GBP/USD da comprare o vendere? I rendimenti dei bond UK e USA salgono

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… leggi di piú.
on Gen 19, 2022
  • La coppia GBP/USD è sottoposta a forti pressioni ultimamente.
  • È scesa dell'1,10% dal massimo della scorsa settimana.
  • Spieghiamo cosa aspettarsi con l'aumento dei rendimenti obbligazionari del Regno Unito e degli Stati Uniti.

Il prezzo GBP/USD è in trend laterale dopo i forti dati dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) del Regno Unito. La coppia viene scambiata a 1,3597, che è circa l’1,10% al di sotto del livello più alto della scorsa settimana.

L’inflazione al consumo nel Regno Unito aumenta

Martedì, l’Office of National Statistics (ONS) ha pubblicato forti dati sull’occupazione nel Regno Unito. I dati hanno rivelato che il tasso di disoccupazione ha continuato la sua tendenza al ribasso a novembre. Attualmente si attesta a circa il 4,1%, che era il punto più basso dall’inizio della pandemia.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

E mercoledì, l’agenzia ha pubblicato forti dati sull’inflazione al consumo. Il CPI è passato dal 5,1% di novembre al 5,4% di dicembre. Si tratta di un aumento superiore alla stima mediana del 5,2%. Su base mensile, i dati hanno rivelato che l’inflazione del Paese è scesa dallo 0,7% di novembre allo 0,5% di novembre.

Anche l’inflazione è aumentata escludendo i prezzi di generi alimentari ed energetici. Secondo l’ONS, l’indice core dei prezzi al consumo è salito dal 4,0% di novembre al 4,2% di dicembre. Gli economisti si aspettavano che il numero mostrasse che il prezzo è sceso al 3,9%.

È interessante notare che l’inflazione alla produzione è diminuita a dicembre. L’input dell’indice dei prezzi alla produzione è sceso dal 15,2% al 13,5% a dicembre. La sua produzione è scesa dal 9,4% al 9,3%.

È probabile che la coppia GBP/USD sia finita in trend laterale perché gli investitori ritengono che l’inflazione possa aver raggiunto il suo massimo, a dicembre. Alcuni ritengono che i prezzi inizieranno a normalizzarsi nel primo o nel secondo trimestre dell’anno.

Inoltre, la coppia si è mossa lateralmente poiché le preoccupazioni per l’aumento dei rendimenti dei titoli di stato hanno scosso il mercato. Negli Stati Uniti, il rendimento delle obbligazioni a 10 anni è salito all’1,892% mentre quello a 30 anni è salito al 2,20%. La stessa tendenza sta accadendo nel Regno Unito, dove il Gilt a 10 anni ha raggiunto il livello più alto dal 2018.

Previsioni GBP/USD

GBP/USD

La coppia GBP/USD è stata affetta da un trend ribassista negli ultimi giorni. Sul grafico a quattro ore, vediamo che la coppia è riuscita a muoversi al di sotto della linea di tendenza ascendente mostrata in nero. Si è inoltre spostato al di sotto delle medie mobili di 25 e 50 periodi. Uno sguardo più attento mostra che i due stanno per fare un crossover ribassista.

Pertanto, per ora, il percorso della minor resistenza per la coppia è più basso, con il prossimo supporto chiave da tenere d’occhio a 1,3560, che è lungo il primo supporto del punto pivot standard.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
10/10
67% of retail CFD accounts lose money