Titoli energetici ai minimi del 2008, ma in rialzo del 20% quest’anno

By: Dan Ashmore, CFA
Dan Ashmore, CFA
Dan è un analista di dati presso Invezz, combina competenze quantitative e un background macro per redare analisi su… leggi di piú.
on Giu 21, 2022
  • Titoli energetici scambiati al rapporto P/E più basso dalla Grande Crisi Finanziaria.
  • Prezzi di mercato in rallentamento per la crescita economica e il calo della domanda di petrolio e gas.
  • Il rapporto P/E è sceso da 8,5 a 6,4 già quest'anno poiché le stime sugli utili sono aumentate del 64%.

Cercare di trovare titoli performanti nel 2022 è come tentare di pulire una taglia da forno dopo aver cotto la pasta così male che si è attaccata al fondo (potrebbe essere successo a me a cena qualche sera fa) – in altre parole, è molto difficile.

Ma guardando con attenzione, se ne scovano alcuni. La maggior parte dei quali sono nel settore energetico. In effetti, l’indice Stoxx 600 Oil and Gas è in rialzo del 20% (nonostante un recente pullback), come mostrato nel grafico sottostante, mentre il mercato in generale è crollato.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

I guadagni degli investitori nel settore energetico sono dovuti alla tragica guerra in Ucraina, che ha fatto salire alle stelle i prezzi delle commodities.

Tuttavia, c’è qualcosa di estremamente degno di nota in questo aumento del prezzo dei titoli energetici: è sminuito dall’aumento degli utili previsti. Nonostante le azioni siano aumentate del 20%, le stime sugli utili sono aumentate del 64%. Ciò è servito a far scendere il rapporto P/E da 8,5 all’inizio dell’anno a dove si trova attualmente a 6,4. Come mostra il grafico sottostante di zerohedge.com, ciò significa che i titoli energetici sono scambiati alle valutazioni più basse mai registrate dal grande crollo finanziario del 2008.

Ciò suggerisce che il mercato non è pienamente d’accordo con le crescenti aspettative degli analisti. Serve come simbolo del crescente sentimento ribassista che circola, con gli investitori che apparentemente si aspettano che un rallentamento della crescita economica riduca la domanda di petrolio e gas e alla fine giustifichi questi multipli inferiori.

Un altro problema è la questione di quanto sia sostenibile il rally dei prezzi delle commodities. Ciò è ovviamente guidato dai danni della guerra in Europa e da tutti gli effetti a catena che ne conseguono, comprese le sanzioni livellate dall’Occidente. È un gioco da pazzi cercare di prevedere le mosse future di Putin, e c’è anche il continuo dibattito sulla risposta dell’Occidente e su quanto siano obbligati o disposti a interrompere il flusso di energia, il che potrebbe avere un grave impatto sulle valutazioni qui.

Tenendo conto di tutto questo, per non parlare del dollaro alle stelle che potrebbe gettare un’ulteriore benzina sul fuoco, è perfettamente logico che le valutazioni siano calate. Con il crollo di quasi tutti gli asset nella sfera finanziaria, il sentimento ribassista si sta manifestando anche nei pochissimi titoli che stanno andando bene, ovvero quelli energetici, sotto forma di valutazioni più basse – e questo ha perfettamente senso, una tendenza che si ripete e di nuovo in periodi di avversione al rischio aggressivi.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, Capital.com
9.3/10