Anglo American riporta un aumento del 3% della produzione nel Q1

Scritto da: Wajeeh Khan
Aprile 22, 2021
  • Anglo American riporta un aumento del 3% della produzione nel Q1.
  • La multinazionale mineraria ha tagliato la sua guidance annuale per il carbone.
  • Anglo American è cresciuta di poco meno del 20% da inizio anno nel mercato azionario.

Giovedì, Anglo American plc (LON: AAL) ha registrato un aumento del 3% nella produzione del primo trimestre. L’azienda, tuttavia, ha tagliato la sua previsione annuale per il carbone (metallurgico e termico).

Le azioni Anglo American, che puoi imparare ad acquistare online qui, hanno aperto giovedì in borsa a £30,62 e sono attualmente scambiate a £30,44. La società mineraria aveva toccato un massimo da inizio anno di 32 sterline per azione la scorsa settimana. In confronto, Anglo American aveva iniziato l’anno 2021 a un prezzo molto inferiore pari a £25,72 per azione.

La produzione di rame di Anglo American aumenta del 9%

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Anglo American ha dichiarato di aver prodotto 160.000 tonnellate di rame nel trimestre che si è concluso a marzo, con una crescita annualizzata del 9%. La produzione di metalli del gruppo del platino (PGM), d’altra parte, è aumentata del 7% nel primo trimestre a 1,02 milioni di once. Con 16,2 milioni di tonnellate, la produzione di minerali ferrosi, secondo l’azienda mineraria, è aumentata dell’1%.

Per il 2021 nel suo insieme, la società con sede a Johannesburg prevede un aumento della produzione di minerale di ferro, PGM e rame. Anglo American ha acquistato Sirius Minerals lo scorso anno per 405 milioni di sterline in contanti.

Secondo Anglo American, la produzione di diamanti nel primo trimestre è stata di 7,2 milioni di carati, ovvero il 7% in meno rispetto allo scorso anno. La produzione di carbone metallurgico, ha aggiunto l’azienda quotata a Londra, è crollata del 14% nel primo trimestre a 3,3 milioni di tonnellate, mentre la produzione di carbone termico è scesa a 4,9 milioni di tonnellate, con un calo più ampio del 20%.

Anglo American ha prodotto 10.100 tonnellate di nichel o il 7% in meno rispetto al trimestre comparabile dello scorso anno. La produzione di 905.000 tonnellate di minerale di manganese nel Q1 è stata superiore del 7% su base annua.

In notizie separate dal Regno Unito, Informa plc ha affermato di aver registrato una perdita nel 2020 a causa delle restrizioni COVID-19.

Guidance del carbone di Anglo American per l’intero anno

Anglo American prevede ora fino a 16 milioni di tonnellate di produzione di carbone metallurgico quest’anno. Ha ridotto la sua previsione termica per l’intero anno a 14 milioni di tonnellate. Il CEO Mark Cutifani ha dichiarato giovedì:

“Il portafoglio di Anglo American è sempre più orientato verso metalli e minerali che consentano il futuro, con la nostra scissione recentemente proposta delle nostre attività di carbone termico in Sud Africa che ci spinge ulteriormente in quella direzione”.

L’anno scorso Anglo American si è comportata in modo abbastanza positivo sul mercato azionario con un guadagno annuo di oltre il 10%. Al momento, il più grande produttore mondiale di platino ha un valore di 41,54 miliardi di sterline e ha un rapporto prezzo/utili di 25,45.