Anteprima FOMC: indice del dollaro sotto pressione prima della decisione della Fed

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Set 15, 2020
  • L'indice del dollaro USA è sotto pressione poiché il mercato attende la decisione della Fed sui tassi di interesse.
  • L'indice è sceso negli ultimi tre giorni consecutivi e viene scambiato al livello più basso da venerdì.
  • Gli analisti intervistati dalla CNBC prevedono che la banca lascerà i tassi invariati fino al 2023.

L’indice del dollaro USA (DXY) è al suo terzo giorno consecutivo in rosso mentre i trader attendono la decisione sul tasso di interesse della Federal Reserve. L’indice viene scambiato a 92,83 dollari, il minimo dal venerdì della scorsa settimana.

Dollar index
Il dollaro crolla in attesa del FOMC

Il dollaro crolla in attesa del FOMC

L’indice del dollaro sta scendendo oggi mentre il dollaro si indebolisce contro tutte le altre valute. È in calo dello 0,55% contro la sterlina britannica, dello 0,25% contro l’euro e il franco svizzero e dello 0,20% contro lo yen giapponese.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il declino avviene in quanto il Federal Open Market Committee (FOMC) tra due giorni darà il via a una riunione. Prima dell’incontro, un sondaggio tra gli economisti della CNBC ha rilevato che la maggior parte di loro ritiene che la banca lascerà i tassi invariati fino al 2023. Si aspettano che la banca attenda circa 6 mesi dopo che il tasso di inflazione salirà al di sopra del 2%.

Gli analisti si aspettano inoltre che la banca lasci intatta la sua politica di allentamento quantitativo aperta nella riunione politica di questa settimana. Questa politica ha visto il bilancio della Fed salire da poco meno di 4 trilioni di dollari nel marzo di quest’anno a più di 7 trilioni di dollari.

Questo incontro avviene due settimane dopo che il presidente della Fed ha rilasciato una dichiarazione relativamente accomodante al vertice virtuale di Jackson Hole. Nel suo discorso, ha affermato che la banca tollererà tassi di inflazione più elevati mentre cerca di abbassare il tasso di disoccupazione. Ciò significa che la banca non sarà sotto pressione per intervenire una volta che l’inflazione avrà superato l’obiettivo del 2%.

La scorsa settimana, i dati dagli Stati Uniti hanno mostrato che l’indice dei prezzi al consumo principale è aumentato dello 0,4% ad agosto. Ciò ha spinto il tasso annuale all’1,3%. Il CPI core, che esclude il cibo e l’energia, è aumentato dello 0,4% dopo essere aumentato dello 0,6% nel mese precedente. Un giorno prima, i dati hanno mostrato che l’indice dei prezzi alla produzione è aumentato dello 0,3% in agosto.

La riunione del FOMC arriva in un momento in cui i dati economici degli Stati Uniti sono stati relativamente stabili. All’inizio di questo mese, i dati di ISM e Markit hanno mostrato che il PMI manifatturiero e dei servizi è rimasto sopra i 50 in agosto. Un altro dato del Bureau of Labor Statistics ha mostrato che gli Stati Uniti hanno aggiunto più di 1,3 milioni di posti di lavoro quando il tasso di disoccupazione è sceso all’8,4%. Di conseguenza, gli analisti hanno iniziato a rivedere la loro guida per l’intero anno. Gli analisti prevedono una contrazione del PIL del 2,6% quest’anno, rispetto al precedente 4,6%.

Previsioni tecniche sull’indice del dollaro USA

US dollar index
Grafico tecnico dell’indice del dollaro USA

Il grafico mostra che i tentativi del Dollar Index a rimbalzo trovano forte resistenza al livello di 93.63 dollari, il 9 settembre. Da allora, l’indice ha registrato una tendenza al ribasso e ora viene scambiato a 92,82 dollari. Il prezzo è ancora al di sotto delle medie mobili ponderate di 50 e 25 giorni. Allo stesso modo, l’indice direzionale medio (ADX) è sceso al livello più basso dal 9 luglio.

Pertanto, sembra che i ribassisti abbiano prevalso, il che significa che è una questione di tempo prima che l’indice ritestasse il minimo da inizio anno a 91,73 dollari.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro