Ad

Sono andato in El Salvador: Lightning ha reso tutto possibile

Di:
su Aug 9, 2022
Aggiornato: Oct 6, 2022
Listen
  • El Salvador ha dichiarato Bitcoin come moneta a corso legale. Il nostro analista Dan Ashmore è andato lì.
  • Solo il 30% delle aziende nella città di San Salvador accetta Bitcoin come pagamento, stima Ashmore.
  • La rete Lightning è efficiente e simile a Revolut, Monzo o Venmo in termini di facilità d'uso.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Mettere piede sul suolo salvadoregno è qualcosa che volevo fare dal 7 settembre dello scorso anno, giorno in cui il Paese centroamericano è diventato la prima nazione a dichiarare Bitcoin come moneta a corso legale.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

La scorsa settimana ho finalmente trasformato in realtà questo sogno.

Scriverò una serie di articoli sulla mia esperienza, sui miei pensieri sull’esperimento Bitcoin e su cosa significa per il futuro di El Salvador e di altri stati sovrani. Per ora, però, lasciatemi parlare velocemente di ciò che rende tutto questo possibile: la rete Lightning.

Lightning

Copy link to section

Sono atterrato all’aeroporto internazionale di El Salvador alle 2 del mattino ora locale. Essendo a 50 km dal mio alloggio nella città di San Salvador, con gli autobus che non partivano così tardi, sono stato costretto a prendere un taxi.

Quasi un’ora dopo sono arrivato a casa mia e ho pagato $30 per la corsa. Stranamente, avevo solo due banconote da $20 e l’autista non aveva resto. Quindi, Bitcoin in realtà ha avuto senso da un punto di vista pratico, oltre al mio ardente desiderio di effettuare la mia prima transazione nel mondo reale con i magici soldi di Internet per i quali ho passato così tanto tempo negli ultimi anni a scrivere e leggere.

Il mio autista ha tirato fuori il suo wallet Lightning, ho scansionato il codice QR e, proprio così, tutto fatto – $30, o 130.000 satoshi.

https://twitter.com/DanniiAshmore/status/1555217528997265408

Lightning è efficiente

Copy link to section

Per chi non lo sapesse, Lightning Network è essenzialmente una soluzione off-chain ai problemi di scalabilità di Bitcoin. Accelera i tempi di elaborazione delle transazioni e riduce i costi coinvolti, rendendolo più pratico. Un approfondimento su Lightning lo farò un altro giorno, ma per ora già mi convince molto.

Infatti, per un esperimento ho anche provato a mandare il pagamento al tassista on-chain. Cioè, una transazione Bitcoin on-chain standard, piuttosto che sulla rete Lightning. La notifica sul mio wallet diceva che sarebbe stata confermata entro le prossime tre ore. Ovviamente, dato che ero seduto sul sedile del passeggero di un taxi nelle prime ore del mattino, era assolutamente impossibile. Non sono sicuro che l’autista sarebbe stato felice di stare lì con me ad aspettare fino alle 5 del mattino per assicurarsi che il pagamento arrivasse.

Lightning, tuttavia, è stato istantaneo. Mi ha ricordato l’utilizzo di Revolut, l’app di pagamento che ti consente di inviare denaro istantaneamente ad altri utenti Revolut. All’inizio di quest’anno è diventata la società privata più quotata nel Regno Unito, con un elevato valore di $33 miliardi, e ha accumulato utenti a un ritmo rapido. È simile a Monzo nel Regno Unito o Venmo negli Stati Uniti, con il modo in cui facilita i trasferimenti istantanei.

L’esperienza di invio di denaro tramite Lightning è molto simile all’esperienza utente offerta da Revolut e da altre app simili: fluida, facile ed efficiente. L’unica differenza, ovviamente, è che stiamo usando Bitcoin anziché valuta fiat, una valuta puramente peer-to-peer senza una parte centrale. Sembrava surreale, a dire il vero, dopo tutto questo tempo.

Franchising

Copy link to section

Naturalmente, non tutti capiscono Bitcoin. In effetti, la diffusione non è così elevata come si potrebbe prevedere. A titolo puramente indicativo, ho constatato che nella città di San Salvador circa il 30-35% delle aziende e delle persone accettano il Bitcoin.

I franchising e le grandi aziende hanno maggiori probabilità di accettare la valuta virtuale. Walmart, Subway, grandi catene di ristoranti e simili erano tutti ben organizzati.

Di seguito c’è l’esempio del familiare sistema di ordinazione automatica di McDonald. Sono entrato per ordinare i classici Big Mac (non li mangio, ma per l’esperimento ho pensato che avrei dovuto farlo!). Dopo aver completato l’ordine, l’unica differenza rispetto a tutti gli altri Paesi è che ci sono tre opzioni anziché due per pagare: carta, contanti o Bitcoin.

Toccando Bitcoin, viene visualizzato un codice QR e il gioco è fatto.

Mi scuso per la foto un po’ sfocata, ero molto emozionato

Chiacchiere con la gente del posto

Copy link to section

Parlando con la gente del posto, la mia esperienza di un 30% di esercizi commerciali che accettano Bitcoin mi è sembrata in linea con quanto sperimentato quotidianamente anche da loro. Una domanda che ho posto ovunque sia riuscito a pagare con Bitcoin è stata quanto spesso i consumatori richiedessero questo tipo di pagamento. Le percentuali sono state estremamente basse: in genere il 10% o meno, mi è stato detto.

La volatilità è stata un fattore frequentemente citato quando ho chiesto perché le persone esitassero a spendere Bitcoin. In effetti, solo dopo il rilascio del wallet Chivo – che è il wallet emesso dal governo attraverso il quale la maggior parte degli esercizi commerciali accetta pagamenti – è stata installata una funzione di conversione automatica, che consente ai commercianti di convertire automaticamente in USD i Bitcoin che ricevono dai consumatori. All’inizio, quindi, chi accettava Bitcoin doveva o conservarli e speculare sul rialzo della volatilità, oppure recarsi a un bancomat per prelevarli in contanti.

Tuttavia, il lato positivo è che quasi tutti hanno commentato quanto fosse facile accettare pagamenti con Bitcoin, cosa che mi ha sorpreso anche di me stesso, come ho detto sopra confrontando la facilità d’uso di Lightning e dei wallet Bitcoin con app come Revolut e Monzo.

In effetti, ora sono più ottimista sul fatto che il Bitcoin possa essere utilizzato come mezzo di scambio. L’importante funzione di autoconversione in USD lo rende possibile, poiché non è realistico costringere commercianti e consumatori a speculare sul Bitcoin se non vogliono farlo. E con questa funzione ora disponibile, non c’è nulla di tecnico che impedisca a imprese e consumatori di pagare (o accettare pagamenti) in Bitcoin.

Formazione scolastica

Copy link to section

Anche se non c’è nulla di tecnico che fermi l’uso di Bitcoin, c’è un altro grande ostacolo: l’istruzione. La realtà è che il Bitcoin è una cosa incredibilmente complessa, qualcosa che richiede molto tempo per capirsi, anche nei Paesi sviluppati dove tutti hanno a portata di mano le infinite risorse di YouTube e Internet, se vogliono saperne di più argomento.

Ciò è ulteriormente esacerbato quando si pensa a persone normali senza un background finanziario che non hanno una profonda conoscenza della politica monetaria. Non è realistico aspettarsi che le persone normali vedano un bene il cui prezzo è estremamente volatile e ci si aspetta che vi si affluiscano istantaneamente.

La cosa più eclatante che mi ha colpito è stata la mancanza di comprensione. Dimentichiamo facilmente che il Presidente Bukele ha annunciato di punto in bianco che il Bitcoin avrebbe avuto corso legale. L’anno scorso, in occasione della conferenza sui Bitcoin a Miami, Bukele lo ha dichiarato improvvisamente al mondo – il popolo di El Salvador non ha ricevuto alcun preavviso, e questo li ha scioccati tanto quanto ha scioccato noi.

In qualunque parte del mondo stiate leggendo queste righe, pensate a cosa succederebbe se il vostro presidente dichiarasse improvvisamente che il Bitcoin ha corso legale, senza alcun input da parte della popolazione, senza alcun referendum e senza alcuna educazione preventiva. Presumibilmente, visto che state leggendo questo articolo, siete più informati della media delle persone sul Bitcoin, ma senza dubbio c’è ancora una parte massiccia della popolazione del vostro Paese che non ha idea di come funzioni.

In El Salvador, non è diverso.

Tenete d’occhio i prossimi articoli di Dan su El Salvador, dove approfondirà l’esperimento Bitcoin. Valuterà la politica del Paese e il modo in cui il Bitcoin è stato introdotto, le controverse obbligazioni vulcaniche che il Presidente Bukele sta lanciando, il progetto della Bitcoin City, le implicazioni macro dello Stato che detiene Bitcoin nel proprio bilancio e altro ancora.

Bitcoin