Gli USA segnalano aumento dello 0,7% delle vendite al dettaglio. Devo vendere oro?

By: Stanko Iliev
Stanko Iliev
Stanko si dedica a fornire agli investitori informazioni rilevanti che possono utilizzare per prendere decisioni di investimento. Ama la… read more.
on Set 17, 2021
  • L'oro si è indebolito di oltre il 2% questo giovedì e ha raggiunto il livello più basso in un mese.
  • Se il prezzo scende al di sotto del supporto di $1.700, il prossimo obiettivo potrebbe essere di circa $1.650.
  • Gli Stati Uniti hanno registrato un aumento dello 0,7% delle vendite al dettaglio.

Il prezzo dell’oro si è indebolito di oltre il 2% questo giovedì e ha raggiunto il livello più basso in un mese dopo che il dollaro USA è salito a seguito di un aumento migliore del previsto delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti per agosto. Gli Stati Uniti hanno registrato un aumento dello 0,7% delle vendite al dettaglio, aumentando le aspettative degli investitori che la Federal Reserve inizierà presto a ridurre gli acquisti mensili di obbligazioni.

Analisi fondamentale: i dati sulle vendite al dettaglio negli USA mettono sotto pressione l’oro

Il prezzo dell’oro rimane sotto pressione questo giovedì dopo che il dollaro USA è salito a seguito di un aumento delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti migliore del previsto per agosto. I risultati migliori del previsto hanno influenzato positivamente il dollaro USA e la forza più significativa dietro il calo del prezzo dell’oro è l’apprezzamento del dollaro USA.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Gli investitori hanno iniziato a comportarsi nervosamente tra i timori che la Federal Reserve dovrà inasprire la sua politica monetaria ultra-allentata prima del previsto. Gli investitori continueranno a prestare attenzione ai commenti della Federal Reserve alla ricerca di indizi, ma l’aumento dei casi di COVID-19 potrebbe aumentare la domanda di oro perché questo metallo prezioso è considerato un bene rifugio.

“La propensione al rischio tra gli operatori di mercato continua a essere elevata, come si evince dai forti aumenti dei prezzi dell’energia e dei metalli di base. I mercati azionari rimangono stabili e, per di più, c’è stato un inaspettato e notevole miglioramento del sentimento tra le società industriali a New York Distretto della Fed a settembre. L’oro non era molto richiesto in questo contesto di mercato”, ha detto in una nota l’analista di Commerzbank, Daniel Briesemann.

Dall’altro lato, i tre principali indici di Wall Street continuano a essere scambiati in un mercato rialzista, mentre il presidente della Federal Reserve statunitense, Jerome Powell, ha affermato che le pressioni inflazionistiche saranno probabilmente temporanee. La variante Delta del coronavirus sta alimentando preoccupazioni sulla ripresa, ma l’economia USA continua a funzionare bene.

Le richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti sono scese al livello più basso in quasi diciotto mesi e la rinnovata forza del dollaro USA sulla scia dei solidi dati statunitensi continua a influenzare negativamente il prezzo dell’oro.

Analisi tecnica: $1.700 rappresenta un forte livello di supporto

Coloro il cui interesse è investire in materie prime come l’oro dovrebbero considerare che il rischio di un ulteriore declino non è ancora finito.

Fonte dei dati: tradingview.com

Il prezzo dell’oro si è indebolito di oltre il 2% questo giovedì e se il prezzo scenderà al di sotto del supporto di $1.700, il prossimo obiettivo potrebbe essere a circa $1.650. Il forte livello di resistenza si trova intorno a $1.850 e se il prezzo supera questo livello, sarebbe un segnale per scambiare l’oro e abbiamo la strada aperta a $1.900.

In sintesi

Il prezzo dell’oro rimane sotto pressione questo giovedì dopo che il dollaro USA è salito a seguito di un aumento delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti migliore del previsto per agosto. Le richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti sono scese al livello più basso in quasi diciotto mesi e gli investitori hanno iniziato a preoccuparsi tra i timori che la Federal Reserve dovrà inasprire la sua politica monetaria ultra-allentata.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro