DXY: indice del dollaro USA in calo in attesa dei dati di giugno dei salari non agricoli

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Lug 1, 2020
Updated: Lug 2, 2020
  • Indice del dollaro USA riduce i guadagni precedenti: investitori reagiscono ai dati del PMI in crescita.
  • Il PMI manifatturiero statunitense è salito a 52,6 a giugno, con la riapertura di altri Stati.
  • L'attenzione si sposta ora sui dati delle buste paga non agricole che usciranno domani.

L’indice del dollaro USA (DXY) ha invertito i suoi precedenti guadagni in quanto i trader hanno reagito ai forti dati del PMI manifatturiero. L’indice è quotato a 97,10 dollari, leggermente al di sotto del massimo intraday di 97,65 dollari.

US dollar index
Indice del dollaro usa in calo in vista dei dati dei libri paga non agricoli

Aumento del PMI manifatturiero statunitense

Il settore manifatturiero negli Stati Uniti è stato ottimista a giugno, quando il Paese ha riaperto i battenti. Secondo l’Institute for Supplies Management (ISM), il PMI manifatturiero è salito a 52,6 a giugno. Si è trattato di un risultato migliore del 49,5 che gli analisti si aspettavano. È stato anche meglio del 43,1 del mese precedente ed è stata la migliore lettura in quasi un anno. Inoltre, è stato il secondo mese consecutivo di espansione.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La maggior parte dei costituenti del PMI è cresciuta. I nuovi ordini sono saliti al 56,4%, con un incremento del 24,6% rispetto al mese precedente. L’indice della produzione è salito del 24,1% al 57,3%, mentre gli arretrati sono aumentati del 7,1%. Lo stesso aumento si è verificato nell’indice dell’occupazione. Ma l’indice delle consegne ai fornitori è sceso dell’11,1%, segno positivo dell’economia. In un comunicato, l’ISM ha detto:

“Giugno porta la produzione manifatturiera a entrare in un ciclo di espansione previsto dopo la perturbazione causata dalla pandemia di Coronavirus. I commenti del panel sono stati positivi (1,3 commenti positivi per ogni commento prudente), invertendo il trend di cautela iniziato a marzo”.

Gli Stati Uniti non sono l’unico Paese a vedere un miglioramento nel settore manifatturiero. In precedenza, i PMI manifatturieri di Australia, Cina, Regno Unito, Giappone ed Eurozona hanno dimostrato che l’attività è in ripresa. Ad esempio, i dati relativi ai PMI cinesi sono saliti a 52,1, il secondo mese consecutivo nella zona di espansione.

L’indice del dollaro USA è in anticipo sui dati dei libri paga non agricoli

All’inizio della giornata, l’indice del dollaro USA era salito in reazione alle dichiarazioni scioccanti di Anthony Fauci. Ieri ha detto che si aspettava che le infezioni giornaliere negli Stati Uniti iniziassero ad aumentare di circa 100.000 unità al giorno, a meno che gli Stati non iniziassero ad agire. Di conseguenza, un numero maggiore di Stati ha iniziato a rimandare i suoi precedenti piani di riapertura.

Allo stesso modo, in una testimonianza al congresso di ieri, Jerome Powell ha messo in guardia dai rischi presentati dalla “seconda epidemia”. Tutto ciò significa che la Fed potrebbe essere costretta a intervenire accelerando eventualmente l’allentamento quantitativo e assumendo tassi di interesse negativi.

Nel frattempo, l’indice del dollaro USA è in calo rispetto ai numeri dei libri paga non agricoli, che saranno pubblicati domani. Gli analisti intervistati da Reuters prevedono che l’economia aggiungerà 3 milioni di posti di lavoro a giugno, dopo averne aggiunti 2,5 milioni nel mese precedente.

In precedenza, i dati di ADP hanno mostrato che le aziende private hanno aggiunto più di 2,36 milioni di posti di lavoro nel mese di giugno. Si prevede inoltre che il tasso di disoccupazione scenderà al 12,3% rispetto al precedente 13,3%.

Analisi tecnica dell’indice del dollaro USA

US dollar index
Analisi tecnica dell’indice del dollaro USA

L’indice del dollaro USA è sceso a un minimo intraday di 97,00. Sul grafico giornaliero, il prezzo è inferiore alle medie mobili esponenziali a 50 e 100 giorni. È anche al di sopra di 95,72, il livello più basso di giugno. La cosa più importante è che il DXY ha formato un canale ascendente equidistante, che appare come un flag ribassista.

Pertanto, una mossa al di sotto di 97,00 sarà un segno che il prezzo continuerà a scendere. Questo è un importante prezzo che si trova anche lungo il lato inferiore del canale.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro