Il mercato immobiliare britannico registra un incremento in aprile, ma per il momento potrebbe essere tutto

By: Auther Bett
Auther Bett
Auther V. Bett, dottore commercialista, ha iniziato a scrivere sul mercato finanziario e contabile nel 2016. I suoi interessi… read more.
on Mag 13, 2020
  • Il mercato immobiliare UK registra un aumento dei prezzi in aprile, stando alla ricerca di Nationwide.
  • L'aumento del 3,7% ha segnato un picco di tre anni durante la pandemia del Coronavirus.
  • Tuttavia, la banca e la società di credito ipotecario ha notato nel suo rapporto che il salto del mese scorso è destinato a fermarsi.

Il mese scorso ci sono stati rialzi occasionali nei prezzi degli immobili nel Regno Unito, ma secondo un recente rapporto di Nationwide, i segnali di ripresa del mercato sono destinati ad arrestarsi durante la pandemia di Covid-19. Sebbene il mese scorso i prezzi delle case sono saliti del 3,7%, che rappresenta un massimo di tre anni, l’impatto della pandemia non è stato preso in considerazione nella percentuale, ha detto l’istituto finanziario mutuo britannico.

L’indice nazionale dei prezzi delle case per il mese di aprile utilizza le informazioni di approvazione dei mutui e attualmente c’è un arretrato di domande di mutuo presentate in attesa di approvazione. Secondo l’economista capo della società, Robert Gardner, una grossa fetta dei dati del mese scorso si riferisce a mutui che “sono iniziati prima del lockdown”.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In media, oggi una proprietà nel Regno Unito costa circa 222.915 sterline.

Il numero di mutui approvati è sceso a circa 56.200 a marzo, toccando il minimo storico di sette anni, come ha rivelato venerdì un rapporto della Banca d’Inghilterra.

Il calo del numero di approvazioni di mutui indica “i primi effetti dell’epidemia sui mercati dei mutui ipotecari che appena un mese prima erano stati attivi al massimo in cinque anni,” ha osservato in un rapporto il managing partner di Knight Frank Finance, Simon Gammon.

Il lockdown messo in atto a causa del Covid-19 nel Regno Unito è iniziato il 23 marzo, a seguito di un forte aumento del numero di nuovi casi e del numero di morti. Al 30 aprile, una media di 177.000 persone era risultata positiva al Covid-19, mentre erano state perse più di 27.000 vite, secondo i dati ufficiali del Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale.

Ottimo inizio, tempi duri davanti a noi

Secondo Gardner, dall’inizio di quest’anno “i livelli di attività e la crescita dei prezzi sono aumentati grazie alle condizioni del mercato del lavoro, ai bassi costi di finanziamento e a un contesto politico più stabile dopo le elezioni generali”.

“Ma l’attività del mercato immobiliare si sta ora arrestando a causa delle misure attuate per controllare la diffusione del virus e per il governo che ha raccomandato di non entrare in transazioni immobiliari durante questo periodo,” ha detto l’economista.

Ciononostante, anche prima della pandemia, il mercato immobiliare britannico aveva subito enormi cali, dovuti soprattutto all’ansia per le elezioni del governo dello scorso anno e all’incertezza per la questione Brexit.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro