EUR/USD in calo per le preoccupazioni sui finanziamenti dell’UE

Scritto da: Crispus Nyaga
Novembre 19, 2020
  • EUR/USD è calato oggi mentre i trader si sono concentrati nuovamente sulla crisi dei finanziamenti dell'UE.
  • L'Ungheria e la Polonia hanno minacciato di porre il veto al bilancio settennale sulle clausole sullo stato di diritto
  • Il crescente rischio di blocchi negli Stati Uniti ha anche portato a un dollaro complessivamente forte.

L’EUR/USD è in calo dello 0,20% con l’inizio di un importante vertice virtuale nell’Unione Europea e con il numero di morti di COVID negli Stati Uniti che supera i 250.000. Viene scambiato a 1,1830, che è dello 0,55% inferiore al massimo di questo mese di 1,1893.

EUR/USD
EUR/USD grafico orario

I leader dell’UE deliberano sul bilancio

L’euro oggi è in calo mentre i partecipanti al mercato guardano al vertice virtuale in corso dei leader europei. Stanno deliberando il bilancio settennale da 1,8 trilioni di euro e il fondo di recupero da 750 miliardi di euro approvato nel luglio di quest’anno.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il nocciolo dell’attuale controversia è che due Paesi – Polonia e Ungheria – hanno bloccato il bilancio, che richiede il voto di tutti i membri. I due Stati membri sono contrari a una clausola approvata dal parlamento europeo che vincolava i fondi a norme democratiche. I loro leader sostengono che la clausola pone serie implicazioni per la sovranità dei loro Paesi. Un editoriale di Bloomberg ha riassunto bene la situazione dicendo

“O il blocco abbandona un meccanismo che legherebbe parte dei suoi fondi allo stato di diritto, che Budapest e Varsavia sono accusati di smantellare, oppure l’UE può dire addio al suo prossimo bilancio settennale e un programma di stimolo associato per superare il recessione del Coronavirus”.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Aumentano le morti e i casi di COVID negli Stati Uniti

Anche la coppia EUR/USD è in calo, in parte a causa del dollaro USA più forte, poiché la situazione del COVID negli Stati Uniti è fuori controllo. Il Paese ha confermato ieri più di 172.000 casi e più di 1900 decessi. Ciò ha portato le morti totali a più di 250.000, che è equivalente al totale mondiale.

Pertanto, sebbene siano stati compiuti notevoli progressi sui vaccini, gli analisti temono che la situazione possa sfuggire di mano. Questo perché, anche quando i vaccini vengono approvati, ci vorranno diversi mesi prima che tutti nel Paese ricevano un’iniezione.

Allo stesso tempo, molti Stati del Paese hanno iniziato ad attuare nuovi blocchi, che inevitabilmente rallenteranno la ripresa. In effetti, i numeri economici pubblicati questa settimana sono stati contrastanti. Ad esempio, oggi, i dati del dipartimento del lavoro hanno mostrato che il numero di richieste di sussidio di disoccupazione iniziali è aumentato di oltre 742.000 la scorsa settimana. Questo numero era superiore all’aumento di 711.000 della settimana precedente.

Allo stesso modo, martedì, i numeri hanno mostrato che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate solo dello 0,3% in ottobre, il ritmo più basso da maggio. E ieri, i dati hanno rivelato che i permessi di costruzione statunitensi sono scesi a 1.545 milioni in ottobre.

Panoramica tecnica EUR/USD

EUR/USD
EUR/USD grafico

Il grafico orario mostra che la coppia EUR/USD ha registrato una forte tendenza al ribasso da martedì di questa settimana, quando ha raggiunto un massimo di 1,1895. Oggi, la coppia ha raggiunto un minimo intraday di 1,1816 e ha formato un debole pattern hammer.

Il prezzo è compreso tra il primo e il secondo livello di supporto del forcone di Andrews. È anche al di sotto del pattern head-and-shoulder a 1.1843.

L’indice direzionale medio si è spostato a un massimo di 30, segno che la tendenza al ribasso si sta rafforzando. In quanto tale, la mia opinione è che la coppia continuerà a scendere almeno a 1,1800.

Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare, soprattutto se ci sarà una svolta in Europa. Per sfruttare questa volatilità, puoi aprire un conto di trading con uno dei nostri broker forex preferiti con spread betting.