EUR/USD pareggia le perdite dopo gli allarmanti PMI USA e i dati sulla disoccupazione

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Apr 24, 2020
Updated: Feb 25, 2021
  • La coppia EUR/USD ha ridotto le perdite dopo che gli Stati Uniti hanno pubblicato i dati sulla disoccupazione.
  • Più di 4,4 milioni di americani hanno presentato domanda di indennizzo per disoccupazione nella settimana.
  • Il PMI manifatturiero statunitense è sceso a 36,9, mentre il PMI composito è sceso a un minimo storico di 27,4.
  • Le vendite di nuove case negli Stati Uniti sono diminuite del 15,4% a marzo, raggiungendo quota 627.000.

La coppia EUR/USD è cresciuta in seguito alla reazione del mercato ai nuovi dati sulle richieste di disoccupazione pubblicate dal Dipartimento del lavoro. I numeri hanno mostrato che milioni di americani hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione nelle ultime cinque settimane. Il mercato ha reagito anche alla debolezza dei dati relativi ai PMI manifatturiero e del settore immobiliare.

EUR/USD rises
EUR/USD in crescita dopo la debolezza del PMI manifatturiero, i disoccupati e i dati relativi al settore immobiliare

Aumenta il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti

Il numero di americani che hanno richiesto il sussidio di disoccupazione è aumentato di oltre 4,427 milioni nella settimana. Il dato è stato inferiore ai 5,25 milioni segnalati la settimana scorsa. I dati portano il numero totale di americani che hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione nelle ultime cinque settimane a più di 26 milioni. Il numero è superiore ai 25 milioni di posti di lavoro che gli Stati Uniti hanno creato dopo la Grande Recessione del 2008/9.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Nel frattempo, le continue richieste di risarcimento per disoccupazione sono aumentate di oltre 4 milioni, raggiungendo i 15,9 milioni. Nel rapporto, il dipartimento ha detto:

Il tasso di disoccupazione assicurato destagionalizzato in anticipo è stato dell’11,0% per la settimana che si è conclusa l’11 aprile, con un aumento di 2,8 punti percentuali rispetto al tasso della settimana precedente. È il livello più alto del tasso di disoccupazione assicurata destagionalizzata nella storia delle serie destagionalizzate.

Gli analisti intervistati da Reuters si aspettavano che le richieste iniziali di disoccupazione si aggirassero intorno ai 4,5 milioni e mezzo di persone. Gli analisti della Morgan Stanley (NYSE: MS) avevano previsto che le richieste di risarcimento sarebbero aumentate di 3,8 milioni, mentre quelli di Barclays, Goldman Sachs (NYSE: GS) e Bank of America (NYSE: BAC) si aspettavano rispettivamente 4,5 milioni, 4,3 milioni e 4 milioni.

I dati sugli indennizzi per disoccupazione rilasciati oggi sono stati inferiori al picco di 6,8 milioni di marzo. Gli economisti si aspettano che il conteggio continui a scendere nelle prossime settimane. Inoltre, si aspettano che il tasso di disoccupazione di aprile aumenti dall’attuale 4,4% ad un numero a due cifre. Secondo la Morgan Stanley, il tasso potrebbe salire al 16%, che è il livello più alto dai tempi della Grande Depressione.

Per peggiorare il tutto, la stagione dei guadagni in pieno svolgimento ha dimostrato che sempre più aziende sono in difficoltà. Proprio la scorsa settimana, i dati di tutte le grandi banche hanno mostrato un calo record dei guadagni. Allo stesso modo, i dati finanziari rilasciati questa settimana da aziende come Baker Hughes e IBM hanno mostrato quanto le aziende siano in difficoltà. Gli analisti di Oxford Economics prevedono che i guadagni aziendali potrebbero diminuire di oltre il 25%. Questo richiederà più licenziamenti man mano che le aziende si ristruttureranno.

L’aumento del numero di richieste di indennizzi per disoccupazione è dovuto anche al fatto che il CARE act, recentemente approvato, amplia il numero di persone che hanno diritto al risarcimento. Inoltre, molte aziende hanno chiesto ai loro dipendenti di beneficiare dei sostegni del governo.

Il PMI manifatturiero statunitense delude

Anche la coppia EUR/USD è diminuita dopo che la Markit ha rilasciato il PMI flash manifatturiero degli Stati Uniti. I dati stimano che il PMI sia sceso a 36,9 in aprile, valore inferiore ai dati del PMI di 49,2 rilasciati all’inizio di questo mese.

È stato anche il più basso che il PMI abbia mai raggiunto in 133 mesi. Un numero PMI inferiore a 50 è di solito un segno che il settore si sta contraendo. Nel frattempo, il PMI servizi è sceso a un nuovo minimo record di 27,0 rispetto al precedente 39,8. Di conseguenza, il PMI composito è sceso a un minimo record di 27,4. In una dichiarazione, Chris Williamson ha detto:

“L’epidemia di COVID-19 ha inferto un colpo all’economia statunitense di una ferocia che non si era mai vista nella storia recente durante il mese di aprile. Il peggioramento dei numeri di PMI flash indica un tasso di contrazione superiore a quello visto anche al culmine della crisi finanziaria globale, e anche i posti di lavoro sono stati tagliati a un tasso di gran lunga superiore a qualsiasi cosa registrata in precedenza dall’indagine”.

Questi dati sono arrivati una settimana dopo che un altro numero della Fed ha mostrato che la produzione industriale negli Stati Uniti era scesa al livello più basso dal 1946. Un altro dato della Fed di New York ha mostrato che l’attività manifatturiera nello stato era scesa al livello più basso dal 1994.

Questi numeri dimostrano quanto sia tesa l’economia statunitense a causa della pandemia di Coronavirus. La maggior parte delle aziende sono state costrette a chiudere le loro attività nel tentativo di combattere la malattia.

Agitazione nel mercato immobiliare statunitense

Anche l’EUR/USD è diminuito perché anche il mercato immobiliare è in difficoltà, ora che la maggior parte delle persone non acquista più case. I dati dell’Ufficio Censimento hanno mostrato che le vendite di nuove case sono diminuite di oltre il 15,4% a marzo. Le unità vendute sono state 627.000 in calo rispetto alle precedenti 745.000. Il calo ha messo fine a una tendenza relativamente forte iniziata a giugno dell’anno scorso, quando sono state vendute 604.000 nuove case. Il numero ha raggiunto un picco di 800.000 unità nel gennaio di quest’anno.

I nuovi dati di vendita delle case sono arrivati due giorni dopo aver ricevuto i numeri di vendita delle case esistenti. Analogamente, queste case sono diminuite dell’8,5% a marzo, dopo essere aumentate del 6,3% nel mese precedente. È stato il mese peggiore dal giugno 2015. Gli analisti prevedono che nei prossimi mesi il mercato immobiliare statunitense si troverà ad affrontare delle sfide dovute al calo della domanda.

Previsione tecnica EUR/USD

EUR/USD

La coppia EUR/USD è cresciuta dopo la debolezza dei dati sugli indennizzi di disoccupazione negli Stati Uniti. Ha anche reagito ai deboli dati PMI manifatturieri provenienti dall’Europa. Sul grafico orario, la coppia è salita dopo aver formato un doji candlestick pattern rialzista quattro ore fa. Mi aspetto che la coppia continui a salire, e possibilmente testare il 23,6% del livello di ritracciamento di Fibonacci a circa 1,0810. Se succederà, la coppia rientrerà nella sezione di colore rosso del grafico qui sopra.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro