Indice dollaro USA (DXY) possibile calo di un altro 10%, Morgan Stanley

Scritto da: Crispus Nyaga
Dicembre 3, 2020
  • La caduta libera dell'indice del dollaro USA è continuata nel trading notturno.
  • Gli analisti di Goldman Sachs, Morgan Stanley e JP Morgan si aspettano che questo crollo continui.
  • Il prossimo obiettivo, basato sul grafico settimanale, è 88$, il minimo di febbraio 2018.

Il sell-off dell’indice del dollaro USA (DXY) ha subito un’accelerazione nel commercio notturno a causa dell’aumento della domanda di altre valute. È quotato a 90,76$, il minimo da aprile 2018.

Indice del dollaro USA in caduta libera

La debolezza del dollaro continua

Quest’anno, l’indice del dollaro USA è salito a un massimo pluriennale di 103$ dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato il Covid-19 una pandemia globale.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Da allora, la domanda di valuta è diminuita, il che l’ha spinta al ribasso di oltre l’11%. D’altra parte, le altre valute che compongono l’indice del dollaro come l’euro, il franco svizzero e la sterlina hanno raggiunto i massimi pluriennali.

Allo stesso modo, anche le valute dei mercati emergenti hanno registrato un forte rally. Il rand sudafricano ha guadagnato oltre il 20% mentre il rand messicano ha aggiunto oltre il 22% del suo valore. Altre valute dei mercati emergenti che hanno registrato un rally rispetto al dollaro sono il dollaro di Singapore, il real brasiliano e lo yuan cinese, tra gli altri.

E gli analisti stanno crescendo estremamente ribassisti sul dollaro. In un rapporto di ieri, un analista di JP Morgan ha previsto che l’indice del dollaro continuerà a scendere nel 2021. Inoltre, in un altro rapporto, Mark Wilson, analista di Morgan Stanley, ha affermato che l’indice potrebbe scendere di un altro 10%. Goldman Sachs prevede che il dollaro scenderà del 6% nel 2021.

Un consiglio: cerchi un'app per investire oculatamente? Fai trading in tutta sicurezza iscrivendoti alla nostra preferita, eToro: visita e crea un account

Perché il dollaro è in caduta libera?

Ci sono tre ragioni principali per cui gli analisti sono sempre più ribassisti sull’indice del dollaro. In primo luogo, l’ascesa di un vaccino Covid ha eliminato alcuni rischi nel mercato. Questo perché il mondo probabilmente tornerà alla normalità nei prossimi mesi. In altre parole, non ci saranno più lockdown.

In secondo luogo, gli investitori forex credono che Joe Biden otterrà un sostegno sufficiente per inondare l’economia con stimoli record che svaluteranno significativamente il dollaro. Si è già impegnato a offrire uno stimolo multimiliardario quando presterà giuramento. Un altro stimolo arriverà sotto forma di infrastrutture e investimenti nell’energia pulita.

In terzo luogo, gli analisti ritengono che l’amministrazione Biden porterà a migliori relazioni statunitensi in tutto il mondo. In altre parole, non ci saranno guerre commerciali, che tendono ad andare bene per il dollaro.

Prospettive tecniche dell’indice del dollaro

Dollar index
Grafico tecnico dell’indice del dollaro USA

Nel grafico settimanale sottostante, vediamo che l’indice del dollaro ha registrato una forte tendenza al ribasso. Questa tendenza è supportata dalle medie mobili a breve e lungo termine, mentre l’indice di forza relativa (RSI) ha continuato a scendere.

Anche l’indice direzionale medio, che è una buona misura della forza di un trend, ha continuato a salire. Questi indicatori sono forniti dalla maggior parte dei broker di spread betting sul forex.

Pertanto, esiste la possibilità che l’indice scenda di un altro 3,3% per arrivare al minimo toccato per l’ultima volta a febbraio 2018, pari a 88,28$.