USD/CHF in un range ristretto dopo i deboli dati sul tasso di disoccupazione in Svizzera

By: Crispus Nyaga
Crispus Nyaga
Crispus è un trader attivo, dove è seguito e copiato su Capital.com. Vive a Nairobi con sua moglie, suo… read more.
on Feb 8, 2021
  • Il prezzo USD/CHF è in un range ristretto dopo i deboli dati sull'occupazione svizzera.
  • Il tasso di disoccupazione del Paese è salito al 3,7% a gennaio.
  • I dati sono arrivati pochi giorni dopo i deboli numeri sull'occupazione negli USA.

La coppia USD/CHF si mantiene stabile al livello più basso da giovedì della scorsa settimana dato che gli investitori forex stanno reagendo ai numeri dei libri paga non agricoli degli Stati Uniti e al tasso di disoccupazione svizzera.

USD/CHF
Grafico USD/CHF

Dati deboli sull’occupazione negli Stati Uniti e in Svizzera

Venerdì, il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha pubblicato dati deboli sull’occupazione negli Stati Uniti che hanno provocato una forte svendita di dollari. L’ufficio ha affermato che l’economia americana ha aggiunto solo 40.000 posti di lavoro a gennaio mentre più stati hanno continuato a implementare lockdown localizzati. Il tasso di disoccupazione è sceso al 6,3% dal 6,7% mentre la crescita dei salari è aumentata dal 5,4% al 5,6%.

Sei alla ricerca di notizie tempestive, suggerimenti e analisi di mercato? Iscriviti oggi stesso alla newsletter di Invezz.

Oggi, anche l’ufficio di statistica svizzero ha pubblicato dati sull’occupazione relativamente deboli. Il tasso di disoccupazione del Paese è passato dal 3,5% di dicembre al 3,7% di gennaio, il tasso più alto da gennaio 2017. Inoltre è in costante aumento da novembre, quando è sceso al 3,2%.

In totale, più di 169.000 persone si sono registrate presso l’ufficio di disoccupazione. Tuttavia, il tasso di disoccupazione svizzero è migliore di quello di Paesi comparabili. In Germania il tasso è al 5,9% mentre in Svezia è salito a oltre l’8%.

Negli ultimi giorni, l’USD/CHF ha reagito anche ai numeri misti provenienti dalla Svizzera. La scorsa settimana, i dati della Segreteria di Stato dell’economia (SECO) hanno mostrato che la fiducia dei consumatori è diminuita a gennaio. La scorsa settimana, una società di statistiche ha pubblicato PMI manifatturieri relativamente solidi.

Alla fine di questa settimana, l’USD/CHF reagirà agli importanti dati sull’inflazione statunitense che verranno pubblicati mercoledì. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettano che i dati mostrino che il CPI complessivo è salito all’1,5% a gennaio. Inoltre, la coppia reagirà agli ultimi numeri di richieste di sussidi di disoccupazione e al dibattito in corso sullo stimolo USA al Congresso.

Prospettive tecniche USD/CHF

USD/CHF
Grafico tecnico USD/CHF

Il grafico a quattro ore mostra che il prezzo USD/CHF ha registrato una forte tendenza al rialzo nelle ultime settimane. Si è spostato dal minimo di 0,8756 da inizio anno al massimo della scorsa settimana di 0,9045, con un aumento del 3,30%.

La coppia è scoppiata anche sopra il modello rettangolare mostrato in rosa l’1 febbraio, che è un’ulteriore prova della forza dei rialzisti.

Venerdì, la coppia è scesa dopo i dati relativamente deboli sull’occupazione negli Stati Uniti. Tuttavia, il prezzo è al di sopra della linea di tendenza blu ascendente e all’importante psicologico a 0,900. Pertanto, la coppia rimarrà in questo trend rialzista fintanto che resterà al di sopra della linea di tendenza ascendente.

Investi in criptovaluta, azioni, ETF & altro in pochi minuti con il nostro broker preferito, eToro
7/10
Il 67% degli account che ricorre ai CFD perde denaro