Perché il titolo Tesla sta scendendo? Il 2023 inizia con un calo del 14%.

Di:
su Jan 4, 2023
Listen to this article
  • Tesla ha chiuso il 2022 con un calo del 68%, il quarto titolo con le peggiori performance dell'S&P 500
  • Il titolo è crollato di altri 125 martedì a causa di un rapporto di consegna deludente
  • Gli analisti di Goldman Sachs affermano che il rapporto è solo "negativo incrementale"

Ho scritto un articolo solo due settimane fa analizzando il crollo delle azioni Tesla. Come ho scritto, veniva negoziata a 138$, in calo del 64% rispetto all’anno. Mentre eravamo tutti fuori a sopportare un’altra notte al freddo a Capodanno, Tesla veniva negoziata a 123$, chiudendo ufficialmente per l’anno 2022 con un calo del 68%. Ahia.

A un paio di giorni dall’inizio del 2023, non ha mostrato segni di rottura del suo schema, crollando di un altro 12% martedì.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Tesla scende dopo numeri deludenti delle consegne

L’ultimo crollo è arrivato dopo i deludenti numeri di produzione e consegna di veicoli per il quarto trimestre, che hanno deluso le aspettative degli analisti.

La casa automobilistica ha registrato oltre 405.000 consegne per il trimestre e 1,31 milioni di consegne totali per l’anno. Sebbene questi fossero entrambi record di Tesla – e rappresentassero un aumento del 40% sui numeri di consegna dal 2021 – la metrica era ancora inferiore ai 427.000 previsti per il trimestre.

La notizia è solo l’ultimo colpo per l’azienda merlata di auto e tecnologia. È stato il quarto titolo con le peggiori performance dell’S&P 500 e questo è stato un anno che ha portato un’intensa concorrenza.

Quale futuro per Tesla nel 2023?

Guardando al futuro, il fattore più importante rimane la politica monetaria restrittiva delle banche centrali di tutto il mondo, che ha abbassato i rendimenti azionari aumentando i tassi di interesse nella speranza di ridurre l’inesorabile inflazione.

Questi tassi più elevati significano che le aspettative di profitto in futuro vengono scontate in modo più aggressivo, danneggiando la valutazione delle azioni. Significa anche che esiste un’alternativa per gli investitori per mettere da parte ricchezza, con il tasso sui Fed funds ora al 4,25%-4,5%, rispetto allo 0% di non molto tempo fa.

Per quanto riguarda questo rapporto, tuttavia, su base olistica non è eccessivamente negativo. Le aspettative di guadagno a breve termine sono solo a breve termine. I numeri rappresentano ancora una forte crescita, con gli analisti di Goldman Sachs che delineano il rapporto di consegna è semplicemente un “negativo incrementale”.

Inoltre, con i timori di recessione in aumento mentre l’inflazione di base rimane persistente, quest’anno potrebbe esserci anche una riduzione della domanda di auto Tesla, se la Fed dovesse persistere con la sua politica aggressiva. Come sempre, però, prevedere la politica monetaria della Fed è un gioco difficile….

Elon Musk potrebbe aver sbagliato alcune cose, ma il miliardario eclettico aveva ragione su un punto: