Previsioni dei prezzi del Dow Jones, dell’S&P 500 e del Nasdaq dopo il job report di ottobre

Di:
su Nov 5, 2022
Listen to this article
  • Gli Stati Uniti hanno aggiunto 261.000 posti di lavoro in ottobre
  • Il tasso di disoccupazione è salito al 3,7% dal 3,5% di settembre
  • Il mercato ha accolto con favore la cattiva notizia dell'aumento della disoccupazione

I tre principali indici di Wall Street sono avanzati venerdì dopo un rapporto di lavoro misto che aveva sollevato le speranze che la Federal Reserve si spostasse verso aumenti dei tassi di interesse minori nelle prossime riunioni.

Gli Stati Uniti hanno aggiunto 261.000 posti di lavoro in ottobre, superando la stima degli economisti di 198.000 per lo stesso mese.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

D’altra parte, il tasso di disoccupazione è salito al 3,7% dal 3,5% di settembre e, secondo la narrativa consolidata, l’aumento dell’ottimismo nei mercati è stato innescato dal presupposto che per la Federal Reserve, l’aumento della disoccupazione potrebbe essere un argomento per rivedere la sua politica monetaria aggressiva e rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse.

Il mercato azionario statunitense ha accolto con favore la cattiva notizia dell’aumento del tasso di disoccupazione, ma gli investitori dovrebbero tenere presente che il mercato del lavoro statunitense ha confermato che l’economia è ancora su basi solide; il mercato del lavoro si sta muovendo nella direzione voluta dalla Fed e il tasso di disoccupazione non è ancora preoccupante. Ian Shepherdson, capo economista del Pantheon Macroeconomics, ha dichiarato:

La conclusione da trarre qui è che il mercato del lavoro si sta ammorbidendo ma non ha ancora raggiunto il punto in cui i dati stanno urlando alla Fed di smettere di stringere.

La banca centrale statunitense ha effettuato un quarto aumento consecutivo di 75 punti base del tasso di riferimento questo mercoledì e ha segnalato l’intenzione di portare avanti il ciclo di inasprimento.

Questa è stata una notizia deludente per gli investitori che speravano che gli aumenti dei tassi finora funzionassero abbastanza bene da consentire alla banca centrale statunitense di iniziare a parlare di un rallentamento degli aumenti dei tassi.

Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che la Fed ha più lavoro da fare e, per ora, il potenziale al rialzo dei tre indici principali di Wall Street rimane limitato.

S&P 500 in rialzo dell’1,36% venerdì

L’S&P 500 (SPX ) è avanzato dell’1,36% venerdì e ha chiuso la settimana a 3.770 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il potenziale al rialzo rimane ancora limitato, ma se il prezzo supera i 3.900 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere la resistenza che si attesta a 4.000 punti.

Il livello di supporto si attesta al valore importante di 3.500 punti, e se il prezzo scendesse al di sotto di questo livello, sarebbe un segnale di “vendita” e avremmo la strada aperta verso i 3.300 punti.

DJIA in rialzo dell’1,26% venerdì

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è avanzato dell’1,26% venerdì e ha chiuso la settimana a 32.403 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Se il prezzo supera i 32.500 punti, il prossimo obiettivo potrebbe essere la resistenza a 33.000 punti.

L’attuale livello di supporto è di 31.000 punti e, se il prezzo scende al di sotto di questo livello, il prossimo obiettivo potrebbe essere di 30.000 punti.

Nasdaq Composite in rialzo dell’1,28% venerdì

Il Nasdaq Composite (COMP) è balzato dell’1,28% venerdì e ha chiuso la settimana a 10.475 punti. Nonostante ciò, con la prospettiva di una politica monetaria più aggressiva gli investitori restano cauti e il potenziale di rialzo per il Nasdaq Composite rimane limitato.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il forte livello di supporto per il Nasdaq Composite si attesta a 10.000 punti, e se il prezzo scende al di sotto di questo livello, il prossimo obiettivo potrebbe essere di 9.500 punti.

Riepilogo

I tre indici principali di Wall Street sono avanzati venerdì dopo un rapporto di lavoro misto che aveva sollevato le speranze che la Federal Reserve si spostasse verso aumenti dei tassi più piccoli nelle prossime riunioni. Il mercato ha accolto con favore la cattiva notizia dell’aumento della disoccupazione e dell’andare avanti; il mercato azionario statunitense sarà ipersensibile a qualsiasi tipo di commento della FED.