Il prezzo di Bitcoin arriva $ 12mila, quello di Ethereum raggiunge i massimi di 2 anni

By: Michael Harris
Michael Harris
Specializzato in economia dal mondo accademico, con una passione per il trading finanziario, Michael Harris ha collaborato regolarmente a… read more.
on Ago 2, 2020
  • Le monete digitali più grandi del mondo vengono scambiate in modo instabile durante il weekend.
  • Il prezzo d bitcoin è salito sopra i $ 12mila prima di scendere di $ 1.500 in 15 minuti.
  • Ethereum sembra ancora il più forte, dopo aver registrato un nuovo massimo di 2 anni sopra i $ 400

Il mercato delle criptovalute è stato scambiato in modo instabile durante il fine settimana. Il prezzo di bitcoin è salito sopra i 12mila dollari per la prima volta in un anno, mentre Ethereum ha raggiunto i livelli più alti da agosto 2018.

Complessivamente, quasi 1,5 miliardi di dollari sono stati liquidati sui principali exchange di criptovalute dopo che i maggiori asset digitali del mondo si sono schiantati in soli 15 minuti dopo aver registrato nuovi massimi, prima di spingersi di nuovo verso l’alto.

Bitcoin: 1 miliardo di dollari liquidato in 15 minuti

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il prezzo di Bitcoin (BTC) è riuscito a guadagnare oltre il 4% ieri per chiudere sopra 11,800 dollari. Sostenuti da una forte chiusura giornaliera, gli acquirenti hanno accelerato il rally spingendo l’azione dei prezzi sopra i 12.000 dollari, prima che la più grande moneta digitale del mondo si ritirasse in modo spettacolare.

Il prezzo di bitcoin è sceso da 12,100 dollari a meno di 10,600 dollari in 15 minuti durante la notte. Dato che la zona intorno a 11,500 dollari è la precedente resistenza, i tardi acquirenti BTC hanno sfruttato questa opportunità andare in long. L’azione del prezzo è poi rapidamente tornata a oltre 11.000 dollari.

Grafico giornaliero del prezzo Bitcoin (TradingView)

Non sembra esserci alcun motivo chiaro che spieghi perché BTC per un valore di 1 miliardo di dollari sia stato liquidato in così poco tempo. Una potenziale giustificazione potrebbe essere che alcuni dei protagonisti principali sono saliti oltre i 12.000 dollari per raccogliere i loro profitti.

In alternativa, questa mossa è avvenuta nel fine settimana in cui la liquidità è ridotta, quindi è più probabile che si verifichino movimenti esplosivi in queste condizioni di mercato.

Guardando al futuro, i rialzisti non sono stati in grado di etichettare la linea di estensione di Fibonacci al 161,8% sopra i 12,300 dollari. Questo è stato l’obiettivo degli acquirenti dopo aver eliminato la resistenza di 10.500 dollari, che ora fungerà da forte linea di supporto.

Ethereum registra i massimi di 2 anni

Non è stato un segreto che il prezzo di Ethereum (ETH) sia sembrato più forte di Bitcoin ultimamente. Dato che queste due risorse digitali sono strettamente correlate, i rialzisti di Ethereum sono riusciti a fare ciò che le loro controparti BTC non sono riuscite a realizzare.

Uno dei motivi potenziali per questo è che gli investitori al dettaglio stanno facendo trading di Bitcoin con Ethereum. La fornitura di token bitcoin (BTC) è cresciuta di oltre il 70% a luglio. Quindi, quasi 100 milioni di dollari di Bitcoin si sono trasferiti a Ethereum a luglio.

Grafico giornaliero del prezzo Ethereum (TradingView)

Sulla sua strada più in alto, rialzisti di ETH sono arrivati alla linea di estensione Fibonacci al 161,8% vicino a 415. Ciò indica che Ethereum è in una forma migliore rispetto alla più grande moneta digitale del mondo per valore di mercato. Il livello più alto significava anche che la ritirata di Ethereum era di natura più mite.

