La Cina segnala un’espansione dei settori manifatturiero e terziario nel mese di gennaio in piena emergenza Coronavirus

Di:
su Feb 1, 2020
Aggiornato: Mar 11, 2020
Listen
  • La Cina segnala un'espansione nei settori manifatturiero e terziario nel mese di gennaio, nel bel mezzo dell'emergenza Coronavirus.
  • Il National Bureau of Statistics ha rivelato un PMI manifatturiero a 50,0 e un PMI terziario a 54,1 a gennaio.
  • Il Bureau dice che l'impatto complessivo dell'epidemia di Coronavirus non si riflette nel rapporto di gennaio.
  • Le commissioni sanitarie nazionali hanno confermato 9.692 casi di Coronavirus in Cina, con 213 morti finora.

Segui Invezz su TelegramTwitter e Google Notizie per restare aggiornato >

Il National Bureau of Statistics ha rivelato il suo rapporto di gennaio relativo all’Indice dei Responsabili degli Acquisti (PMI) ufficiali del settore manifatturiero per la Cina. Secondo il rapporto, il PMI manifatturiero corrisponde alla previsione degli analisti di 50,0 a gennaio. Nel mese precedente, la cifra era pari a 50,2, leggermente più alta.

Di norma, le rilevazioni del PMI al di sotto di 50 vengono interpretate come contrazione. A gennaio, con un valore di 50,0, l’attività delle fabbriche cinesi è rimasta comunque al di fuori del territorio di contrazione. Il PMI manifatturiero cinese per il mese di gennaio è stato pubblicato subito dopo che, giovedì, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha definito la recente epidemia di Coronavirus, iniziata a Wuhan, un’emergenza sanitaria globale.

Stai cercando segnali e avvisi da parte di trader professionisti? Iscriviti a Invezz Signals™ GRATIS. Richiede 2 minuti.

Il rapporto di gennaio non riflette appieno l’impatto della diffusione del virus

Copy link to section

Lo Statistics Bureau ha commentato il rapporto di gennaio e ha sottolineato che l’impatto dell’epidemia non si riflette ancora pienamente nella lettura del PMI, poiché la raccolta dei dati è stata completata prima del 20 gennaio. Ufficialmente, il primo caso di Coronavirus è stato segnalato a Wuhan alla fine di dicembre. L’analista Martin Lynge Rasmussen di Capital Economics ha suggerito che le letture del PMI nei prossimi mesi offriranno una migliore comprensione di come si è trasformata la minaccia dell’epidemia per la più potenza economica asiatica.

Per quanto riguarda una stima, gli economisti di Nomura prevedono un massiccio calo del PMI a 45 o addirittura a 40 nei prossimi mesi a causa dell’epidemia di Coronavirus. A partire da giovedì, sono stati segnalati 9.692 casi confermati del virus in Cina, mentre la Commissione Sanitaria Nazionale riferisce di 213 morti finora.

L’economia cinese ha sofferto nel 2019 a causa del conflitto commerciale con gli Stati Uniti. Con questa epidemia di virus all’inizio del nuovo anno, anche le prospettive per il 2020 non sembrano molto ottimistiche, secondo gli esperti.

Il PMI del settore terziario della Cina per il mese di gennaio batte la stima degli analisti e la rilevazione di dicembre

Copy link to section

Nel tentativo di contenere il virus, la Cina ha recentemente dichiarato che le vacanze per il Capodanno lunare saranno prolungate. Da un punto di vista economico, le supply chain globali e le imprese in generale subiranno probabilmente un duro colpo a causa dell’estensione. L’impatto dell’epidemia di Coronavirus non è limitato alla Cina, in quanto i mercati finanziari globali si stanno preoccupando di come potrebbe avere un impatto sugli affari economici globali in generale.

Il PMI di gennaio per il settore terziario in Cina, tuttavia, è risultato migliore del previsto 53,1. Anche la rilevazione del 54,1 di gennaio è stata superiore al 53,5 di dicembre. Con i mercati che rimangono chiusi in Cina a causa dell’epidemia di virus, non è disponibile un quadro di come i dati economici di venerdì abbiano influenzato il CNY nel mercato Forex.

CNY Forex