WeWork si assicura 840 milioni di sterline di nuovi finanziamenti da SoftBank

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Ago 14, 2020
  • WeWork si assicura 840 milioni di sterline di nuovi finanziamenti da SoftBank Group Corp.
  • Il fornitore di spazi di lavoro condivisi riduce la sua percentuale di cash burn di quasi il 50%.
  • L'azienda immobiliare commerciale conclude il Q2 con £3,13 miliardi di contanti.

Giovedì WeWork ha dichiarato di aver ridotto con successo il proprio tasso di cash burn di quasi il 50% rispetto all’inizio dell’anno. Ha inoltre annunciato di essersi assicurato un finanziamento aggiuntivo di 840 milioni di sterline da SoftBank Group Corp (TYO: 9984) che attualmente detiene una quota di maggioranza in WeWork. In precedenza, SoftBank aveva ritirato un’offerta pubblica di 2,41 miliardi di sterline in aprile che aveva lasciato WeWork in crisi.

Venerdì le azioni di SoftBank hanno perso circa l’1,5%. Il conglomerato giapponese ha chiuso la sessione regolare a 45,34 sterline per azione contro il minimo da inizio anno di 19,26 sterline per azione a marzo, quando l’impatto del COVID-19 era al suo apice. Hai difficoltà a scegliere un broker di borsa online per iniziare a fare trading? Ecco alcuni dei migliori tra cui scegliere.

WeWork conclude il Q2 con £3,13 miliardi di contanti

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In un’e-mail inviata ai dipendenti di WeWork, la società ha riconosciuto l’impatto della pandemia di Coronavirus in corso sui risultati del secondo trimestre, ma ha espresso fiducia nella sua solida posizione finanziaria che, a suo avviso, era sufficiente per combattere il colpo economico. SoftBank ha anche pubblicato i suoi risultati finanziari all’inizio di questa settimana che hanno registrato un utile netto di 9 miliardi di sterline nel primo trimestre fiscale.

Con 673,23 milioni di sterline, i ricavi di WeWork nel secondo trimestre fiscale sono diminuiti del 9% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Nel trimestre precedente, tuttavia, il fornitore di spazi di lavoro condivisi aveva registrato entrate ancora più elevate di 840 milioni di sterline. Il suo cash burn alla fine del primo trimestre è stato di 267,91 milioni di sterline.

La società immobiliare commerciale americana si è vantata di aver concluso il secondo trimestre con 3,13 miliardi di sterline in contanti. La cifra rappresenta anche il nuovo finanziamento di 840 milioni di sterline da SoftBank e altri impegni di cassa non finanziati.

All’inizio di luglio di quest’anno, WeWork ha dichiarato di sperare di rendere positivo il flusso di cassa l’anno prossimo.

WeWork contava 612mila membri alla fine del Q2

Secondo la società con sede a New York, aveva 612mila membri in totale alla fine del secondo trimestre contro i 693mila più alti che aveva notato alla fine del primo trimestre. Il 48% dei suoi membri, ha aggiunto, proveniva da aziende con più di 500 dipendenti.

WeWork aveva pianificato di diventare pubblica lo scorso anno ad agosto con un’offerta pubblica iniziale (IPO) che avrebbe dovuto valutare la società a 25,88 miliardi di sterline. A seguito di cause legali per cattiva gestione aziendale, tuttavia, la società ha ritirato la sua istanza di IPO nel settembre 2019. Il contenzioso l’ha spinta a una massiccia scossa di gestione e ha pesato pesantemente sulla sua performance negli ultimi 12 mesi.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro