3 titoli azionari legati al 5G che beneficeranno dell’uscita di Huawei dal Regno Unito

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… leggi di piú.
on Lug 16, 2020
  • Il Regno Unito impedisce ai provider mobili di acquistare attrezzature 5G Huawei dopo il 31 dicembre.
  • La Cina avverte che prenderà provvedimenti per proteggere gli "interessi legittimi" delle aziende cinesi.
  • Nokia, Ericsson e Nec sono in trattative per sostituire Huawei nel Regno Unito.

Ieri il Regno Unito ha preso la tanto attesa decisione di vietare ai provider di telefonia del Regno Unito di acquistare attrezzature 5G Huawei dopo il 31 dicembre. L’uscita di Huawei dal mercato britannico offrirà ora più spazio ad altri importanti operatori 5G che probabilmente beneficeranno della guerra commerciale in corso tra USA e Cina.

L’UK banna Huawei dalla sua infrastruttura 5G

Oliver Dowden, Segretario di Stato per il digitale, la cultura, i media e lo sport, ha dichiarato alla Camera dei Comuni che ai provider di telefonia mobile nel Regno Unito sarà vietato l’acquisto di apparecchiature 5G Huawei dopo il 31 dicembre. Tutti gli operatori dovranno sbarazzarsi di tutte le apparecchiature 5G di Huawei dalle proprie reti entro il 2027.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

La decisione fa seguito alle sanzioni imposte a Huawei dall’amministrazione di Trump. Gli Stati Uniti ritengono che Huawei rappresenti una minaccia alla sicurezza nazionale, un’accusa negata dalla società cinese.

Il Segretario ha detto che le sanzioni ritarderanno il lancio del 5G nel Paese di un anno. Inoltre, la decisione di vietare le apparecchiature Huawei, insieme alle precedenti sanzioni imposte al colosso cinese della tecnologia, costerà al Regno Unito fino a 2 miliardi di sterline. Questo include un ritardo generale al lancio del 5G di due o tre anni.

La tecnologia 5G migliorerà notevolmente la velocità di internet e aumenterà la capacità dei dispositivi di telefonia, il che rappresenta una novità assoluta. La nuova tecnologia di rete cellulare è già disponibile in diverse città britanniche, ma la copertura non è ancora ottimale.

“Non è stata una decisione facile, ma è quella giusta per le reti di telecomunicazione del Regno Unito, per la nostra sicurezza nazionale e per la nostra economia, sia ora che a lungo termine”, ha detto Dowden.

Le restrizioni statunitensi contro Huawei riguardano solo il 5G e altre apparecchiature future, e al governo è stato detto che non ci sono motivi di sicurezza per rimuovere anche le apparecchiature 2G, 3G e 4G di Huawei.

La società tecnologica di Shenzhen ha condannato la decisione del Regno Unito, sostenendo che è “una cattiva notizia per chiunque nel Regno Unito abbia un telefono cellulare” e ha minacciato di “spostare la Gran Bretagna nella corsia lenta del mondo digitale, aumentando le spese telefoniche e ingrandendo il divario digitale”.

Ci si aspetta che la Cina reagirà

Liu Xiaoming, ambasciatore della Cina nel Regno Unito, ha descritto la mossa come “deludente e sbagliata”.

“Il modo in cui trattate Huawei sarà seguito molto da vicino da altre imprese cinesi”.

Hua Chunying, il portavoce del governo cinese, ha detto che la Cina prenderà provvedimenti per proteggere gli “interessi legittimi” delle aziende cinesi.

“Il Regno Unito ha usato rischi infondati come scusa per cooperare con gli Stati Uniti, violando i relativi impegni presi dal Regno Unito”, ha dichiarato Ms Hua.

D’altra parte, il presidente Donald Trump ha accettato la decisione del Regno Unito.

“Abbiamo convinto molti, moltissimi Paesi a non usare Huawei perché pensiamo che sia un rischio per la sicurezza. È una cosa che per la maggior parte ho fatto io stesso, ” ha dichiarato Trump.

Huiyao Wang, un consulente del governo cinese, ha dichiarato in un’intervista alla BBC che il governo cinese spera ancora che le nuove sanzioni imposte dal Regno Unito saranno annullate ancora prima di entrare in vigore.

D’altro canto, se le sanzioni dovessero effettivamente entrare in vigore, potrebbero influenzare gli investimenti cinesi nel Regno Unito.

