Il prezzo del greggio vacilla e i timori di una seconda ondata superano il numero di impianti attivi

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Giu 22, 2020
  • Il greggio vacilla, mentre gli investitori reagiscono al calo di impianti e all'aumento dei casi di COVID.
  • Il numero di contagi del virus è in aumento negli Stati Uniti, in Sudafrica, in Germania e in Brasile.
  • Secondo Baker Hughes, le piattaforme petrolifere e del gas hanno subito un forte calo nella settimana scorsa.

Il prezzo del petrolio greggio vacilla nella giornata di oggi, mentre le preoccupazioni per una seconda ondata di contagi da Coronavirus superano il numero delle piattaforme petrolifere statunitensi e canadesi in diminunzione. Il Brent, il benchmark internazionale, è salito dello 0,35%, mentre il West Texas Intermediate (WTI) è salito dello 0,20%. Allo stesso tempo, l’indice Bloomberg Commodities è salito dello 0,20%.

Oil price wavers
Il prezzo del greggio vacilla

I timori di una seconda ondata aumentano

Il prezzo del petrolio greggio, come tutte le altre commodities, è influenzato dalla domanda e dall’offerta. Oggi la domanda di petrolio è in lenta ripresa dopo il calo più rapido registrato nei mesi di marzo e aprile. La recente decisione dei membri dell’OPEC+ di tagliare la produzione ha contribuito a limitare la vendita. Di conseguenza, il prezzo ha guadagnato più del 100% da maggio.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Ora, il prezzo sta affrontando la sua prova più grande, dato che il numero di casi di coronavirus inizia a salire nelle nazioni chiave. In Germania, il Paese più potente d’Europa, il numero di nuovi casi segnalati negli ultimi giorni continua a crescere. Domenica sono state confermati più di 600 nuovi contagi.

Peggio ancora, il tasso di “R” del Paese ha continuato a crescere. Secondo il Robert Koch Institute, il tasso è salito a 2,88 durante il fine settimana. Questo tasso sta a significare che per ogni 100 nuovi contagi, in realtà sono state contagiate altre 288 persone.

La Germania non è sola. Negli Stati Uniti, più di 30.000 contagi sono state confermati venerdì e sabato scorso. Secondo i funzionari sanitari, il numero di ricoveri ospedalieri in California è aumentato di oltre 3.500, il numero più alto mai registrato. È stato un aumento del 22% dal 29 maggio. Altri Stati hanno registrato un aumento dei casi, in parte dovuto alle recenti proteste. Il numero di casi è aumentato notevolmente in Paesi come il Sudafrica, il Brasile e la Cina.

Ciò pone due sfide per il prezzo del greggio. In primo luogo, l’aumento dei casi significa che potrebbero esserci più restrizioni nei Paesi colpiti. Infatti, la Germania e la Cina stanno attuando lockdown ridotti in luoghi selezionati per fermare la diffusione. Di conseguenza, con vari lockdown diffusi, la domanda potrebbe rimanere debole più a lungo del previsto.

In secondo luogo, significa che i viaggi internazionali richiederanno più tempo di quanto la maggior parte degli analisti si aspettasse. Questo perché un numero sempre maggiore di Paesi continuerà a porre dei limiti ai viaggiatori stranieri, il che influirà sulla domanda di petrolio nel settore delle compagnie aeree.

In diminuzione le piattaforme petrolifere

Una nota positiva è che il numero di piattaforme petrolifere negli Stati Uniti e in Canada sta diminuendo, il che fornirà un maggiore sostegno ai prezzi del petrolio. Venerdì scorso, i dati di Baker Hughes hanno mostrato che le piattaforme attive negli Stati Uniti sono scese di 10 attestandosi a 189. Si tratta di un dato importante se si considera che gli Stati Uniti avevano più di 600 impianti attivi a gennaio.

In Canada, il totale delle piattaforme è sceso da 4 a 17, mentre il numero di piattaforme attive a livello internazionale è sceso di 110.

Global rig count falls
Il totale di impianti di trivellazione di petrolio e gas diminuisce

La dimunuzione degli impianti è avvenuta man mano che un numero sempre maggiore di aziende ha cessato l’attività. Aziende di shale come Whiting e Diamondback hanno presentato istanza di fallimento. Allo stesso tempo, circa 17 piccole trivellatrici con più di 14 miliardi di dollari di debiti sono fallite. Gli analisti ritengono che il numero potrebbe arrivare a 73 entro la fine dell’anno. Nel 2021 ne seguiranno altre 170.

Oil and gas bankruptcies
Bancarotta del petrolio e del gas

La sfida per il prezzo del greggio è che l’aumento del suo prezzo incoraggerà le aziende più in difficoltà a prendere in considerazione la possibilità di riattivare le piattaforme. Questo processo, che potrebbe richiedere alcuni mesi, porterà ad un aumento delle forniture di petrolio, che abbasserà i prezzi.

Analisi tecnica del petrolio greggio

Crude oil price
Analisi tecnica del prezzo del greggio

Sul grafico a quattro ore, il prezzo del greggio Brent è quotato a 42,35 dollari, leggermente al di sopra delle medie mobili esponenziali a 50 e a 100 giorni. È anche al di sopra del livello di ritracciamento di Fibonacci del 23,6%. Inoltre, il prezzo sembra formare un pattern grafico cup and handle. Ciò significa che il prezzo continuerà probabilmente a salire mentre i rialzisti mirano al precedente massimo di 43,38 dollari.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro