto su una teoria che ho in merito al potenziale rendimento dello staking su Ethereum per creare un rendimento privo di rischi per tutta la DeFi. Questo è uno di questi potenziali risultati, ma l’azione dei prezzi e la correlazione con il mercato più ampio sarà affascinante da seguire in futuro.

Decentramento e sicurezza

Copy link to section

Si è parlato molto dell’impatto sul decentramento. PoS, per definizione, premia chi detiene più token con un rendimento maggiore, portandoli così a detenere una quantità ancora maggiore di token. È facile vedere quanto sia preoccupante.

I sostenitori affermeranno che la maggiore inaccessibilità del mining, d’altra parte, rende la Proof-of-Work più centralizzata rispetto al passato. Anche se hanno ragione – la maggior parte del mining è ora condotto da società specializzate e i giorni in cui si estraggono Bitcoin sul tuo laptop personale nel dormitorio del college sono finiti da tempo – manca il quadro più ampio.

La Proof-of-work di lavoro è tutt’altro che perfetta, ma in termini di creazione di “hard money”, è il più vicino possibile. La sicurezza è fondamentale se una forma di denaro non censurata, non hackerabile e inalterabile vuole prendere piede, e questo passaggio a PoS aumenta il potenziale per lo scenario del giorno del giudizio: un attacco della maggioranza del 51%.

Lasciatemi spiegare. Per essere un validatore su Ethereum dopo l’unione, devi pubblicare 32 ETH. Questo è un cambiamento notevole – oltre 50.000$ al momento della scrittura – il che significa che non è possibile per l’utente medio. È qui che entrano in gioco i pool di staking, in cui gli utenti contribuiscono a un pool e guadagnano premi proporzionalmente.

Il problema è che molti di questi validatori proof-of-stake possono essere facilmente regolati e, in questo scenario apocalittico, persino censurati. Questa non è una speculazione inverosimile; è già successo.

Tornado Cash, il controverso “mixer” che gira su Ethereum, che consente agli utenti di offuscare l’origine e la destinazione delle transazioni on-chain (migliorando così la privacy ma anche facilitando il riciclaggio di denaro) è stato aggiunto all’elenco delle entità soggette a restrizioni dall’ufficio di Foreign Assets Control (OFAC), che è un’agenzia di esecuzione finanziaria del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti. In altre parole, non è qualcuno con cui vuoi avere a che fare.

Mentre molti predicavano ciecamente il “decentramento” come resistente alla censura, la debacle ha dimostrato che era una soluzione ingenua. Sebbene le applicazioni decentralizzate come Tornado in effetti non possano essere chiuse direttamente – dopotutto è solo un pezzo di codice che opera sulla blockchain di Ethereum – qualsiasi entità centralizzata che interagisce con essa può esserlo.

In breve tempo, il sito web Tornado si è bloccato, il codice sorgente Github è stato rimosso, i fornitori di infrastrutture di nodi centralizzati Infura e Alchemy (che alimentano gran parte dell’onboarding di Ethereum, incluso Metamask) hanno inserito Tornado nella lista nera e fornitori di stablecoin centralizzati come Circle hanno disabilitato gli indirizzi dei portafogli.

Inoltre, anche i protocolli DeFi come Aave e Uniswap hanno disabilitato il loro front-end su qualsiasi indirizzo di portafoglio relativo alle sanzioni (mentre i protocolli nel complesso sono decentralizzati, i loro front-end sono servizi web centralizzati).

Il modo in cui questo si collega agli staking pool è che funzionano tramite validatori centralizzati, e quindi inclini alla censura. Il mio Ethereum è in stake su Binance. Altri provider popolari sono Coinbase (una società per azioni), Huobi, Bitstamp e così via.

Infatti oltre i due terzi dei validatori sono tenuti ad aderire all’OFAC. È un gran numero. E sai cosa accade quando viene preso il controllo del 51% di una rete? Sì, è soggetto a un attacco malevolo. Quindi siamo a un punto in cui, per definizione, il governo degli Stati Uniti potrebbe regolamentare, censurare o controllare l’intera blockchain di Ethereum.

Ricordi quella citazione dello stesso Vitalik sui fornitori centralizzati di stablecoin che esercitano un impatto “significativo” sulla direzione futura di Ethereum? È troppo difficile immaginare in questo contesto che il governo degli Stati Uniti possa fare lo stesso?

Positivi

Copy link to section

Come ho detto, questo è uno scenario da giorno del giudizio. Nel complesso, il Merge è uno sviluppo incredibilmente rialzista per Ethereum, e nel corso degli anni ho affermato che è la direzione che la rete deve prendere. Tuttavia, evidenzia il contrasto tra Bitcoin, la blockchain PoW che mira a diventare una riserva di valore impenetrabile, e l’hard money. Ed è importante essere obiettivi qui e analizzare tutti i risultati.

Ethereum richiedeva una soluzione per il ridimensionamento e questo lo aiuterà a facilitare tali sforzi in futuro. In secondo luogo, la sua visione è diversa da quella di Bitcoin e il suo consumo di grandi quantità di energia è più difficile da giustificare a questo riguardo.

Ethereum mira a diventare l’elemento costitutivo della finanza decentralizzata e la pipeline attraverso la quale opereranno Web3 e tutte le altre miriadi di funzioni cripto. Mentre la sicurezza sarà inclusa, la vita comporta compromessi e i vantaggi qui superano gli aspetti negativi.

Price action

Copy link to section

Sono stati in molti con gli occhi puntati sul prezzo mentre la fusione si faceva più vicina, e praticamente non si è mosso affatto. Ma in realtà è un’ottima cosa. Gran parte del Merge era già stato prezzato, quindi procedere al momento giusto si è riflesso nel prezzo, che in gran parte ha seguito il mercato più ampio in quella che finora è stata una mattinata piuttosto sottovalutata.

Questo è simile a quello che abbiamo visto da Bitcoin, e dal mercato azionario, questa mattina. Ehi, dopo lo shellshock che è stata l’ennesima lettura discordante dell’inflazione all’inizio di questa settimana, gli investitori non si lamenteranno.

Di seguito, esaminiamo il tasso di finanziamento che è piuttosto interessante. Per chi non lo sapesse, un tasso di finanziamento negativo significa che c’è un numero maggiore di venditori allo scoperto nel mercato dei derivati rispetto a quelli che acquistano. Un tasso di finanziamento positivo, d’altra parte, significa che ci sono un numero maggiore di posizioni lunghe. Quindi, tradizionalmente, i tassi di finanziamento positivi sono visti durante le corse al rialzo e negativi durante le corse al ribasso.

Ho visto un po’ di panico questo mese prima della fusione, poiché il tasso di finanziamento su Ethereum è diventato nettamente negativo, come mostra il grafico qui sotto. In effetti, è ai minimi storici.

Questo, tuttavia, ha senso se ci pensi. L’esposizione spot a Ethereum probabilmente farà guadagnare al detentore il token ETH PoW, che sarà lanciato a breve. Sebbene sia stato critico nei confronti di ETH PoW – lo considero praticamente una perdita di tempo – potrebbe portare valore e gli investitori stanno scommettendo su questo cercando di mettere le mani su ETH. Poiché i detentori di ETH riceveranno quindi questo valore, c’è un ulteriore incentivo a mantenere la fusione.

E così, il punto lungo e lo shorting sui futures devono costare più del normale. Altrimenti, ci sarebbe un’opportunità di arbitraggio e il mercato sarebbe inefficiente. Potresti aprire una posizione lunga nello spot ETH, vendere futures ETH e ricevere il token ETH PoW gratuitamente.

Bitfinex ci mostra l’azione del prezzo di questo token PoW, poiché ha offerto un contratto future sul token PoW. Salendo fino a 60$ a fine agosto, da allora è diminuito, ma il valore (ora a 24$) mostra il motivo del tasso di finanziamento più negativo.

Price action in futuro

Copy link to section

Ti chiedo scusa se hai letto fino a qui sperando che io avessi una sfera di cristallo, ma non ho intuizioni in questo caso. La fusione ha avuto successo e questo è estremamente rialzista a lungo termine. Tuttavia, nel breve e medio termine, viviamo ancora in un mondo che deve affrontare una serie unica di sfide: inflazione, crisi energetiche, disordini di massa, catastrofi geopolitiche e molte altre variabili imprevedibili.

La stampa CPI di questa settimana mostra che la macro sta guidando i mercati delle criptovalute in questo momento e continuerà a farlo per il prevedibile. È un argomento su cui ho scritto per ore e ore di recente – quando ho acquistato un sacco di azioni nonostante fossi ribassista e molto incerto – e l’ambiente continuerà a essere turbolento in futuro.

La criptovaluta è quanto di più rischioso ci sia. Di conseguenza, il prezzo si muoverà drasticamente a breve termine e nessuno sa dove andrà.

Ma non commettere errori, questo è un momento assolutamente importante nella storia della criptovaluta. La fusione è finalmente avvenuta ed è avvenuta senza intoppi.

È un risultato incredibile. Complimenti a tutti i soggetti coinvolti.

Ad

Cerchi dei segnali di trading per criptovalute, forex e titoli facili da seguire? Semplifica il processo di trading copiando i trader professionisti del nostro team. Risultati consistenti. Registrati oggi su Invezz Signals™.

0/10
Learn more
AAVE Bitstamp Ethereum