Il prezzo di EUR/USD incontra una resistenza sull’accordo di ripresa dell’UE

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… read more.
on Lug 25, 2020
  • Il prezzo EUR/USD è salito del 2% per raggiungere un massimo di 22 mesi al di sopra di $1,1650.
  • L'Italia e la Grecia riceveranno la maggior parte dei 750 miliardi di euro del pacchetto di stimolo.
  • Una confluenza di livelli di resistenza si trova tra $1,1650 e $1,1750.

Il prezzo della coppia EUR/USD ha registrato la settimana da marzo guadagnando il 2% per la prima volta da settembre 2018 ad un prezzo superiore a 1,16 dollari. I rialzisti EUR hanno ricevuto una spinta massiccia dopo che l’Unione Europea ha concordato un importante pacchetto di recupero del Coronavirus da 750 miliardi di euro.

Analisi fondamentale: Grecia e Italia sostenute

L’Italia, la Spagna e la Grecia sono tra i Paesi che hanno ottenuto una spinta maggiore dopo che l’UE ha concordato un pacchetto di recupero del Coronavirus di 750 miliardi di euro. Data la gravità dell’epidemia di COVID-19 che si è verificata in Italia da febbraio ad aprile, l’UE ha deciso che questo Paese dovrebbe ricevere la maggior parte del pacchetto di recupero dedicato al Coronavirus da 750 miliardi di euro.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

L’Italia dovrebbe quindi ricevere 209 miliardi di euro come parte del pacchetto di salvataggio. Il virus ha portato alla morte di oltre 35.000 persone in Italia, e si stima che l’economia del Paese, che dipende in gran parte dal turismo, diminuirà di oltre l’11% nel 2020.

“Abbiamo la possibilità di rilanciare l’Italia con forza, di cambiare il volto del Paese,” ha detto il Presidente del Consiglio dei Ministri italiano, Giuseppe Conte.

“Ora dobbiamo fare in fretta. Dobbiamo usare questi soldi per gli investimenti, per le riforme strutturali”.

D’altra parte, l’ex vice primo ministro Matteo Salvini ha condannato l’accordo, sostenendo che avrebbe portato a misure di austerità per la nazione.

A parte questo, anche Kyriakos Mitsotakis, Primo Ministro della Grecia, ha elogiato l’accordo e ha definito il piano di stimolo un “successo nazionale”.

La Grecia otterrà circa 72 miliardi di euro dal pacchetto per aiutare il Paese a riprendersi dal duro colpo inferto dalla pandemia. Il governo del Paese ha detto che il programma di ripresa è una buona occasione per la Grecia di diversificare la sua economia e di investire in altri settori come l’energia verde e le nuove tecnologie.

La Grecia rimarrà indisturbata dal fatto che si parla di condizioni per la distribuzione dei fondi UE. Negli ultimi anni, la Grecia ha cercato di dimostrare ai leader internazionali che ha avviato cambiamenti strutturali sviluppati per modernizzare l’economia del Paese e ridurre il suo deficit, per ricevere una parte dello stimolo.

Analisi tecnica: Prova di resistenza critica del prezzo

Il prezzo EUR/USD ha guadagnato il 2% per chiudere ai massimi settimanali superiori a 1,1650 dollari. Questo è il prezzo più alto quotato da settembre 2018. Guardando da questa prospettiva, la rottura sopra i 1,14 dollari ha solo accelerato la tendenza al rialzo.

Grafico settimanale EUR/USD (TradingView)

L’inizio della prossima settimana di trading detiene la chiave per la coppia EUR/USD. L’azione di prezzo si è chiusa esattamente dove la linea discendente pluriennale fa trading. Potremmo vedere la coppia EUR/USD che si estende leggermente più in alto per arrivare a un’altra importante resistenza a 1,1720 dollari prima che il ritiro abbia luogo.

Nello scenario più rialzista, i rialzisti possono spingere per completare il pattern del grafico pennant rialzista al di sopra di 1,19 dollari.

In sintesi

La coppia EUR/USD è salita del 2% questa settimana per raggiungere il massimo di 22 mesi al di sopra di 1,1650 dollari. Secondo i termini del pacchetto di aiuti dell’UE, l’Italia e la Grecia riceveranno un importante sostegno finanziario per aiutare le loro economie a riprendersi.