DXY: indice dollaro USA cala dopo i deboli dati sui salari non agricoli

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Giu 4, 2021
  • L'indice del dollaro USA è diminuito dopo i dati relativamente deboli sui salari non agricoli.
  • L'economia americana ha aggiunto più di 559.000 posti di lavoro a maggio.
  • Il tasso di disoccupazione è sceso al di sotto del 6% mentre i salari sono aumentati.

L’indice del dollaro USA (DXY) è schizzato al ribasso dopo che gli Stati Uniti hanno pubblicato i dati relativamente forti sui salari non agricoli (NFP). Si è attestato a $90,65, oltre l’1% al di sopra del livello più basso di quest’anno.

Dati sui salari non agricoli

Il mercato del lavoro statunitense si sta restringendo mentre il Paese riapre. Giovedì, i dati dell’ADP Institute hanno mostrato che il settore privato del Paese ha creato più di 965.000 posti di lavoro a maggio. Lo stesso giorno, i dati del Bureau of Labor Statistics (BLS) hanno mostrato che il numero di richieste di disoccupazione iniziali è sceso al livello più basso dall’inizio della pandemia.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

E oggi, i dati del BLS hanno rivelato che i libri paga non agricoli sono aumentati di 559.000 a maggio dopo aver aggiunto più di 266.000 posti di lavoro nel mese precedente. Il nuovo aumento è peggiore della stima media di 675.000.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 5,8% a maggio dopo essere salito al 6,1% ad aprile. Inoltre, il tasso di partecipazione è sceso al 61,6% mentre la retribuzione oraria media è aumentata del 2,0% a maggio.

Questi numeri hanno fornito ulteriori prove del fatto che l’economia americana sta andando relativamente bene, aiutata dalla vaccinazione in corso e dalla campagna di riaperture. È stato anche aiutato dalle politiche della Federal Reserve e dal massiccio stimolo offerto dal governo federale. Nel primo trimestre, le amministrazioni Trump e Biden hanno offerto stimoli per oltre 2,8 trilioni di dollari.

Pertanto, con il tasso di disoccupazione in calo e l’inflazione ben al di sopra dell’obiettivo della Fed del 2,0%, ci sono preoccupazioni che la Fed si unirà al carrozzone dei tagli. Altre banche centrali che hanno avviato o comunicato che inizieranno un inasprimento sono: Bank of Canada (BOC), Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) e Norges Bank.

Tuttavia, in precedenti dichiarazioni, Jerome Powell e altri funzionari della Fed hanno segnalato che l’attuale forza dell’economia è transitoria.

Analisi tecnica dell’indice del dollaro USA

US dollar index
Grafico dell’indice del dollaro USA

Il grafico a quattro ore mostra che il dollaro USA ha formato un modello triple top leggermente al di sotto della soglia dei $90. Nell’analisi tecnica e nell’analisi dell’azione dei prezzi, questo di solito è un segnale rialzista. L’indice si è anche spostato al di sopra della scollatura di questo modello al livello di $90,47. Inoltre, si è spostato al di sopra delle medie mobili a 25 e 15 giorni (MA).

Pertanto, esiste la possibilità che l’indice continui a salire poiché i rialzisti prendono di mira la prossima resistenza al livello di ritracciamento di Fibonacci del 38,2% a $91.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro