Due stock di auto da comprare durante la carenza globale di chip semiconduttori

Scritto da: Michael Harris
Febbraio 28, 2021
  • L'industria automobilistica si trova in difficoltà a causa della carenza globale di semiconduttori.
  • Sembra che Hyundai e Toyota siano riuscite a schivare la carenza di chip.
  • Gli acquirenti di azioni Hyundai stanno puntando 32800, un premio di circa il 40% rispetto ai livelli attuali.
  • L'obiettivo a lungo termine per gli acquirenti Toyota è 10000, superiore del 25% del prezzo di mercato.

Le azioni di Hyundai Motor Company (KRX: 005380) e Toyota Motor Corp (NYSE: TM) potrebbero rivelarsi una scommessa sicura nel 2021 poiché l’industria automobilistica in generale deve affrontare problemi riguardo la fornitura di semiconduttori.

La mancanza di chip semiconduttori ostacola l’industria automobilistica

L’industria automobilistica si trova in una posizione difficile poiché la carenza globale di semiconduttori sta ostacolando i livelli di produzione e produzione. Le prime stime mostrano che l’intero settore potrebbe perdere oltre 60 miliardi di dollari a causa dei livelli di produzione ridotti.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ad esempio, Mazda ha annunciato che sta valutando la possibilità di tagliare la sua produzione globale di 34.000 veicoli nei prossimi due mesi a causa di una carenza di chip. Allo stesso modo, FCA è stata costretta a chiudere il suo stabilimento di assemblaggio a Brampton, Ontario.

Dato che gli Stati Uniti sono un Paese che soffre fortemente dell’attuale carenza di semiconduttori, il presidente Joe Biden ha firmato questa settimana un ordine esecutivo per affrontare tale carenza. Biden ha ordinato una revisione di 100 giorni delle supply chain dei semiconduttori, mirata a quattro campi specifici: batterie EV, chip semiconduttori, minerali delle terre rare e prodotti farmaceutici.

“Attenzione, non stiamo semplicemente pianificando di ordinare i rapporti. Stiamo pianificando di intraprendere azioni per colmare le lacune man mano che le identifichiamo. Ci aspettiamo che adottando questo tipo di approccio globale alla resilienza della supply chain … saremo in grado di rafforzare le nostre supply chain a lungo termine”, ha affermato il funzionario dell’amministrazione.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Hyundai e Toyota sono ben posizionate

Sembra che Hyundai e Toyota siano riuscite a schivare lo scricchiolio dei chip dei semiconduttori che preoccupa le case automobilistiche di tutto il mondo. Hyundai ha mantenuto le sue scorte di chip nel 2020, mentre un deficit di chip più ampio ha costretto le case automobilistiche globali, tra cui General Motors e Volkswagen, a ridurre la produzione, esortando Germania e Stati Uniti ad affrontare rapidamente il problema.

Secondo quanto riferito, solo tre case automobilistiche globali, tra cui la giapponese Toyota Motor, Hyundai e la sua consociata Kia, hanno a disposizione una scorta di semiconduttori che ha permesso loro di riprendere la produzione.

Tuttavia, se il problema non viene risolto presto, la crisi potrebbe interessare anche Hyundai e Toyota, poiché la bassa capacità inizia a pesare sulla produzione di chip per autoveicoli ad alta tecnologia. Hyundai comprava continuamente chip, mentre i concorrenti tagliavano gli ordini a causa della debole domanda indotta dalla pandemia.

La società sudcoreana ha già affrontato problemi di supply chain ed è stata costretta a sospendere la produzione, esortando la casa automobilistica sudcoreana ad adottare un approccio più conservativo quando si tratta di inventario, hanno detto gli analisti.

“Come altre case automobilistiche, anche Hyundai ha pianificato di tagliare la produzione all’inizio dell’anno a causa del COVID-19”, ha spiegato a Reuters una fonte Hyundai.

“Ma l’approvvigionamento ha capito la tendenza dell’industria dei semiconduttori che taglia la produzione di chip per auto e se non li compriamo anche noi, saremo nei guai in seguito'”, hanno aggiunto, riferendosi alle società tecnologiche che si sono affrettate ad acquistare chip e ridotto la capacità di creazione dei semiconduttori.

Le società di semiconduttori che forniscono case automobilistiche esternalizzano gran parte della loro produzione a produttori a contratto con sede in Asia, che di solito danno la priorità alle società di elettronica poiché rappresentano quasi l’intero fatturato.

Hyundai ha acquistato meno chip lo scorso anno rispetto al 2019, sebbene abbia aumentato significativamente i suoi acquisti nel trimestre conclusosi a dicembre.

Il mercato sudcoreano ha affrontato abbastanza bene gli effetti della pandemia, che probabilmente ha avuto un impatto sui piani di Hyundai e sulle sue esperienze con Cina e Giappone, secondo gli analisti.

Nel 2019, Hyundai ha avuto una controversia diplomatica con il Giappone che ha avuto un impatto sulla supply chain dei prodotti chimici presso i produttori di chip con sede in Corea del Sud. La casa automobilistica ha preso una lezione sia allora che l’anno scorso dopo l’epidemia di coronavirus in Cina, che ha comportato l’interruzione della produzione negli stabilimenti di Hyundai e Kia.

Analisi tecnica: livelli da tenere d’occhio per Hyundai e Toyota

Il prezzo delle azioni Hyundai ha chiuso di oltre il 2% in meno a causa di un più ampio selloff delle azioni globali. Le azioni della casa automobilistica sudcoreana sono scambiate in rialzo di circa il 3,5% a febbraio, dopo aver guadagnato quasi il 20% a gennaio.

Grafico mensile Hyundai (TradingView)

L’azione dei prezzi fatica a superare i 25000, livello che offre una resistenza cruciale superiore. Il prezzo delle azioni Hyundai è stato scambiato al di sopra di questo livello all’inizio di questo mese, ma gli acquirenti non sono riusciti a chiudere a tale livello. L’obiettivo a lungo termine al rialzo è 32800, che offre un premio di circa il 40% rispetto all’attuale prezzo di mercato.

Il prezzo delle azioni Toyota viene scambiato all’interno di un cuneo. Una corsa rialzista che ha avuto luogo questo mese ha spinto l’azione dei prezzi verso una resistenza del cuneo che si è tradotta in un massimo di cinque anni e mezzo per il titolo. L’obiettivo a lungo termine per gli acquirenti di azioni Toyota è 10000, che è superiore di oltre il 25% rispetto al prezzo di mercato.

Grafico mensile Toyota (TradingView)

In sintesi

Secondo quanto riferito, Hyundai e Toyota sono riuscite a evitare gli effetti negativi della carenza di chip per semiconduttori grazie al buon mantenimento delle scorte di chip lo scorso anno.