Rapporto: centinaia di CFO ottimisti sulle prospettive macro

By: Jayson Derrick
Jayson Derrick
Jayson vive a Montreal con sua moglie e sua figlia, ama guardare l'hockey ed è alla ricerca di una… read more.
on Dic 22, 2020
  • Un sondaggio condotto su 300 CFO ha indicato una prospettiva rialzista per il 2020.
  • I dirigenti stanno modellando le entrate della loro azienda per crescere di quasi il 7%.
  • Tuttavia, l'ipotesi si basa su un lancio di successo di vaccini per combattere il COVID-19.

A pochi giorni dall’inizio del 2021, i chief financial officer di centinaia di società statunitensi sono ottimisti sull’ambiente macro e si aspettano che le loro attività si riprendano nei prossimi anni, ha riportato il Wall Street Journal.

Indagine CFO

La Fuqua School of Business della Duke University in collaborazione con le Federal Reserve Banks di Atlanta e Richmond ha intervistato circa 300 CFO. In media, i vertici finanziari prevedono che le entrate della loro singola azienda aumentino del 6,9% nel 2020. Ciò rappresenta un notevole aumento rispetto alle previsioni del 2020 con un aumento dei ricavi di appena lo 0,3%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Il professor John Graham ha commentato che i CFO “stanno vedendo oltre la nube della pandemia”. Sebbene parte della crescita prevista nel 2021 provenga dalla “base bassa” che è stata osservata nel 2020.

I risultati sono più o meno coerenti con quanto visto in indagini simili. L’American Institute of Certified Public Accountants ha osservato che il 37% degli esperti intervistati prevede che l’economia statunitense migliorerà nel corso del prossimo anno. Tra questi, il 49% si aspetta che la propria azienda cresca nello stesso periodo.

A parte le prospettive macro, alcuni analisti stanno anche cercando di prevedere i prezzi del greggio e del Brent per l’inizio del 2021.

Nessuna garanzia di crescita

Non ci sono garanzie di crescita economica nel 2021 e gran parte delle prospettive macro rialziste dipendono dal successo del lancio di vaccini per combattere la pandemia di COVID-19, ha anche detto il professore. La comunità dei CFO presume per lo più che il lancio del vaccino avrà successo, ma anche il minimo “intoppo” rappresenta “un altro livello di rischio”.

Un sondaggio separato dei CFO condotto da Deloitte, contabilità e consulenza, ha rilevato che il 70% dei dirigenti si aspetta che un vaccino farà scattare l’economia in avanti entro la metà del prossimo anno.

I CFO sono preoccupati per i cambiamenti fiscali

Il sondaggio Duke ha rilevato che i CFO sono preoccupati che il presidente eletto Joe Biden potrebbe introdurre modifiche al codice fiscale e introdurre nuove normative che ostacoleranno gli affari. L’ex vicepresidente ha dichiarato di voler aumentare l’aliquota dell’imposta sulle società dal 21% al 28%.

Vuole anche introdurre nuove leggi fiscali che impongano un’aliquota fiscale minima del 15% su tutte le aziende che generano un profitto di almeno 100 milioni di dollari e impongono tasse più elevate sul reddito guadagnato dalle filiali estere delle società americane, secondo WSJ.

Inoltre, un’amministrazione Biden potrebbe imporre una nuova sanzione fiscale del 10% alle società che esternalizzano le operazioni al di fuori dei confini statunitensi. Ma il rovescio della medaglia, la sua amministrazione prenderebbe in considerazione un credito d’imposta per le imprese che creano posti di lavoro negli Stati Uniti.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro