Ad

Powell, Lagarde e Broadbent discutono della sfida dell’inflazione a Jackson Hole

Di:
su Aug 29, 2023
Listen
  • La Federal Reserve Bank del Kansas ha ospitato la settimana scorsa il simposio annuale di Jackson Hole.
  • Il governatore Powell ha sottolineato la necessità che i tassi di interesse rimangano elevati.
  • Christine Lagarde è preoccupata per la possibilità di inflazione delle materie prime.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

La scorsa settimana, la Federal Reserve Bank del Kansas ha tenuto il suo incontro annuale dei banchieri centrali globali a Jackson Hole, nel Wyoming.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Banchieri centrali, politici di spicco e pensatori economici si sono incontrati per discutere le ultime tendenze dell’economia mondiale e definire l’agenda per la ricerca futura.

L’inflazione, non il tema

Copy link to section

Sebbene l’inflazione sia stata la preoccupazione principale dei politici negli ultimi due anni, i funzionari hanno scelto di intitolare la conferenza “Cambiamenti strutturali nell’economia globale”.

Questa rifocalizzazione potrebbe essere in parte dovuta al successo ottenuto dalla Federal Reserve nel riportare l’inflazione a livelli più gestibili.

Le questioni chiave discusse durante la conferenza di 3 giorni riguardavano il modo in cui i cambiamenti strutturali duraturi potrebbero avere un impatto sulle traiettorie di lungo periodo dell’economia mondiale, inaugurare cambiamenti nei mercati finanziari e nella politica monetaria, limitare la crescita a lungo termine, trasformare le reti di produzione globale e riorganizzare la crescita. allocazioni nelle catene di approvvigionamento globali e incidere sui flussi finanziari globali.

Tuttavia, l’inflazione rimane una grave minaccia.

Il discorso di apertura di Jerome Powell

Copy link to section

Sebbene il tema delle discussioni riguardasse i cambiamenti strutturali, il governatore Powell ha ribadito il messaggio dello scorso anno, sottolineando che la Federal Reserve si era impegnata a portare l’inflazione al livello del 2%.

Source: US Bureau of Economic Analysis, US Bureau of Labor Statistics

Fondamentalmente, ha osservato Powell,

Sebbene l’inflazione sia scesa dal suo picco – uno sviluppo positivo – rimane troppo elevata. Siamo pronti ad aumentare ulteriormente i tassi, se opportuno, e intendiamo mantenere la politica a un livello restrittivo… il processo ha ancora molta strada da fare…

Anche se il Governatore ha riconosciuto che il settore alimentare ed energetico può essere soggetto a volatilità, si è concentrato sull’inflazione core (non alimentare e non energetica) che è rimasta incredibilmente vischiosa, scendendo da un picco superiore al 5% al 4,1% nella maggior parte dei casi. recente rilascio di dati.

L’inflazione dei beni è diminuita drasticamente, a causa dei tassi di interesse più elevati, mentre i prezzi del settore immobiliare hanno recentemente iniziato a registrare un calo, nonostante la carenza di scorte.

Tuttavia, tra i servizi (tra cui sanità, cibo e trasporti), che costituiscono la metà dell’indice PCE principale, ha ammesso Powell,

L’inflazione su dodici mesi in questo settore si è mossa lateralmente dal decollo.

Nonostante ci siano stati alcuni sviluppi incoraggianti in questa categoria negli ultimi mesi, essendo relativamente immune alle variazioni dei tassi di interesse e alle interruzioni della catena di approvvigionamento, oltre a beneficiare di un mercato del lavoro ancora teso, l’inflazione dei servizi continua a essere elevata.

Powell ha insistito sul fatto che i dati recenti devono essere presi con le pinze e che la stabilità dei prezzi è ancora lontana.

Si aspetta che una politica monetaria più restrittiva alla fine riporti in equilibrio la domanda e l’offerta aggregata, consentendo un ritorno ai livelli del 2%.

Lagarde sugli shock di offerta

Copy link to section

Christine Lagarde, presidente della BCE, ha sottolineato che il crescente protezionismo, il riallineamento dei legami commerciali e gli impatti dei cambiamenti climatici (e gli sforzi di decarbonizzazione associati) potrebbero portare a un’intensificazione degli shock di offerta in futuro.

I cambiamenti macroeconomici su cui Lagarde si è concentrata includevano profondi cambiamenti nel mercato del lavoro dati i postumi della pandemia, la rapida digitalizzazione sul posto di lavoro, l’era del lavoro a distanza e la crescita guidata dall’intelligenza artificiale che sosterrà alcuni posti di lavoro e ne minaccerà altri; la transizione energetica unita al fatto che l’OPEC+ ha sottoperformato i suoi obiettivi e l’incertezza nel mix di approvvigionamento del futuro; e il “divario geopolitico sempre più profondo” dovuto al reshoring, all’friendshoring e alla frammentazione in blocchi concorrenti, e alla successiva riprogettazione delle catene di approvvigionamento.

Una ricerca della BCE rileva che la frammentazione geopolitica potrebbe portare a un calo delle importazioni reali fino al 30% a livello globale.

Squilibrio negli investimenti

Copy link to section

Inoltre, prevede investimenti significativamente più elevati entro il decennio, tra cui una media di 600 miliardi di euro all’anno per la transizione energetica dell’UE; spese legate alla NATO; e l’accelerazione della digitalizzazione in più settori con i paesi che cercano di aumentare i rispettivi fattori di produttività (come mostrato nel grafico seguente).

Source: Productivity data from The Conference Board

Tuttavia, investimenti così significativi in un’economia in rallentamento potrebbero ostacolare la chiarezza economica.

Riferendosi alla maggiore volatilità degli indicatori economici e, di conseguenza, all’incapacità di trarre lezioni sufficienti dai dati storici e all’incertezza delle proiezioni, Lagarde ha citato il filosofo Søren Kierkegaard,

…la vita può essere compresa solo all’indietro; ma va vissuta in avanti.

Ha inoltre espresso la sua preoccupazione per il fatto che l’inflazione potrebbe riemergere soprattutto nel settore delle materie prime in un contesto di maggiore domanda di investimenti (soprattutto nell’energia verde) e vincoli più profondi sull’offerta, rendendo molto più difficile per le banche centrali gestire le aspettative di inflazione nel lungo termine.

Ampia inclinazione verso la geopolitica e il ruolo della domanda

Copy link to section

Ben Broadbent, vicegovernatore della Banca d’Inghilterra, concorda sul fatto che gli shock dell’offerta siano una delle principali preoccupazioni, sottolineando che questioni geopolitiche come la guerra Russia-Ucraina hanno portato a prezzi più alti di cibo ed energia.

Source: Bank of England

Non è chiaro quanto possano essere persistenti gli impatti geopolitici, ma è probabile che la politica monetaria rimanga elevata nel prossimo futuro.

Un aumento degli attriti geopolitici nel 2023 potrebbe contribuire a un’inflazione duratura nelle economie aperte che tendono a fare affidamento sul commercio internazionale, richiedendo ulteriormente tassi più elevati per un periodo più lungo per raggiungere la stabilità dei prezzi.

Source: BlackRock Geopolitical Risk Indicator

In aggiunta alle opinioni di Lagarde sugli shock dell’offerta, Broadbent ha osservato che il persistente squilibrio tra domanda e offerta di beni che si è materializzato durante la pandemia non è solo dovuto all’interruzione delle catene di approvvigionamento, ma anche a un aumento della domanda poiché i consumatori hanno ricevuto un’assistenza senza precedenti nella protezione dei salari.

Source: Bank of England

Ricerca della Fed di San Francisco

Copy link to section

In relazione ai commenti di Broadbent sull’importanza della domanda, la Fed di San Francisco ha scoperto che il pubblico statunitense è stato in grado di accumulare un cuscinetto di 2,1 trilioni di dollari di risparmi in eccesso durante la pandemia.

Tuttavia, un significativo consumo aggiuntivo ha ora portato i risparmi accumulati a 500 miliardi di dollari.

Source: SF Fed

Nonostante il forte calo, la Fed di San Francisco prevede che questo importo sosterrà la componente dei consumi dell’economia almeno fino al quarto trimestre del 2023.

Questi ulteriori risparmi potrebbero essere un fattore chiave per spiegare perché l’economia statunitense è rimasta così resiliente in un contesto di stretta senza precedenti.

Prospettive statunitensi

Copy link to section

Powell ha osservato che la politica monetaria restrittiva dovrà continuare, mentre la crescita economica è rimasta troppo resiliente per tornare in modo sostenibile ai livelli del 2%.

Nonostante l’aumento dei tassi di 300 punti base dall’ultima edizione della conferenza di Jackson Hole, la crescita trimestrale del PIL negli Stati Uniti è aumentata nei due rapporti precedenti.

Source: TradingEconomics.com; US Bureau of Economic Analysis

Egli ha sostenuto che,

…(noi) necessitiamo di un periodo di crescita economica inferiore al trend…

D’altro canto, il mercato del lavoro ha iniziato a raffreddarsi e la domanda di salari nominali si è ridotta, anche se il mercato del lavoro rimane relativamente robusto rispetto ai livelli pre-pandemia.

Source: US Bureau of Labor Statistics

Considerati i tassi elevati, Powell prevede una “graduale normalizzazione” del mercato del lavoro.

L’inasprimento delle condizioni finanziarie, il calo della crescita dei prestiti e le normative più severe sui prestiti bancari sosterranno la prevista risposta monetaria insieme ad una riduzione delle dimensioni dei titoli detenuti dalla Fed.

La complicazione, tuttavia, deriva da due fonti: ritardi monetari variabili e imprevedibili e la difficoltà nell’identificare il tasso di interesse neutrale.

Di conseguenza, Powell ha aggiunto che sia l’undershooting che l’overshooting rimangono una minaccia per la stabilità economica, affermando:

Fare troppo poco potrebbe consentire il radicamento di un’inflazione superiore al target e, in ultima analisi, richiedere che la politica monetaria estorca un’inflazione più persistente dall’economia, con un costo elevato per l’occupazione. Fare troppo potrebbe anche causare danni inutili all’economia.

Questo articolo è stato tradotto dall'inglese con l'aiuto di strumenti AI, e successivamente revisionato da un traduttore locale.

Bank of England European Central Bank Federal Reserve System The Graph USA Europa Nord America Risparmi