NZD/USD scende dopo i dati positivi delle vendite al dettaglio in Nuova Zelanda

Scritto da: Crispus Nyaga
Luglio 10, 2020
  • NZD/USD è sceso dopo che Statistics New Zealand ha pubblicato numeri di vendita al dettaglio positivi.
  • I dati mostrano che le vendite al dettaglio sono aumentate del 16,3% a giugno, dopo il 78,9% di maggio.
  • Questi numeri dimostrano che l'economia neozelandese si sta riprendendo post eliminazione del virus.

La coppia NZD/USD è diminuita leggermente dopo che l’ufficio statistico della Nuova Zelanda ha pubblicato numeri di vendita al dettaglio positivi. La coppia è quotata a 0,6556, che è leggermente al di sotto del massimo di questa settimana di 0,6600.

NZD/USD
NZD/USD reagisce alle vendite al dettaglio tramite carte elettroniche

Aumento delle vendite al dettaglio in Nuova Zelanda

Molti hanno elogiato la Nuova Zelanda per la sua risposta alla pandemia di coronavirus. Il Paese, che conta più di 5 milioni di persone, ha confermato meno di dieci contagi in quasi due mesi. In totale, la malattia ha contagiato 1.500 persone e ne ha uccise solo 22.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il Paese ha ottenuto questo risultato attuando un ampio lockdown a marzo e conducendo test di massa. Gli arresti sono stati supervisionati dalle forze di sicurezza. Alcuni hanno paragonato la strategia all’uso di una “mazza per uccidere una pulce”.

Di conseguenza, l‘attività commerciale è migliorata nelle ultime settimane. E il tasso di cambio NZD/USD ha guadagnato l’8% negli ultimi tre mesi.

Oggi, i dati di Statistics New Zealand hanno mostrato che le vendite di carte elettroniche hanno continuato a prosperare nel mese di giugno. I dati hanno mostrato che la spesa per le carte di credito al dettaglio è aumentata del 16,3%, raggiungendo i 5,7 miliardi di dollari. Questo dopo che i numeri sono aumentati del 78,9% nel mese precedente. Su base annua, le vendite sono aumentate dell’8% dopo essere diminuite del 6% a maggio.

L’aumento maggiore della spesa è stato registrato per l’acquisto di mobili, l’hardware, gli elettrodomestici e i beni ricreativi. Questi beni durevoli sono aumentati del 24%, raggiungendo i 310 milioni di dollari. Al culmine della crisi, poche persone acquistavano questi articoli.

Il secondo maggiore acquirente è stato quello dei materiali di consumo come supermercati e negozi di liquori, il cui prezzo è salito dell’11% a 205 milioni di dollari. In una dichiarazione, Kathy Hicks dell’ufficio statistico ha detto:

“Le vendite di materiali di consumo rimangono al rialzo dopo il lockdown, mentre il settore dell’ospitalità sta ancora cercando di rimettersi in piedi. Sembra che la gente continui a spendere più per la spesa che per andare nei ristoranti o comunque per mangiare fuori”.

Dei sei settori del commercio al dettaglio, solo i settori dei carburanti e dell’ospitalità hanno registrato un calo della spesa. I neozelandesi hanno acquistato carburante per un valore di 84 milioni di dollari e hanno speso circa 74 milioni di dollari per l’ospitalità.

Nel frattempo, la spesa per le carte di credito è diminuita del 20% a 18 miliardi di dollari rispetto allo stesso trimestre del 2019. Questo calo è stato parzialmente compensato da un aumento delle spese per i materiali di consumo.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Dati economici della Nuova Zelanda positivi

Oltre alle vendite al dettaglio, altri dati economici in Nuova Zelanda sono risultati positivi. All’inizio di questo mese, i dati del bureau hanno mostrato che i nuovi numeri di consenso domestico sono aumentati del 64% da aprile a maggio. È stato il più grande aumento dal 1972.

Il numero di case è salito a 3.554 da un minimo storico di 2.168 del mese precedente. Questo aumento è stato trainato soprattutto da un aumento del 42% delle abitazioni indipendenti, che sono salite a 1.926. Nel rapporto, l’ufficio ha detto:

“Anche se i numeri mensili del consenso domestico possono essere influenzati dai tempi dei grandi progetti di multiabitazioni, sia i numeri effettivi che quelli destagionalizzati di maggio mostrano una forte ripresa dopo il debole mese di aprile”.

Tuttavia, la questione principale è se la Nuova Zelanda sarà in grado di mantenere lo slancio man mano che la situazione si normalizza.

Prospettive tecniche NZD/USD

NZD/USD
Previsione tecnica NZD/USD

La coppia NZD/USD è quotata a 0,6555, che è inferiore al massimo di ieri di 0,6600. Sul grafico giornaliero, il prezzo è superiore alle medie mobili esponenziali a 50 e a 100 giorni. Il prezzo è anche al di sopra della linea di tendenza ascendente che è mostrata in rosso.

La coppia ha anche formato un modello grafico evening star, il che significa che il prezzo è probabile che continui a scendere. Mentre il trend generale è rialzista, mi aspetto che il prezzo scenda al livello di supporto a 0,6500.