I prezzi del greggio salgono ancora grazie alla decisione OPEC+

Scritto da: Faith Maina
Marzo 5, 2021
  • I prezzi del greggio sono ai massimi di un anno con i future sul Brent e sul WTI scambiati a $64,87 e $67,97.
  • Per l'OPEC+, l'Arabia Saudita manterrà il taglio della produzione di 1 milione di barili al giorno ad aprile.
  • Russia e Kazakistan aumenteranno la produzione rispettivamente di 130.000 bpd e di 20.000 bpd.

Venerdì i prezzi del greggio hanno esteso i loro guadagni mentre il mercato reagisce alla decisione dell’OPEC+ di mantenere i tagli alla produzione ad aprile. I benchmark globali e statunitensi per il petrolio greggio sono entrambi scambiati ai livelli più alti da gennaio 2020. I future WTI e Brent sono in rialzo rispettivamente a $64,87 e $67,97. L’attuale rally è un’indicazione che le previsioni degli analisti di $72 per WTI e $75 per Brent potrebbero trasformarsi in realtà.

Prezzi del petrolio

Decisione OPEC+ sulla produzione di petrolio

Gli investitori desiderosi di comprare petrolio hanno avuto gli occhi sulla riunione dell’OPEC+ di giovedì per decifrare la direzione dei prezzi del petrolio greggio a breve e medio termine. La decisione della coalizione non ha deluso i rialzisti del mercato. A metà febbraio, i consiglieri dell’Arabia Saudita hanno indicato che il regno non avrebbe rinnovato la sua promessa di tagliare la produzione. Tuttavia, il ministro dell’Energia saudita ha osservato che l’OPEC+ doveva essere cauto sulla fragile ripresa della domanda.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In effetti, questo è il ragionamento alla base della decisione dell’alleanza di mantenere gli attuali livelli di produzione ad aprile. Gli analisti avevano previsto che l’OPEC+ aumenterà la produzione di circa 500.000 barili al giorno. Tuttavia, l’Arabia Saudita, il leader del gruppo, ha volontariamente esteso il suo precedente taglio alla produzione di 1 milione di barili al giorno. La Russia, la cui posizione era quella di aumentare la produzione, lo farà di 130.000 barili al giorno nel prossimo mese. Inoltre, al Kazakistan è stato consentito di aumentare la sua produzione di petrolio di 20.000 barili al giorno.

Fattibilità delle prospettive degli analisti

La decisione dell’OPEC+ e il successivo rialzo dei prezzi del petrolio greggio hanno rafforzato la probabilità che le previsioni degli analisti diventino realtà. La scorsa settimana, la Bank of America ha corretto al rialzo le sue previsioni per i prezzi del petrolio greggio. Secondo l’istituto, i futures sul Brent sarebbero in media di $60 al barile nell’anno in corso. Il numero è un aumento di $10 rispetto alla sua previsione precedente.

Allo stesso tempo, la banca ha previsto che $57 sarebbe il prezzo medio di quest’anno per i futures WTI. Come per il secondo trimestre, si prevede che i prezzi del Brent raggiungeranno i $70. Allo stesso modo, la previsione di Goldman Sachs è che i futures WTI e Brent raggiungeranno rispettivamente $72 e $75 al barile entro il terzo trimestre di quest’anno.

Al ritmo attuale, queste previsioni potrebbero presto diventare realtà. Alle 07:50 GMT, i futures WTI erano in rialzo dell’1,38% a $64,87. Anche i future sul Brent sono aumentati a $67,97. Dopo essere sceso leggermente al di sotto del livello psicologico di $60 all’inizio della settimana, il benchmark per il petrolio greggio statunitense è aumentato vertiginosamente di quasi il 9%.