Allo stesso modo, gli acquirenti di Ethereum hanno utilizzato questo ritiro a 325 dollari per acquistare ETH e spingerlo ancora più in alto. La zona intorno a 400 dollari è anche sede di una forte confluenza di livelli di resistenza orizzontale. Pertanto, possiamo aspettarci che quest’area sia difficile da decifrare.

XRP combatte la propria battaglia

Anche il prezzo di Ripple (XRP) è esploso per seguire Bitcoin ed Ethereum in rialzo. I rialzisti hanno spinto l’azione dei prezzi a 0,3250 dollari, che è un nuovo massimo di 5 mesi per Ripple. Ancora più importante, l’azione del prezzo ha taggato per la prima volta in media la media mobile settimanale dei 100 periodi.

Grafico giornaliero del prezzo Ripple (TradingView)

Una chiusura al di sopra di questo indicatore tecnico potrebbe attrarre un maggiore interesse all’acquisto in XRP. In questo caso, è probabile che i rialzisti puntino a una mossa a 0,3450 dollari dove si trovano i massimi del 2020. Un obiettivo a lungo termine per gli acquirenti è la linea di tendenza discendente a 2 anni che scende appena sotto il segno di 0,40 dollari.

Bitcoin SV: l’anello più debole?

Il prezzo di Bitcoin SV (BSV) è passato a livelli superiori a 250 dollari, che è l’azione di prezzo più alta registrata da febbraio di quest’anno. La zona intorno a 250 dollari ospita due importanti livelli di resistenza: la resistenza orizzontale e la linea di estensione Fibonacci al 127,2%.

Grafico giornaliero del prezzo di Bitcoin SV (TradingView)

Tuttavia, sembra che BSV sia anche il più esposto a un pullback in quanto attualmente scambia il 10% in meno nel corso della giornata. Se i rialzisti non riescono a chiudere sopra la linea di resistenza/supporto orizzontale a 227 dollari, potremmo vedere un pullback più profondo la prossima settimana.

Lo scenario rialzista per BSV si basa su una rottura di 255 dollari per colpire i 286 dollari – la linea di resistenza di Fibonacci al 161,8%.

Chainlink punta su nuovi massimi

Il prezzo di Chainlink (LINK) ricorda un classico scenario “acquisto con sconto”. Una caratteristica chiave di forti tendenze rialziste è che gli investitori stanno usando ogni acquisto come un’opportunità. Dopo aver guadagnato oltre il 6,5% ieri, gli investitori di LINK hanno continuato a spingere al rialzo l’azione dei prezzi per avvicinarla ai massimi record fissati il mese scorso.

Grafico giornaliero del prezzo di Chainlink (TradingView)

Il calo di oggi al di sotto del segno di 7,00 dollari è stato nuovamente utilizzato per acquistare LINK e spingerlo di oltre il 20%, a 8,52 dollari, dove attualmente viene scambiato. Il massimo storico è a 8,90 dollari mentre gli acquirenti osservano una mossa a nord dell’handle di 9,00 dollari.

In sintesi

  • Quasi 1,5 miliardi di dollari sono stati liquidati sui principali exchange di criptovalute dopo che i maggiori asset digitali del mondo sono crollati in soli 15 minuti;
  • Prima di questo crash flash, Bitcoin ed Ethereum sono saliti più in alto per raggiungere rispettivamente nuovi massimi da 1 e 2 anni;
  • Gli acquirenti di XRP che lottano per chiudere al di sopra della maggiore resistenza a lungo termine;
  • Bitcoin SV è scambiato di circa il 10% in meno nel corso della giornata, segnalando una potenziale debolezza a un pullback più elevato
  • Le prospettive per il prezzo di LINK sembrano ancora positive poiché gli acquirenti guardano al passaggio a nuovi massimi record superiori a 8,90 dollari.