4 punti chiave dal rapporto sui guadagni del Q2 di Adobe

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Giu 17, 2021
Updated: Giu 18, 2021
  • Adobe batte le stime di Wall Street nel Q2 fiscale.
  • La società di software prevede 3,88 miliardi di dollari di entrate nel Q3.
  • Giovedì le azioni Adobe sono aumentate di circa il 3% nel trading prolungato.

Adobe Inc (NASDAQ: ADBE) ha riportato giovedì i risultati finanziari per il secondo trimestre fiscale che hanno superato le stime di Wall Street. La società ha attribuito la sua performance positiva all’accelerazione digitale guidata dal COVID-19.

1. Performance finanziaria

Adobe ha affermato che il suo reddito netto nel secondo trimestre è stato di 1,12 miliardi di dollari che si traduce in 2,32 dollari per azione rispetto alla cifra dell’anno fa di 1,1 miliardi di dollari leggermente inferiore, pari a 2,27 dollari per azione. Su base rettificata, la multinazionale americana ha guadagnato 3,03 dollari per azione nel secondo trimestre.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La società di software ha generato 3,84 miliardi di dollari di entrate nell’ultimo trimestre. Nello stesso trimestre dell’anno scorso, aveva registrato 3,13 miliardi di dollari di entrate. Secondo FactSet, gli esperti avevano previsto 3,73 miliardi di dollari di entrate e 2,81 dollari di profitto per azione.

2. Ricavi dei singoli settori di attività

Adobe ha valutato i suoi obblighi di prestazione rimanenti alla fine del Q2 a 12,23 miliardi di dollari, che rappresenta una crescita annualizzata del 23%. Poiché la pandemia ha fatto sì che le persone continuassero a lavorare da casa, la domanda di PDF e Adobe Sign è rimasta forte.

Le entrate del Q2 dell’azienda con sede a San Jose dai prodotti Creative, Digital Media e DocumentCloud sono aumentate rispettivamente del 24%, 25% e 30% su base annua. Il cash flow dalle operazioni si è attestato a 1,99 miliardi di dollari.

3. Le osservazioni del CFO, John Murphy

Commentando il rapporto sugli utili di giovedì, il CFO John Murphy ha dichiarato:

“Con lo slancio che stiamo vedendo nella creatività, nei documenti digitali e nella gestione dell’esperienza del cliente, siamo sulla buona strada per un altro anno record con un primo semestre già forte in termini di risultati. Poche aziende della nostra scala possono vantare una crescita del fatturato del 20% in più, a livello mondiale margini operativi di prima classe e un modello di ricavi ricorrenti costruito per la crescita e la redditività a lungo termine”.

4. Guidance per il trimestre in corso

Per il terzo trimestre fiscale, Adobe prevede ora 3 dollari di utili per azione rettificati su 3,88 miliardi di dollari di entrate. In confronto, gli analisti chiedono 2,89 dollari di EPS rettificato su 3,83 miliardi di dollari di entrate.

Nel trimestre precedente (Q1), la società quotata al Nasdaq aveva registrato una crescita annualizzata del fatturato del 26%.

Impatto sul prezzo delle azioni

Giovedì le azioni Adobe sono aumentate di circa il 3% nel trading after-hour. Compresa l’azione del prezzo, il titolo viene scambiato a 567 dollari per azione. In confronto, aveva iniziato l’anno a una cifra molto più bassa pari a 485 dollari per azione.

Lo scorso anno Adobe ha registrato una performance ampiamente positiva nel mercato azionario, con un guadagno annuo vicino al 45%. Al momento, l’azienda ha un market cap di 263,55 miliardi di dollari e un rapporto prezzo/utili di 47,88.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro