Azioni di Facebook in calo per i timori circa le stime dell’H2 del 2021

By: Wajeeh Khan
Wajeeh Khan
Wajeeh è un seguace attivo degli affari mondiali, della tecnologia, un avido lettore e ama giocare a ping pong… read more.
on Lug 29, 2021
  • Facebook batte le stime di Wall Street nel Q2 fiscale.
  • Le azioni scivolano nel trading prolungato causa guida preoccupante per l'H2 del 2021.
  • Mark Mahaney discute i guadagni di Facebook a "Closing Bell" della CNBC.

Facebook Inc (NASDAQ: FB) ha riportato mercoledì i risultati migliori del mercato per il secondo trimestre fiscale grazie a un forte aumento della pubblicità digitale. La guidance per la seconda metà dell’anno, tuttavia, non è stata accolta bene, causando un calo del titolo di circa il 4% nel trading after-hour.

I commenti di Mar Mahaney a “Closing Bell” della CNBC

Commentando i guadagni di Facebook, Mark Mahaney di Evercore ISI ha affermato che “il problema con Facebook è una correzione delle aspettative” durante “Closing Bell” della CNBC:

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

“Facebook è sulla buona strada ma non arriverà così in alto. Penso che ci fossero aspettative, comprese le nostre, che potessero arrivare fino a 30 miliardi di dollari. Nulla è cambiato per l’investitore fondamentale a lungo termine, ma le aspettative a breve termine erano un po’ più alte”.

Performance finanziaria

Facebook ha dichiarato che i suoi guadagni netti nel secondo trimestre sono stati di $10,39 miliardi, che si traducono in $3,61 per azione. Il gigante dei social media ha generato $29,08 miliardi di vendite che rappresentano una crescita annualizzata del 56%.

Secondo Refinitiv, gli esperti avevano previsto che la società avrebbe registrato $27,89 miliardi di entrate e $3,03 di EPS.

Altre figure importanti

Facebook ha notato una crescita del 7% su base annua degli utenti attivi mensili a 2,9 miliardi nell’ultimo trimestre, approssimativamente in linea con quanto previsto dagli analisti. Negli Stati Uniti e in Canada, tuttavia, gli utenti attivi giornalieri sono rimasti stabili. La multinazionale americana ha registrato 10,12 dollari di entrate medie per utente (ARPU) contro i 9,66 dollari previsti.

Il prezzo medio per annuncio, secondo Facebook, è aumentato del 47% nel secondo trimestre. La società con sede a Menlo Park ha pubblicato il 6% in più di annunci nell’ultimo trimestre. Altre cifre degne di nota includono una crescita del 36% delle entrate dal segmento “Altro” di FB che non ha raggiunto le stime.

Linee guida per la seconda metà del 2021

“Nel terzo e quarto trimestre del 2021, prevediamo che i tassi di crescita dei ricavi totali su base annua decelereranno in modo significativo su base sequenziale man mano che superiamo periodi di crescita sempre più forte. Continuiamo ad aspettarci maggiori ostacoli al targeting degli annunci nel 2021 a causa dei cambiamenti normativi e della piattaforma, in particolare i recenti aggiornamenti di iOS, che prevediamo avranno un impatto maggiore nel terzo trimestre rispetto al secondo”, ha affermato il CFO David Wehner in una nota.

Il rapporto sui guadagni arriva un mese dopo che Facebook si è unito al club delle società da un trilione di dollari.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro