Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq salgono con gli investitori ottimisti sul pacchetto di aiuti per il coronavirus

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Dic 21, 2020
  • Per la settimana, il Dow Jones è cresciuto dello 0,44%, l'S&P 500 dell'1,25% e il Nasdaq del 3,05%.
  • I legislatori hanno raggiunto un compromesso e un pacchetto di aiuti per il COVID potrebbe essere in arrivo.
  • C'è ancora molta strada da fare per combattere la pandemia.

Gli indici azionari statunitensi sono aumentati su base settimanale e hanno raggiunto nuovi massimi storici mentre gli investitori attendono un pacchetto di soccorso per il coronavirus statunitense. Sono stati compiuti progressi significativi durante il fine settimana, i legislatori statunitensi hanno raggiunto un compromesso e un pacchetto di aiuti per il coronavirus da $900 miliardi potrebbe essere in arrivo.

Ciò è certamente positivo per gli indici azionari statunitensi, che potrebbero aprirsi in “positivo” all’inizio di questa settimana di trading. La Federal Reserve statunitense ha tenuto una riunione mercoledì scorso e ha lasciato invariata la sua politica monetaria, ma la FED ha annunciato che sosterrà l’economia per tutto il tempo necessario utilizzando la sua gamma completa di strumenti.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Nonostante ciò, l’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine poiché gli Stati Uniti devono ancora affrontare i problemi legati al COVID-19. Il Paese ha segnalato oltre 250.000 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e la correzione del mercato azionario statunitense potrebbe essere dietro l’angolo.

C’è ancora molta strada da fare per combattere la pandemia; molte grandi aziende registreranno un ulteriore calo dei ricavi e potrebbero dover affrontare problemi di liquidità.

S&P 500 in rialzo dell’1,25% su base settimanale

Per la settimana, S&P 500 (SPX) ha registrato un aumento dell’1,25% e ha chiuso a 3.709 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

I livelli critici di supporto sono 3.600 e 3.500 punti; 3.750 e 3.800 rappresentano i livelli di resistenza. Se il prezzo supera i 3.750 punti, sarebbe un segnale di “acquisto” per l’S&P 500, ma se il prezzo scende al di sotto di 3.500 punti, sarebbe un forte segnale di “vendita” con la strada aperta a 3.400 punti.

DJIA in crescita dello 0,44% su base settimanale

Per la settimana, il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è salito dello 0,44% e ha chiuso a 30.179 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

L’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine, ma finché il DJIA è superiore a 28.000 punti, questo indice rimane in un mercato rialzista. Se il prezzo supera i 31.000 punti, sarebbe un segnale di acquisto per Dow Jones Industrial Average (DJIA) avendo la strada aperta a 32.000 punti.

D’altra parte, se il prezzo scende al di sotto di 29.000 punti, sarebbe un segnale di “vendita” con la strada aperta a 28.000 punti.

Nasdaq Composite in rialzo del 3,05% su base settimanale

Il Nasdaq Composite (COMP) è avanzato del 3,05% su base settimanale e ha chiuso a 12.755 punti.

Fonte dei dati: tradingview.com

Finché il prezzo è al di sopra di questa linea di tendenza e di 11.000 punti, l’indice Nasdaq Composite rimane in un mercato rialzista e non vi è alcuna indicazione di inversione di tendenza.

In sintesi

Il Dow Jones è cresciuto dello 0,44% per la settimana, l’S&P 500 dell’1,25%, il Nasdaq del 3,05% e tutti e tre gli indici rimangono in un mercato rialzista. I legislatori statunitensi hanno raggiunto un compromesso e un pacchetto di aiuti per il coronavirus potrebbe essere in arrivo, ma nonostante ciò, l’attuale rapporto rischio/rendimento non è buono per gli investitori a lungo termine.