Azioni Hasbro e Mattel in calo per la crisi delle spedizioni di giocattoli

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Giu 18, 2021
  • Secondo il NY Post, i container di spedizione non sono disponibili per portare giocattoli dalla Cina agli USA.
  • La carenza potrebbe danneggiare gravemente i produttori di giocattoli USA durante le festività natalizie.
  • Venerdì mattina le società di giocattoli come Hasbro e Mattel sono scese in borsa.

I produttori di giocattoli Hasbro Inc (NASDAQ: HAS) e Mattel Inc (NASDAQ: MAT) erano sotto pressione sul mercato azionario venerdì mattina quando il New York Post ha affermato che migliaia di giocattoli in scatola e pronti per essere consegnati, dai camion Tonka ai puzzle, le action figure e le bambole, sono bloccati in Cina poiché non sono disponibili container di spedizione per portarle negli Stati Uniti.

Hasbro ha aumentato i prezzi dei giocattoli per i maggiori costi di trasporto

L’oleodotto di trasporto globale ha subito un duro colpo lo scorso anno a causa della pandemia di Coronavirus. L’ostruzione del Canale di Suez all’inizio di quest’anno ha ulteriormente peggiorato la situazione. Di conseguenza, i container ora sono scarsi o hanno un prezzo doppio rispetto a prima della pandemia. Hasbro aveva aumentato i prezzi dei giocattoli ad aprile, citando i maggiori costi di trasporto.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Rispetto al prezzo a cui Hasbro ha chiuso la seduta regolare giovedì, il titolo è attualmente in ribasso di oltre l’1% con un prezzo di $90,76 per azione. Questo rispetto al suo massimo da inizio anno di $100 per azione a metà aprile. Hasbro aveva raggiunto un minimo di $46 per azione nel marzo 2020.

Se la situazione non migliora nelle prossime settimane, potrebbe sollevare l’allarme per i produttori di giocattoli statunitensi, che convenzionalmente generano la maggior parte delle vendite durante le festività natalizie.

“Non stiamo ancora vedendo alcun panico riguardo al flusso di merci per le festività. Se vediamo vincoli persistenti fino alla fine dell’estate, allora inizieremo a preoccuparci un po’ di più”, ha affermato l’analista di Jefferies Stephanie Wissink.

I problemi di spedizione non sono nuovi per l’industria dei giocattoli

L’industria dei giocattoli sta attualmente affrontando un ritardo di circa tre settimane. Le sfide di spedizione, tuttavia, non sono nuove per il settore, secondo l’analista Linda Bolton Weiser di DA Davidson. Ricordando lo sciopero dei lavoratori del porto di Los Angeles diversi anni fa, Weiser ha dichiarato:

“Le azioni di giocattoli sono crollate, ma il Natale è passato senza intoppi. Le aziende di giocattoli sono state in grado di caricare i loro giocattoli sulla parte superiore dei mercantili e scaricarli più velocemente.

D’altra parte, il CEO di Basic Fun Jay Foreman avverte che la pressione dei produttori in Cina sta aumentando, e ora si stanno orientando a non prendere nuovi ordini fino a quando i rivenditori statunitensi non si riforniscono di contenitori. Le spese di trasporto, secondo Mattel, hanno già avuto un impatto materiale sui suoi margini.

Anche le azioni Mattel sono scese di oltre l’1% questa mattina rispetto al prezzo di chiusura di giovedì. Su base annua, il titolo è ancora in rialzo di oltre il 10%. Mattel ha recuperato arrivando a $19,20 per azione rispetto al livello di $7,42 per azione di marzo 2020.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro