Airbus prolunga la sospensione dei lavoratori in UK e in Spagna per contrastare il COVID-19

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Giu 22, 2020
  • Airbus prolunga le sospensioni in corso nel Regno Unito e in Spagna per contrastare il COVID-19.
  • La Francia ha annunciato un sostegno finanziario di 13,57 mrd di sterline per il suo settore aerospaziale.
  • Aer Lingus taglierà circa 500 posti di lavoro per sostenere le finanze durante la pandemia di Coronavirus.

Airbus SE (EPA: AIR) ha dichiarato venerdì scorso che ha intenzione di prolungare il periodo di sospensione dei contratti per un totale di 5.300 dipendenti nel Regno Unito e in Spagna, poiché la pandemia del Coronavirus continua a gravare sul settore aereo globale. In una dichiarazione inviata via e-mail, un portavoce di Airbus ha commentato:

“Il provvedimento sarà effettivo dal 20 maggio al 30 settembre e riguarda tutti i dipendenti di Airbus Operationss SL in Spagna (con alcune eccezioni), il che equivale a circa 3.100 dipendenti. I dipendenti di Airbus Helicopters e Airbus DS in Spagna non sono inclusi”.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Le azioni della società hanno chiuso a 62,33 sterline per azione venerdì scorso, con un calo di poco meno del 50% dall’inizio dell’anno ad oggi nel mercato azionario, dopo aver recuperato da un minimo di 44,41 sterline per azione a marzo. Per saperne di più su come iniziare a fare trading nel mercato azionario.

La Francia ha annunciato un aiuto di 13,57 mrd di sterline per il settore aerospaziale

Nel Regno Unito, ha aggiunto il portavoce, il licenziamento riguarderà circa 2.200 dipendenti ed è previsto dal 20 luglio al 9 agosto. Il portavoce ha anche detto:

“In Francia, tutti i dipendenti della divisione aeronautica commerciale saranno in qualche modo interessati”.

In Francia, Airbus ha ridotto le ore di lavoro del 30% per settimana, dove attualmente lavorano circa 29.500 dipendenti.

Il più grande produttore di aeroplani al mondo aveva detto alla fine di maggio che forse sarebbe stato costretto a ulteriori licenziamenti nei prossimi mesi, dato che COVID-19 continua a gravare sulla domanda di viaggi in aereo. Il nuovo virus simile all’influenza ha finora contagiato poco meno di 9 milioni di persone in tutto il mondo e ha causato più di 468.000 morti.

Per aiutare il settore aerospaziale ad attutire il colpo economico del COVID-19, la Francia ha annunciato un aiuto di 13,57 miliardi di sterline nella prima settimana di giugno, riconoscendo che centinaia di migliaia di posti di lavoro sono in gioco a causa della crisi sanitaria. Anche Airbus ha subito un duro colpo, poiché diverse compagnie aeree hanno rinviato le consegne degli aerei negli ultimi mesi.

In questo momenot, il più grande produttore europeo di aerei ha una capitalizzazione di mercato di 48,13 miliardi di sterline.

Aer Lingus taglierà circa 500 posti di lavoro

In una notizia a parte, il vettore aereo irlandese Aer Lingus, che è una sussidiaria di International Airlines Group, ha rivelato che ha intenzione di ridurre la propria forza lavoro di circa 500 posizioni, a causa della crescente incertezza legata al Coronavirus. Secondo la dichiarazione di Aer Lingus:

“Aer Lingus ha informato il ministro del lavoro che sono previste riduzioni di personale fino a 500 dipendenti, in tutta l’azienda”.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro