SBI VC Trade aggiunge XRP al suo servizio di prestiti crypto lanciato di recente

Scritto da: Jinia Shawdagor
Febbraio 5, 2021
  • I limiti di prestito per XRP vanno da minimo 1.000 monete a un massimo di 100.000 XRP.
  • XRP riceverà una commissione di utilizzo dello 0,1% annuo per le monete date in prestito.
  • Questa aggiunta rende XRP la seconda criptovaluta supportata dal servizio.

SBI VC Trade, il braccio crypto di SBI Holdings, uno dei principali conglomerati giapponesi, ha ampliato il suo servizio di prestito di criptovalute aggiungendo XRP. La società ha svelato questa notizia il 4 febbraio tramite un annuncio ufficiale, sottolineando che questo servizio offrirà ai possessori di XRP la possibilità di guadagnare interessi depositando le proprie monete sulla piattaforma VC Trade Lending. Secondo quanto riferito, la piattaforma consentirà depositi XRP compresi tra 1.000 e 100.000 token.

VC Trade Lending consente ai titolari di criptovalute interessati di prestare all’organizzazione le proprie monete per ottenere tariffe di utilizzo in base alla durata e alla quantità di criptovalute depositate.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Secondo l’annuncio, l’organizzazione ha fissato la commissione di utilizzo per il prestito XRP allo 0,1% annuo, tasse incluse. Il periodo di prestito sarebbe di 84 giorni di calendario. Grazie a questo sviluppo, XRP è diventato il secondo token supportato dalla piattaforma dopo BTC.

Un rinomato sostenitore di XRP

Questa notizia arriva dopo che SBI VC Trade ha lanciato la sua piattaforma di prestito nel novembre dello scorso anno. Al momento del lancio, la piattaforma supportava solo Bitcoin (BTC), consentendo agli appassionati crypto di prestare i propri BTC a SBI e guadagnare interessi a un tasso dell’1% comprensivo di tasse. L’importo minimo del prestito per BTC è 0,1 BTC (circa £2,724) e il limite massimo è 5 BTC (£136,180).

Aggiungendo il supporto XRP alla piattaforma di prestito, SBI ha ulteriormente dimostrato la sua fiducia in Ripple, soprattutto perché il progetto continua ad affrontare il contraccolpo della causa della SEC. Secondo quanto riferito, l’organizzazione è intervenuta per offrire supporto a Ripple dopo che sono emerse voci di perdita di partner strategici e di liquidità in seguito alla causa della SEC. SBI Holdings ha dichiarato che continuerà a utilizzare la tecnologia di Ripple e XRP nonostante la SEC affermi che il token è un titolo.

Anche se questa mossa avrebbe potuto solo aiutare XRP a precipitare ulteriormente, non era la prima volta che il conglomerato collabora con XRP e Ripple. Il gruppo in precedenza si è unito a Ripple in una joint venture denominata SBI Ripple Asia. Attraverso questa partnership, le due organizzazioni hanno unito le loro tecnologie per creare l’Internet of Value, consentendo ai partecipanti di RippleNet di connettersi alle istituzioni finanziarie attraverso una singola API.