Santoli della CNBC: gli hedge fund non sono “potenti predatori”

By: Jayson Derrick
Jayson Derrick
Jayson vive a Montreal con sua moglie e sua figlia, ama guardare l'hockey ed è alla ricerca di una… read more.
on Gen 31, 2021
  • Gli hedge fund che fanno shorting non sono "potenti predatori", sostiene Mike Santoli della CNBC.
  • La vendita allo scoperto è storicamente una strategia meno redditizia.
  • Gli hedge fund che fanno shorting hanno perso $50 miliardi netti a gennaio.

L’epica battaglia che si sta svolgendo con le azioni di GameStop Corp. (NYSE: GME) non è la battaglia tra Davide e Golia, come riportato da alcuni media. In effetti, gli hedge fund sono lontani dall’essere “potenti predatori” che portano a zero titoli tramite lo shorting, secondo Michael Santoli della CNBC.

La vendita allo scoperto non è una strategia redditizia

In generale, la vendita allo scoperto di azioni, non è solo una strategia costosa a causa dei costi aggiuntivi del prestito di azioni, ma lo shorting ha sottoperformato le negoziazioni, ha scritto Santoli per CNBC.com. I dati degli strateghi di JP Morgan la scorsa settimana hanno rilevato che negli ultimi anni il molto praticato shorting si è comportato principalmente in linea con il mercato, nel suo complesso.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

In effetti, i rendimenti annuali degli hedge fund long-short azionari negli ultimi cinque anni vanno da meno 3% a più 9%, come mostrano i dati di BarclayHedge. Tuttavia, nello stesso periodo di tempo, l’indice S&P 500 ha offerto in media un rendimento del 15% all’anno.

“Se gli hedge fund fossero rialzisti del mercato, in grado di farsi strada con le azioni in cui accumulano, perché si sarebbero limitati a ricompense così esigue?” ha scritto.

Nel caso di GameStop, ci sono molte ragioni per credere che gli hedge fund abbiano semplicemente commesso il costoso errore di spingersi troppo oltre su una posizione short e sono rimasti esposti e vulnerabili.

50 miliardi di dollari di perdite

I dati di Ortex indicano che i venditori allo scoperto hanno perso $50 miliardi dall’inizio del 2021. Naturalmente, la cifra elevata è il risultato diretto di un forte shorting su azioni che hanno subito un’impennata nella frenesia degli acquisti causata dai trader di Reddit.

L’analista di Piper Sandler, Richard Repetto, ha calcolato che GameStop e altri titoli oggetto di squeeze che hanno dominato i titoli nell’ultima settimana, rappresentano dal 4,6% al 7,6% del volume totale di azioni consolidate degli Stati Uniti, secondo quanto riportato Santoli. In prospettiva, lo stesso gruppo di azioni rappresenta in genere solo lo 0,5% del volume normale.

La volatilità infragiornaliera nell’ultima settimana è stata in media del 72,2% rispetto alla volatilità dell’1,5% del più ampio S&P 500.

Non c’è motivo di farsi prendere dal panico

Gli investitori che si aspettano che l’estrema volatilità vista in una manciata di azioni fortemente oggetto di shorting si riverserà sul mercato più ampio potranno dormire sonni tranquilli, ha continuato Santoli. La capitalizzazione di mercato totale di tutte le azioni con un rapporto short-float superiore al 20% è di soli $40 miliardi, cioè un decimo dell’1% della valutazione cumulativa di $40 trilioni del mercato azionario totale.

“E supponendo che il gioco dello squeeze-and-chase continui fino a quando nessuno ricorrerà più allo shorting, si otterrebbe un mercato con un margine ancora inferiore, che è un vento contrario per le azioni da una prospettiva diversa”, ha scritto.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro