Il prezzo di GBP/USD è salito del 5,5% a luglio, il più alto guadagno mensile dal 2009

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… read more.
on Ago 2, 2020
  • La sterlina ha guadagnato quasi il 5,5% a luglio, il più alto guadagno mensile dal 2009.
  • L'indice del dollaro è sceso ai minimi pluriennali per chiudere il 4,1% in rosso a luglio.
  • GBP/USD respinto dalla linea di tendenza discendente a 5 anni sopra 1,3150 dollari.

Il prezzo GBP/USD ha guadagnato quasi il 5,5% a luglio per commercializzare il mese migliore dal 2009. Il dollaro è sceso ai minimi pluriennali rispetto a una serie di valute, con l’indice del dollaro che ha chiuso il mese in calo del 4,1%.

Analisi fondamentale: la sterlina sale su un’ampia debolezza del dollaro

La sterlina ha approfittato dell’ampia debolezza del dollaro per spingere il dollaro sopra 1,30 dollari. Una forte performance a luglio significa che i guadagni che la sterlina ha fatto contro il dollaro sono i più grandi in più di un decennio.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Tuttavia, l’euro è stata la valuta preferita per scommettere contro il dollaro poiché gli investitori sono preoccupati per una seconda ondata di infezioni e una debole economia britannica.

“Le fortune della sterlina saranno sempre più guidate dalla posizione di politica monetaria, dalla capacità dell’economia di riprendersi dalla pandemia globale e dai negoziati sulla Brexit, che sono effettivamente bloccati,” hanno scritto gli strateghi di Merrill Lynch della Bank of America.

Un aumento del numero di nuovi casi di COVID-19, nonché dati recenti che indicano una ripresa più lenta, hanno facilitato le vendite in dollari.

“Nel corso del mese il dollaro ha subito un grave declino. I tassi di interesse stanno scendendo, e questo rende il dollaro molto meno attraente in termini di rendimento, ma (anche) il mercato sta iniziando a prendere coscienza del rischio politico del dollaro,” ha affermato Boris Schlossberg, amministratore delegato della strategia FX di BK Gestione delle risorse.

Il dollaro si è leggermente ripreso venerdì, molto probabilmente con una copertura corta e una presa di profitto l’ultimo giorno di luglio.

“Stiamo solo vedendo un po’ di copertura corta e un po’ di rischio fuori crea sempre flussi nel dollaro,” ha aggiunto Schlossberg.

Analisi tecnica: la forte resistenza a lungo termine blocca il rally

La coppia GBP/USD è salita in rialzo questa settimana per guadagnare oltre il 2,2% e spingere l’azione dei prezzi sopra 1,31 dollari per la prima volta da marzo di quest’anno. Durante la salita, gli acquirenti sono riusciti a superare diversi livelli di resistenza, da 1,2650 a 1,2900 dollari. Tutti questi livelli fungeranno ora da supporto, fornendo una base per gli acquirenti per estendere la tendenza rialzista.

Grafico settimanale GBP/USD (TradingView)

L’azione del prezzo si è fermata intorno a 1,3170 dollari, leggermente al di sopra della linea di tendenza diagonale a 5 anni che mantiene intatta la tendenza al ribasso. Dodici mesi fa è l’ultima volta che i movimenti dei prezzi hanno toccato questa linea di tendenza, rimbalzando in modo forte. Quindi, questa zona continuerà a fungere da forte resistenza mentre 1,29 dollari – il 200-WMA – forniranno supporto nelle vicinanze.

In sintesi

La sterlina ha fatto i suoi maggiori guadagni in più di un decennio contro il dollaro mentre la tendenza delle forti vendite del dollaro continua. L’azione del prezzo ha colpito una resistenza di 5 anni che probabilmente faciliterà finora il più grande test dell’impegno degli acquirenti.