“Va contro la tradizione del Regno Unito in quanto leader del mondo liberale aperto nel libero scambio”, ha detto il fondatore e presidente del Center for China and Globalization.

Secondo il governo britannico, la decisione di vietare le apparecchiature Huawei si è basata sulle raccomandazioni dei capi della sicurezza che sostengono di non poter più ridurre al minimo i rischi che le apparecchiature Huawei comportano.

“Spinge davvero tutta la produzione, la progettazione e i test in Cina e rende estremamente difficile per chiunque vedere cosa sta succedendo”, Robert Hannigan, l’ex presidente della sede centrale del governo per le comunicazioni,

3 titoli da acquistare

Non è un segreto che Huawei ha il progetto 5G più avanzato al mondo. Mentre i principali operatori di mercato, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, si stanno muovendo contro il colosso tecnologico cinese, altri stanno recuperando terreno.

  • Nokia

Questa notizia molto attesa dal Regno Unito si è quasi immediatamente tradotta in guadagni per Nokia (EPA: NOKIA). L’azienda tecnologica finlandese ha visto le sue azioni salire di quasi il 3% in seguito all’annuncio, prima di perdere i guadagni per chiudere la giornata allo 0,68% in verde.

Nokia è uno dei partner 5G preferiti dagli Stati Uniti. Sia Nokia che Ericsson sono nominati come chiari precursori per sostituire Huawei nel Regno Unito.

Image for Nokia Broadcom partnership
Nokia

“Abbiamo la capacità e l’esperienza per sostituire tutte le apparecchiature Huawei delle reti del Regno Unito su scala e velocità”, ha dichiarato Cormac Whelan, CEO di Nokia per il Regno Unito e l’Irlanda.

Il titolo Nokia è quotato a 3,74 euro a Helsinki, in calo dell’1,1% rispetto a ieri. Le azioni Nokia sono finora in crescita del 12% nel 2020. Il titolo Nokia è precipitato la scorsa settimana a causa delle notizie secondo cui potrebbe perdere Verizon, uno dei suoi clienti chiave.

  • Ericsson

Ericsson è considerato in una fase di sviluppo più avanzata rispetto a Nokia. Si ritiene che il fornitore svedese di infrastrutture mobili abbia già firmato quasi 100 contratti 5G.

Il loro rappresentante ha fatto eco alle dichiarazioni della sua controparte Nokia.

Image for Ericsson write-down
Ericsson

“Siamo pronti a lavorare con gli operatori del Regno Unito per rispettare i loro orari, senza disturbare i clienti”, ha dichiarato Arun Bansal, Presidente delle divisioni Europa e America Latina di Ericsson.

Le azioni Ericsson hanno raggiunto un nuovo massimo quinquennale a giugno, grazie ai nuovi contratti 5G. Il prezzo delle azioni Ericsson è aumentato del 3,6% questa settimana.

  • Nec

Nec Corp. (TYO: 6701) è la favorita nella corsa ad aggiudicarsi una parte dei lucrosi contratti di Huawei nel Regno Unito. NEC sta lavorando allo sviluppo dell’infrastruttura 5G insieme a Nippon e Telephone. Queste due aziende hanno investito 560 milioni di dollari in NEC per contribuire ad accelerare i piani di sviluppo.

L’azienda tecnologica sta sostenendo un nuovo modello “orizzontale” che vedrà diversi fornitori di attrezzature fornire parti diverse invece della solita modalità “verticale”. Quest’ultima è adottata da Huawei, Ericsson e Nokia, che controllano oltre l’80% della quota di mercato 5G in quanto lavorano per fornire tutte le attrezzature necessarie in un unico pacchetto.

L’azienda giapponese ha visto il prezzo delle sue azioni salire di oltre l’80% dall’inizio di marzo. Il prezzo delle azioni Nec ha raggiunto quota 5.790 questo mese per la prima volta da luglio 2008.

In sintesi

Dopo che il governo di Johnson ha vietato agli operatori di telefonia mobile del Regno Unito di acquistare apparecchiature 5G Huawei, altri importanti fornitori di infrastrutture mobili si sono mossi rapidamente per sostituire il colosso cinese tecnologico. Le azioni di Nokia, Ericsson e Nec sono aumentate in previsione di potenziali trattative con le autorità britanniche.