Il prezzo delle azioni Netflix scende, il giro di vite sulla condivisione delle password funzionerà?

Di:
su Apr 20, 2023
Listen
  • La crescita degli abbonati Netflix sta rallentando, ma l'azienda sta spingendo per aumentare le entrate
  • La repressione della condivisione delle password mira ad aumentare le entrate nonostante le cancellazioni anticipate
  • Il prezzo delle azioni è rimasto molto indietro rispetto al Nasdaq, poiché l'aumento della concorrenza ha anche un impatto sul gigante dello streaming

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Esattamente un anno fa, ho messo insieme un’analisi di Netflix ( Nasdaq: NFLX ) a seguito di un crollo del 35% del prezzo delle azioni. Quel giorno 50 miliardi di dollari sono stati cancellati dalla capitalizzazione di mercato della società a seguito di una brutta perdita di guadagni per il primo trimestre del 2022.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Il motivo principale è stata una perdita di 200.000 abbonati, che era molto al di sotto dell’aumento netto previsto di 2,5 milioni, e la prima volta in oltre un decennio che Netflix ha perso abbonati. Ha anche avvertito che prevede di perdere altri 2 milioni di abbonati nel trimestre successivo.

Da allora, il gigante dello streaming ha visto aumentare il prezzo delle sue azioni del 43%. Ieri ha riportato gli utili del primo trimestre per il 2023. La ricaduta è stata certamente meno drammatica rispetto allo scorso anno, ma il titolo è scivolato, perdendo il 3%, nonostante inizialmente fosse sceso del 10%.

Netflix ha registrato una crescita degli abbonati di 1,75 milioni, più o meno in linea con le aspettative. I guadagni sono stati un piccolo battito, $ 2,88 per azione rispetto ai $ 2,86 per azione previsti. Ma le entrate sono state inferiori alle aspettative, $ 8,16 miliardi, al di sotto degli $ 8,18 milioni previsti.

Qual è il piano di Netflix per la condivisione delle password?

Copy link to section

Lo sappiamo tutti aneddoticamente (smettila di guardarmi), ma la condivisione della password è un enorme drenaggio delle entrate di Netflix. L’unico problema è che è difficile da controllare.

Gli investitori sono stati lieti di sapere che la società ha pianificato di implementare misure per garantire che più persone non possano utilizzare facilmente lo stesso account Netflix. L’iniziativa, che prevedeva la designazione di una sede primaria per un account, è stata sperimentata in quattro paesi (Canada, Nuova Zelanda, Portogallo e Spagna) ed era stata pianificata per essere lanciata a livello globale in questo periodo.

Tuttavia, il gigante dello streaming ha dichiarato ieri che questo sarebbe stato ritardato di un quarto in più.

“Sebbene ciò significhi che parte della crescita associativa prevista e dei vantaggi in termini di entrate diminuiranno nel terzo trimestre anziché nel secondo, riteniamo che ciò si tradurrà in un risultato migliore sia per i nostri membri che per la nostra attività”, ha affermato la società sulla decisione di eliminare il controllo delle password.

Con il 43% dei suoi utenti stimati (dalla stessa Netflix) di condividere account – ovvero oltre 100 milioni di account – è ovviamente una mossa importante. La grande domanda è se questo può essere implementato con successo senza un calo degli abbonati.

Perché con l’aumento dei prezzi e già una così grande crescita degli abbonati, sarà difficile per Netflix continuare ad aggiungere abbonati. Il tasso di crescita delle nuove iscrizioni è rallentato in modo significativo rispetto ai primissimi giorni, come mostra il grafico sottostante.

Questo viene martellato a casa quando si valuta da dove proviene la crescita degli abbonati. Lo scorso trimestre, l’80% delle nuove iscrizioni è arrivato al di fuori degli Stati Uniti e dell’Europa. Sembra un punto ottimistico, ma non ne sono così sicuro. Il fatto è che Netflix deve iniziare a passare alle entrate piuttosto che alle iscrizioni perché non c’è molto di più che può fare per quest’ultimo.

Ed è quello che sta facendo. Netflix ritiene che l’iniziativa di condivisione delle password alla fine aumenterà le entrate per l’azienda, poiché anche se gli abbonati si annullano, le entrate extra ricavate dalla designazione degli account secondari saranno maggiori della parte persa a causa delle cancellazioni.

Netflix può riuscire ad aumentare le entrate?

Copy link to section

Se l’azienda avrà successo o meno è un’altra questione.

Finora, la leadership aziendale ha dipinto un tono rialzista. La nota seguente sul Canada, che è uno dei quattro paesi che stanno sperimentando il programma di condivisione delle password, mi ha colpito:

In Canada, che riteniamo sia un predittore affidabile per gli Stati Uniti, la nostra base di membri a pagamento è ora più ampia rispetto a prima del lancio della condivisione a pagamento e la crescita dei ricavi è accelerata e ora sta crescendo più rapidamente che negli Stati Uniti.

Questo è un enorme voto di fiducia nei piani futuri. Tuttavia, sarà ancora difficile una volta che il lancio sarà spinto negli Stati Uniti e nel resto d’Europa.

C’è anche il vecchio fattore della concorrenza da discutere. Negli ultimi anni, il monopolio totale di Netflix sullo spazio di streaming si è dissipato e ora i consumatori hanno molte opzioni. Disney +, Hulu, HBO Max e così via stanno tutti combattendo per i bulbi oculari e, cosa più importante, per i dollari dei clienti.

Ciò ha chiaramente avuto un impatto anche sull’azienda. Il titolo è rimasto molto indietro rispetto al Nasdaq, anche in un anno che ha visto schiacciare il settore tecnologico.

Il gigante della tecnologia è attualmente scambiato a un prezzo delle azioni di $ 323, che si traduce in una capitalizzazione di mercato di $ 144 miliardi. Si tratta di un aumento del 43% rispetto allo scorso anno, a seguito di quel raccapricciante crollo del 35% dopo il disastro degli utili, quando è crollato a una valutazione di $ 100 miliardi.

Facendo un passo indietro e valutando le prospettive dell’azienda in questo ambiente di maggiore concorrenza, mentre l’inflazione comprime i redditi disponibili dei couch-sitter in tutto il mondo, 144 miliardi di dollari non sembrano economici.

La narrativa di un numero crescente di abbonati è sparita, il che significa che il vecchio concetto sfuggente nel mondo della tecnologia, il profitto, è molto più difficile da coltivare. Netflix sta oscillando per le recinzioni con la repressione della password e i risultati potrebbero essere fondamentali per questo nei prossimi due trimestri.

In un’economia ancora governata da una politica monetaria restrittiva, qualsiasi titolo tecnologico rappresenta un rischio. Netflix non fa certo eccezione.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Nasdaq 100 Index Netflix Inc USA Borsa Nord America