USD/JPY sale dopo la decisione sui tassi della BOJ; scese previsioni di crescita

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo figlio e… read more.
on Ott 29, 2020
  • La coppia USD/JPY è rimbalzata prima e dopo la decisione sui tassi di interesse della BOJ.
  • La banca ha lasciato invariati i tassi di interesse, il QE e il programma di controllo della curva dei rendimenti.
  • Si è inoltre impegnata a intervenire se la situazione peggiorasse.

La coppia USD/JPY è aumentata dello 0,15% poiché i trader hanno reagito alla decisione sui tassi di interesse della Banca del Giappone (BOJ). È quotata a 104,46, che è leggermente al di sopra del minimo di ieri pari a 104,10.

USD/JPY
USD/JPY sale dopo la decisione della BOJ

Decisione sui tassi di interesse della Banca del Giappone

La Banca del Giappone è stata una delle banche centrali più attive nel mercato quest’anno. Sebbene non abbia tagliato i tassi come le controparti, ha utilizzato altri strumenti per sostenere la terza economia più grande del mondo.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Queste misure, insieme a quelle attuate dal governo giapponese, hanno aiutato il Giappone a superare la peggiore recessione degli ultimi decenni. L’economia si è contratta del 7,9% nel Q2, meglio di Paesi simili come Stati Uniti, Eurozona e Regno Unito.

Oggi, il comitato di politica monetaria della Banca ha emesso la sua decisione sui tassi di interesse. La banca ha deciso di lasciare i tassi invariati a -0,10%, in linea con quanto si aspettava la maggior parte degli analisti intervistati da Reuters. Ha inoltre lasciato invariato il suo programma di allentamento quantitativo (QE) e il controllo della curva dei rendimenti.

Per cominciare, il QE è un processo in cui la banca acquista titoli di stato e altri tipi di obbligazioni. Ciò aiuta a fornire liquidità e spinge il debito pubblico complessivo a prezzi accessibili. In effetti, questo programma ha visto il bilancio della banca salire da ¥569 trilioni nel settembre dello scorso anno agli attuali ¥689 trilioni.

Il controllo della curva dei rendimenti, invece, è finalizzato alla gestione dei tassi di interesse a lungo termine. In questo caso la banca ha posto un target del -0,1% ai bond di Stato decennali.

Nella sua dichiarazione, Hurohiko Kuroda, il governatore della banca, ha affermato che la stessa si è impegnata a sostenere l’economia con il peggioramento della situazione economica globale. Per raggiungere questo obiettivo, ha detto che l’istituto di credito lascerà i suoi strumenti invariati e possibilmente li abbasserà se le cose peggioreranno. Ha evidenziato:

“La banca continuerà con l’allentamento monetario quantitativo e qualitativo con il controllo della curva dei rendimenti, con l’obiettivo di raggiungere l’obiettivo di stabilità dei prezzi del 2%, purché sia necessario per mantenere l’obiettivo in modo stabile”.

Nel frattempo, la banca giapponese prevede un peggioramento dell’economia. Ora si aspetta che l’economia scenda tra il 5,6% e il 5,3% quest’anno. La previsione è peggio del range precedente tra il 5,7% e il 4,5%. Allo stesso modo, prevede che l’inflazione scenderà tra lo 0,7% e lo 0,5%, rispetto alla stima precedente dello 0,6% e dello 0,4%.

Previsioni tecniche USD/JPY

USD/JPY
Grafico tecnico USD/JPY

Sul grafico a quattro ore, oggi vediamo che la coppia USD/JPY è rimbalzata. Si è spostata dal minimo di ieri di 104,13 al livello attuale di 104,47. Inoltre, la coppia ha formato un motivo cup and handle invertito, mostrato in nero. È ancora leggermente al di sotto delle medie mobili esponenziali a 25 e 15 giorni. Ancora più importante, è nella quinta ondata del modello delle onde di Elliot. Pertanto, sospetto che questi guadagni saranno limitati e che la coppia riprenderà la tendenza al ribasso nel breve termine.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro