Il mercato azionario russo raggiunge il massimo di un anno, eppure è tutto bloccato in rubli

Di:
su Apr 28, 2023
Listen
  • Il mercato azionario russo ha raggiunto il massimo di un anno, nonostante le sanzioni occidentali
  • Il rublo russo è crollato del 40% dopo l'invasione, ma è risalito quando il Cremlino ha introdotto i controlli sui capitali
  • I prezzi sono artificiali, tuttavia, con il denaro degli investitori intrappolato, scrive il nostro capo della ricerca

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Il mercato azionario russo è salito al livello più alto in oltre un anno. Nonostante la guerra in corso in Ucraina, l’indice MOEX ha registrato un calo negli ultimi 6 mesi, espandendosi del 50% rispetto ai minimi annuali di ottobre.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

L’aumento arriva tra l’assalto delle sanzioni imposte dall’Occidente all’economia russa. L’amministrazione russa ha risposto istituendo controlli rigorosi sul movimento del denaro, in particolare vietando agli investitori stranieri di uscire dagli investimenti e limitando il denaro che i russi possono detenere in conti bancari esteri.

Di conseguenza, il mercato azionario è stato supportato artificialmente, con poche opzioni per gli investitori di parcheggiare i propri soldi.

Il giro sulle montagne russe di Ruble

Copy link to section

Per gli investitori, però, c’è un altro elefante nella stanza: il rublo, la moneta russa. Uno degli obiettivi delle sanzioni occidentali era quello di storpiare il rublo, ma non è andato proprio secondo i piani (ho fatto un pezzo su questo l’anno scorso ).

Dopo essere subito crollato del 40% quando le forze russe hanno invaso l’Ucraina lo scorso febbraio, il rublo è rimbalzato notevolmente, aumentando del 70% – in realtà è stata la valuta con le migliori prestazioni al mondo lo scorso marzo.

Da allora è sceso rispetto al dollaro, ma è solo del 6% al di sotto dei livelli pre-invasione, e questo avviene in un anno di immensa forza del dollaro, con molte altre valute in ribasso molto più di quella contro il biglietto verde.

Come risultato di queste sanzioni senza precedenti, il rublo viene quasi immediatamente ridotto in macerie

Joe Biden, 26 marzo 2022

Tre mesi dopo quella citazione di Biden, il rublo ha raggiunto il massimo di 7 anni.

Un paio di fattori hanno sostenuto la performance del rublo. In primo luogo, l’aumento dei prezzi dell’energia è stato un vantaggio data l’importanza delle esportazioni di gas naturale della Russia (e la dipendenza dell’Europa da esse). Gli Stati Uniti hanno anche mostrato pietà per il rimborso del debito, consentendo agli intermediari finanziari di elaborare i pagamenti dalla Russia, il che significa che la Russia ha evitato di vendere rubli per dollari per coprire il pagamento degli interessi.

Ma la vera storia è la manipolazione. Putin ha dato la priorità a sostenere il rublo, e ha ampiamente funzionato. L’80% del denaro guadagnato all’estero dalle imprese russe deve essere scambiato in rubli, indipendentemente dal tasso di cambio, mentre la banca centrale russa ha alzato i tassi al 20% lo stesso giorno in cui la Russia ha invaso lo scorso febbraio, incoraggiando i russi a mantenere fede il rublo.

Per gli investitori stranieri, trasformare il mercato azionario russo in dollari ha quindi l’aspetto di quanto segue: un ampio calo post-invasione prima di un’onnipotente impennata, e quindi un graduale declino quando il dollaro si è rafforzato rispetto al rublo mentre il mercato azionario (in rubli) è rimbalzato.

Ovviamente, tutto questo è tutt’altro che naturale. Non solo il rublo è stato manipolato, ma ai broker russi è stato proibito di vendere titoli di proprietà di investitori stranieri. Semplicemente non ci sono molti posti in cui gli investitori possono parcheggiare denaro; i loro soldi sono più o meno intrappolati.

Rende questi guadagni cartacei un po’ meno appetibili. Tuttavia, dato che la Russia è letteralmente in guerra, rimane notevole che il mercato sia stato sostenuto fino a questo punto. Ho tracciato il grafico della performance russa in USD contro l’S&P 500, e anche se è andata peggio, non è andata molto peggio, date le circostanze.

Il modello mi ha ricordato il Nasdaq, quindi ho aggiunto l’indice ad alto contenuto tecnologico al grafico sottostante. Come puoi vedere, il mercato azionario russo ha, almeno sulla carta, scambiato come una scommessa con leva sul Nasdaq, ora in calo del 31% in USD rispetto all’inizio del 2022, mentre il Nasdaq è in calo del 23%. >

Andando avanti, le rigide restrizioni messe in atto dal Cremlino non cambieranno tanto presto. Mentre gli investitori possono essere sollevati dal fatto che il mercato azionario non sia completamente crollato dopo l’invasione, la realtà è decisamente peggiore di quanto trasmettono i grafici.

È estremamente difficile prelevare denaro dallo scambio e convertirlo in dollari, soprattutto come investitore straniero. Per definizione, quindi, non si tratta di rendimenti reali. Non commettere errori, questo è stato un disastro economico per gli investitori russi, e se le restrizioni dovessero mai essere revocate, il deflusso di capitali sarebbe immenso.

Tutto dipenderà da ciò che accadrà in Ucraina, ma per ora, mentre la guerra infuria, questi sono solo numeri immaginari su un grafico.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

RUB Russia Borsa Europa Forex