Le entrate di IHS Markit diminuiscono del 10% nel Q2 con il COVID-19 che pone nuove sfide finanziarie

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Giu 23, 2020
  • Entrate di IHS Markit in calo del 10% nel Q2, poiché il COVID-19 pone nuove sfide finanziarie.
  • La società di informazione finanziaria è in cima alle stime degli analisti per l'utile del Q2.
  • Markit riporta un utile netto di 57,37 milioni di sterline che si traduce in 14,40 penny per azione.

IHS Markit (NYSE: INFO) ha pubblicato martedì i suoi risultati finanziari trimestrali che hanno superato le stime degli analisti per gli utili del secondo trimestre fiscale. Tuttavia, l’azienda ha registrato un fatturato più debole del previsto. Markit ha attribuito le entrate del secondo trimestre alla pandemia del Coronavirus che ha sollevato nuove sfide finanziarie negli ultimi mesi. La società di informazioni finanziarie ha riferito che l‘economia europea si è ripresa significativamente nel mese di giugno.

Le azioni della società sono state segnalate in calo circa il 2% nel trading pre-mercato di martedì. A 58,73 sterline per azione, IHS Markit è in calo di circa il 2% rispetto allo scorso anno nel mercato azionario, dopo aver recuperato da un minimo di 36,33 sterline per azione a fine marzo. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla strategia di investimento a valore.

Markit riporta un utile netto di 57,37 milioni di sterline nel Q2

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La società di informazioni finanziarie globali ha registrato un utile netto di 57,37 milioni di sterline che si traduce in 14,40 penny per azione nel trimestre conclusosi il 31 maggio. Nello stesso trimestre dello scorso anno, il suo utile netto è stato registrato ad un valore molto più alto di 119,86 milioni di sterline, pari a 29,61 penny per azione. Martedì, Markit ha rivelato l’ottimismo delle PMI del settore manifatturiero e dei servizi del Regno Unito.

Escludendo le voci una tantum, la società con sede a Londra ha rilevato 55,21 penny di utile per azione rettificato nel secondo trimestre rispetto al dato dell’anno precedente di 56,81 penny per azione. Secondo FactSet, gli analisti avevano previsto che la società avrebbe riportato un utile netto rettificato inferiore a 53,61 pence.

Sul fronte dei ricavi, la società di informazione e analisi ha fatturatoo 820 milioni di sterline nel secondo trimestre, che sono stati inferiori di circa il 10% rispetto al trimestre comparabile dello scorso anno. Secondo quanto riportato da FactSet, gli esperti avevano previsto che Markit avrebbe registrato un fatturato leggermente superiore di 840 milioni di sterline nell’ultimo trimestre.

In termini di singoli business, il segmento delle risorse di Markit ha mantenuto una buona tenuta nel secondo trimestre, mentre la performance nei servizi finanziari, nei mercati/soluzioni consolidati e nei trasporti è stata più debole del previsto.

Altre cifre incluse nei risultati del Q2 di Markit

Altre cifre importanti nella relazione sugli utili di Markit di martedì includono 222,44 milioni di sterline di flusso di cassa da operazioni, 167,23 milioni di sterline di flusso di cassa libero e un EBITDA rettificato di 454 milioni di sterline nel secondo trimestre fiscale.

IHS Markit ha anche detto martedì che fornirà la sua guida finanziaria per l’anno intero per l’anno fiscale 2020 nella sua conference call (post-utilizzo) con gli analisti.

Lo scorso anno Markit ha registrato una performance piuttosto positiva sul mercato azionario con un guadagno annuo di oltre il 50%. Al momento, la società di informazioni finanziarie ha un market cap di 23,40 miliardi di sterline e un rapporto prezzo/utili di 33,92.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro