Il CEO di Gilead parla dei prezzi di Remdesivir

By: Jayson Derrick
Jayson Derrick
Jayson vive a Montreal con sua moglie e sua figlia, ama guardare l'hockey ed è alla ricerca di una… read more.
on Giu 30, 2020
Updated: Set 11, 2020
  • Gilead offre il trattamento Remdesivir contro il COVID-19 agli americani ad un prezzo più alto.
  • Il trattamento è approvato solo come parte di una "Autorizzazione all'uso d'emergenza".
  • Fino a settembre, almeno il 90% della produzione di Remdesivir sarà allocata al mercato statunitense.

I contribuenti statunitensi hanno in parte finanziato le sperimentazioni del farmaco Remdesivir di Gilead Sciences, Inc. (NASDAQ: GILD) e il National Institute of Health. Allora perché la società ha aumentato il prezzo del suo potenziale farmaco contro il COVID-19 per i cittadini americani? L’amministratore delegato Daniel O’Day ha la risposta.

Prezzi dei farmaci

Il Remdesivir di Gilead è stato approvato per il trattamento del COVID-19 dalla Food and Drug Administration statunitense nell’ambito di una “autorizzazione all’uso d’emergenza” a maggio. Il farmaco ha mostrato risultati incoraggianti negli studi clinici, soprattutto per quanto riguarda l’accelerazione dei tempi di recupero dei pazienti gravemente malati.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Gilead inizierà a far pagare il farmaco a luglio e venderà Remdesivir per 390 dollari a fiala ai governi dei Paesi sviluppati. Le compagnie di assicurazione private statunitensi, invece, pagheranno 520 dollari per fiala. Il costo per i programmi governativi statunitensi come Medicare sarà inferiore a quello degli assicuratori privati.

Il costo a carico delle persone con piani assicurativi sarà determinato dalle stesse compagnie di assicurazione.

La maggior parte dei pazienti dovranno assumer sei fiale di Remdesivir, anche se alcuni richiedono 11.

Perché la differenza di prezzo?

Gilead addebiterà alle compagnie di assicurazione statunitensi il 30% in più in quanto “parte del sistema”, ha spiegato O’Day lunedì mattina sulla “Squawk Box” della CNBC. In particolare, il prezzo per il governo deve includere sconti “obbligatori e previsti”.

Indipendentemente dallo status assicurativo delle persone “non ci sarà un problema per l’accesso al potenziale trattamento,” ha detto il CEO. Il prezzo non include i programmi governativi e l’assistenza aggiuntiva di Gilead. Quando si tiene conto di tutto questo, Gilead ritiene che “tutti i pazienti vi avranno accesso”.

Il prezzo internazionale è stato fissato a un livello concepito per il Paese sviluppato con il più basso potere d’acquisto. La logica alla base di questo è stata quella di evitare negoziati Paese per Paese.

Gilead sta anche cercando di bilanciare la sua responsabilità morale di aiutare le persone malate ad accedere alle cure con gli obblighi finanziari derivanti dall’esecuzione di prove, compresa una nuova prova di una versione inalatoria di Remdesivir che può potenzialmente essere utilizzata al di fuori di un ambiente ospedaliero.

“Siamo ben consapevoli della nostra totale responsabilità in termini di capacità di investire per l’accesso e di continuare a investire di conseguenza per il futuro di questo farmaco,” ha detto il CEO.

Domande sulla fornitura

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha dichiarato di aver raggiunto un accordo per garantire almeno il 90% della fornitura di produzione di Gilead fino a settembre. Ha “senso” che il farmaco sia quasi esclusivamente disponibile per gli americani perché è già approvato per una qualche forma di utilizzo e il Paese ha tra i maggiori bisogni.

A settembre, la produzione di Gilead si potrebbe espandere a tal punto da poter iniziare a guardare oltre gli Stati Uniti e vedere di cosa hanno bisogno i Paesi di quel periodo.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro