La correzione è vicina poiché le azioni sono in una “bolla epica”, dice un investitore

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… leggi di piú.
on Gen 12, 2021
  • La bull run avvenuta nel 2009 era "maturata in una vera e propria bolla epica", dice Jeremy Grantham.
  • Il prezzo dell'S&P 500 ha chiuso in ribasso dello 0,66% registrando la prima perdita in cinque giorni.
  • L'indice di riferimento USA ha chiuso la scorsa settimana in rialzo dell'1,83%, superando la soglia di 3800.

Le voci sul fatto che il mercato azionario si trovi attualmente in una bolla sono emerse ancora una volta poiché secondo molti analisti certe valutazioni estreme non sono sostenibili.

Analisi fondamentale: “bolla epica”

Le azioni hanno raggiunto livelli record in mezzo alla persistente pandemia di coronavirus, grazie all’introduzione dei vaccini COVID-19 e allo stimolo monetario delle banche centrali globali.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Anche se la somministrazione dei vaccini è già iniziata in molti Paesi, il numero di infezioni è ancora in aumento poiché vengono identificate nuove varianti del coronavirus, con conseguente reintroduzione di severe misure di lockdown in tutto il mondo.

Jeremy Grantham, investitore britannico e co-fondatore di GMO, ha detto martedì che la lunga bull run avvenuta nel 2009 è “maturata in una vera e propria bolla epica”.

“Con una sopravvalutazione estrema, aumenti esplosivi dei prezzi, emissioni frenetiche e un comportamento degli investitori istericamente speculativo, credo che questo evento sarà registrato come una delle grandi bolle della storia finanziaria, proprio insieme alla bolla della Compagnia del Mare del Sud, 1929 e 2000”, Grantham ha evidenziato.

Ha sottolineato che il rapporto prezzo/utili è attualmente nei percentili più alti mentre la crescita economica è nei percentili più bassi. Grantham ha sottolineato che il rapporto prezzo/utili del mercato azionario è storicamente nei primi percentili, mentre la crescita economica è tra i percentili più bassi.

“Questo è completamente senza precedenti e può anche essere una misura migliore dell’intensità speculativa rispetto a qualsiasi SPAC (società di acquisizione per scopi speciali)”, ha detto.

Analisi tecnica: S&P 500

Ieri, il prezzo dell’S&P 500 (SPX) ha chiuso in ribasso dello 0,66% per registrare la prima sessione giornaliera di perdite in cinque giorni. L’indice di riferimento statunitense ha chiuso la scorsa settimana in rialzo dell’1,83%, superando per la prima volta in assoluto il valore di 3800.

Grafico giornaliero S&P 500 (TradingView)

Potremmo vedere un calo più profondo da questi livelli con 3770 che offre supporto nelle vicinanze per S&P 500, mentre 3650 offre un forte supporto nel caso in cui la correzione acceleri nei prossimi giorni.

In sintesi

L’investitore Jeremy Grantham ritiene che il prolungato rally rialzista emerso nel 2009 si sia evoluto in una bolla a tutti gli effetti.