Ant Group pensa di trasformare le attività finanziarie online in una holding

Scritto da: Wajeeh Khan
Dicembre 30, 2020
  • Ant Group considera la possibilità di trasformare le proprie attività finanziarie online in una holding.
  • La holding sarà regolamentata come una società finanziaria convenzionale.
  • Non è chiaro se la piattaforma di pagamenti online Alipay farà parte della holding.

Ant Group Co Ltd prevede di trasformare il prestito al consumo e la maggior parte delle altre operazioni finanziarie online in una holding. Fonti hanno anche confermato martedì che la suddetta società sarà regolamentata in modo molto simile a una società finanziaria convenzionale.

Non è ancora stato rivelato se Alipay, la piattaforma di pagamento online che genera il secondo maggior fatturato per Ant Group, farà parte della holding. L’azienda fintech si è astenuta dal commentare ulteriormente la notizia in questa fase.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Le modifiche proposte alle attività di Ant, come da fonti anonime, non sono state ancora finalizzate e potrebbero essere riviste in seguito. Domenica, la società madre Alibaba Group Holding Ltd. (NYSE: BABA) ha aumentato il suo programma di riacquisto di azioni da 4,44 miliardi a 7,41 miliardi di sterline.

Secondo il Wall Street Journal, la Cina intende ottenere una partecipazione più ampia nell’impero degli affari del miliardario, Jack Ma. Tuttavia, non è chiaro quale delle società stia prendendo in considerazione il governo.

Il regolatore cinese ha sospeso l’IPO di Ant a novembre

In una dichiarazione di martedì, la Banca popolare cinese (PBOC) ha sottolineato che Ant vanta nel suo portafoglio diversi istituti finanziari, comprese compagnie di assicurazione e titoli. In conformità con la legge, dovrebbe costituire una holding per una migliore supervisione normativa.

La notizia arriva solo pochi giorni dopo che la Banca centrale cinese aveva esortato Ant Group a scuotere le sue operazioni di finanziamento al consumo, compresi i prestiti. Il mese scorso, le autorità di regolamentazione avevano sospeso l’IPO da 27,41 miliardi di sterline del gigante dei pagamenti che avrebbe potuto essere la più grande mai registrata al mondo.

L’impero fintech di Ma è stato oggetto di un attento esame negli ultimi mesi dopo che l’imprenditore miliardario ha criticato pubblicamente la politica di regolamentazione della Cina che, secondo lui, ostacolava l’innovazione tecnologica.

Le prestazioni di Alibaba nel mercato azionario

Le azioni quotate negli Stati Uniti di Alibaba hanno aperto in rialzo di circa il 4% martedì e hanno guadagnato un altro 3% nel corso della giornata. Compresa l’azione dei prezzi, la società ha ora un prezzo per azione di 175,60 sterline rispetto a 130,65 sterline per azione della fine di marzo, quando la pandemia di Coronavirus ha pesato sulla sua attività. Alibaba aveva iniziato l’anno 2020 a 162,83 sterline per azione.

Le azioni di Alibaba quotate al NYSE si sono comportate in gran parte ottimistiche nel mercato azionario lo scorso anno con un guadagno annuo di oltre il 55%. Al momento, il gigante dell’e-commerce cinese è quotato a 473,62 miliardi di sterline e un rapporto prezzo/utili di 31,79.