Quali sono le migliori criptovalute nel settore della privacy?

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a Invezz. La… read more.
on Nov 1, 2020
  • IOCTA mostra che le altcoin incentrate sulla privacy sono una minaccia informatica in crescita.
  • Tuttavia, l'uso criminale di altcoin ammonta solo all'1,1% di tutte le transazioni.
  • Monero, Dash e Zcash stanno diventando sempre più popolari come asset digitali orientati alla privacy.

Le privacy coin hanno una maggiore attenzione alla sicurezza e sono progettate per mantenere le identità degli utenti il più private possibile. In questo articolo, esaminiamo le problematiche che le privacy coin affrontano al giorno d’oggi e quali sono le migliori criptovalute orientate alla privacy al momento.

Analisi fondamentale: Europol e DOJ reputano le privacy coin come le principali minacce informatiche

L’agenzia di polizia dell’Unione europea Europol ha contrassegnato altcoin Monero (XMR) come una delle più grandi minacce informatiche. Monero è noto per una migliore privacy in quanto lavora per rendere le transazioni più difficili da tracciare.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Europol ha collaborato con i paesi membri dell’UE, le nazioni di terze parti e il settore privato per indagare su altcoin e servizi offerti dai wallet. La ricerca si è concentrata su aree come la criminalità informatica, lo sfruttamento sessuale dei minori e le frodi nei pagamenti. L’European Cybercrime Center (EC3) pubblica il suo rapporto più comune sulle principali minacce nella criminalità informatica: Internet Organized Crime Threat Assessment (IOCTA)

Questo ultimo rapporto IOCTA ha mostrato che le altcoin incentrate sulla privacy sono una minaccia informatica in crescita. Bitcoin è ancora il metodo di pagamento per crimini informatici più utilizzato, ma ciò è dovuto principalmente alla sua ampia adozione, status e facilità d’uso.

Oltre alle altcoin che abbiamo già menzionato, Etherum (ETH) e Litcoin (LTC) stanno diventando sempre più popolari nel mondo della criminalità informatica. Il rapporto ha anche rilevato che i criminali informatici utilizzano ampiamente i “servizi ottimizzati per la privacy offerti dai wallet che utilizzano concetti di coinjoin”, nonché i mixer centralizzati che li aiutano ad accumulare e riciclare il loro denaro.

Questi servizi coinjoin vengono utilizzati per combinare diverse transazioni da attori non correlati in un’unica transazione, rendendo molto più difficile rintracciare la cronologia delle transazioni. seppur non eliminandola.

Secondo il rapporto, anche gli utenti del dark web stanno utilizzando questi wallet con maggiore privacy per effettuare pagamenti clandestini. Quest’estate, Europol ha pubblicato un rapporto che ha rilevato che i criminali informatici hanno inserito più di 50 milioni di dollari di privacy coin in tali wallet.

Oltre a scoprire che le altcoin sono ampiamente utilizzate nella criminalità informatica, il rapporto Europol ha anche indicato un maggiore utilizzo delle criptovalute nelle transazioni legittime. Più specificamente, l’uso criminale di altcoin ammonta solo all’1,1% di tutte le transazioni.

Altrove, il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha anche pubblicato un rapporto sulle privacy coin e i criminali informatici che ha ribadito che le altcoin per la privacy sono ampiamente utilizzate in “attività ad alto rischio”.

“Il Dipartimento ritiene che l’uso di AEC sia un’attività ad alto rischio che è indicativa di una possibile condotta criminale”, afferma il rapporto. “Gli AEC vengono spesso scambiati con altri asset virtuali come Bitcoin, il che può indicare una tecnica di stratificazione di asset virtuali per gli utenti che tentano di nascondere comportamenti criminali”.

Il rapporto afferma anche che i proprietari di privacy coin sono in grado di offuscare l’origine dei loro token utilizzando mixer, tumbler e chain hopping, compromettendo AML e CFT.

Il rapporto afferma che il “chain hopping” è “spesso utilizzato da individui che riciclano proventi di furti di valuta virtuale”. Questo servizio si basa sullo scambio dei proprio crypto asset con altre che operano su una rete diversa come Bitcoin (BTC) ed Ethereum.

Tra gli altri servizi di miscelazione e smistamento utilizzati dai criminali informatici per coprire le loro tracce, il rapporto del DOJ ha evidenziato lo strumento per la privacy denominato Helix, il cui alto funzionario è stato arrestato a febbraio per aver riciclato oltre $311 milioni in Bitcoin.

“Gli operatori di questi servizi possono essere perseguibili penalmente per riciclaggio di denaro perché questi mixer e tumbler sono progettati specificamente per “nascondere o mascherare la natura, l’ubicazione, la fonte, la proprietà o il controllo” di una transazione finanziaria”.

Le 3 migliori criptovalute incentrate sulla privacy

Monero (XMR)

A giudicare dalla capitalizzazione di mercato, Monero è il più grande asset digitale incentrato sulla privacy. Le transazioni riservate Ring (RingCT) di Monero aiutano a proteggere l’importo della transazione, il che lo rende molto utile per una vasta gamma di attività.

Questa settimana, il prezzo di Monero ha registrato un massimo di 2 anni arrivando vicino al livello di 140$ dopo essere riuscito a superare la linea di resistenza di 120$. È probabile che gli acquirenti XMR spingano i movimenti dei prezzi verso la prossima linea di resistenza vicino a 160$.

Dash (DASH)

Dash è attualmente il 29esimo asset digitale più grande a livello globale. Dash offre ai suoi utenti di scegliere se desiderano o meno che le loro transazioni siano anonime. L’utilizzo di questa funzione aumenterà la commissione di transazione ma ti aiuterà a proteggere la privacy.

DASH/USD è stato per lo più in trend laterale da marzo, dopo il sell-off causato dalla pandemia. Tuttavia, una rottura al di sopra degli 85$ spianerebbe la strada agli investitori DASH per testare l’obiettivo di 125$.

Zcash (ZEC)

Zcash, il 33esimo asset digitale più grande al mondo per capitalizzazione di mercato, è un’altra criptovaluta che è orgogliosa di funzionalità avanzate di sicurezza e privacy. La sua caratteristica “Zero-Knowledge Proof” consente agli utenti di proteggere transazioni, indirizzi e importi.

Zcash ha visto il suo valore raddoppiare nel 2020. L’azione dei prezzi ha toccato un massimo di un anno ad agosto, prima che avvenisse la correzione per consentire ai nuovi acquirenti ZEC di saltare per testare la resistenza intorno a 75$.

In sintesi

Europol e il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti hanno recentemente pubblicato rapporti che hanno scoperto che le altcoin orientate alla privacy sono una minaccia informatica in crescita. Monero, Zcash e Dash sono alcune delle risorse digitali più grandi e popolari grazie alla loro capacità di proteggere le transazioni.